Utente 179XXX
Salve, a seguito di un incedente stradale ho riportato i seguenti danni:
rottura scomposta tibia e perone trattata con chiodo, 9 costole rotte, lacerzione del polmone perforato da una costola con seguente operazione in torocotomia, frattura delle ossa nasali con leggera deviazione a sx, trombosi venosa profonda a seguito dell'intervento alla gamba trattata con filtro cavale che mi costringe ad assumere anticoagulanti per tutta la vita. Ecco vorrei sapere indicativamente quanti punti potrei avere aspettando l'esito del medico dell'assicurazione che mi ha visitato tanto da poter fare subito una prima valutazione per vedere se sono stati giusti nella valutazione. Grazie

[#1] dopo  
Dr. Nicola Mascotti

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
()

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2010
Spett.le Utente,

considerate le lesioni che Lei descrive, e con riferimento alle Tabelle valutative applicabili al caso, in via di ipotesi teorica si potrebbe considerare il danno biologico complessivo superiore al 9%.

Come Lei può ben capire, per avere una valutazione analitica e sostenibile nelle sedi opportune è necessaria una visita diretta da parte di un medico legale di Sua fiducia.

Distinti Saluti.
Nicola Mascotti,M.D.

[Si prega di non richiedere valutazioni o stime del grado di invalidità]

[#2] dopo  
Utente 179XXX

Grazie Dr Nicola Mascotti per la celere risposta io girovagando su internet ho trovato una tabella ed ero arrivato a 28 punti scegliendo sempre la percentuale minore di quelle che riportava per singola patologia (es da 2 a 4) conteggiavo 2.. magari è un ragionamento sbagliato il mio..è un punteggio esagerato secondo lei?

[#3] dopo  
Dr. Nicola Mascotti

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
()

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2010
Spett.le Utente,

come ho sottolineato nella precedente risposta, in questa sede si possono solo ipotizzare valutazioni.

Il concetto di danno biologico presuppone un accertamento dello stesso in sede peritale, previa visita diretta ed esame della documentazione clinica, perché la valutazione deve essere sostenibile nei riguardi della controparte, e quindi ben elaborata secondo la metodologia medico-legale.

Distinti Saluti.
Nicola Mascotti,M.D.

[Si prega di non richiedere valutazioni o stime del grado di invalidità]