Utente 445XXX
Da oltre un anno sono in infortunio per un incidente causato da un terzo responsabile. Volevo chiedere se tutti i giorni di infortunio Inail, ovviamente nelle varie percentuali decrescenti di inabilità, debbano essere conteggiati nel calcolo generale del rimborso per l' una-tantum riconosciuta per ITP dall' assicurazione del terzo responsabile. Grazie mille

[#1] dopo  
Dr. Carlo Paschina

24% attività
0% attualità
8% socialità
CAGLIARI (CA)
IGLESIAS (SU)
NUORO (NU)
ORISTANO (OR)
TORTOLI' (NU)

Rank MI+ 32
Iscritto dal 2008
esiste una consistente differenza fra l’inabilità temporanea assoluta INAIL e quella sia assoluta che parziale risarcita in Responsabilità Civile:

l'INAIL indennizza solo quella che è l'inabilità temporanea assoluta al 100% sulla base di criteri stabiliti dall'ente e strettamente correlati alla condizione lavorativa, necessità di interventi ed attesa per prestazioni sanitarie.

la Responsabilità Civile risarcisce sulla base di criteri che sostanzialmente riguardano la valutazione della progressiva ripresa funzionale a prescindere dalla condizione lavorativa e paga oltre l'inabilità temporanea assoluta quella parziale (per esempio al 75%, 50 % ecc) le differenze oltre che essere concettuali sono pure ‘monetarie’ nel senso che l’inabilità assoluta INAIL viene calcolata in rapporto all’effettivo guadagno/busta paga del lavoratore mentre l’inabilità RC è stabilita da tabelle ed ha un valore monetario fisso ed uguale per tutti, lavoratori e non lavoratori.

In pratica esistono importanti differenze fra i danni indennizzati dall’INAIL e quelli risarciti dall’RC, queste sono ancor più evidenti quando si ha a che fare con un infortunio INAIL ove coesista una responsabilità civile di un terzo (classico esempio l’infortunio in itinere causato da un terzo responsabile) ove interviene la rivalsa o surroga dell’INAIL ….

per farla breve, nello specifico, la differenza consiste nel cosiddetto ‘danno differenziale’ cioè quella parte di danno non patrimoniale che viene riconosciuto solo ed esclusivamente dall’RC (e non dall’INAIL) e che sostanzialmente è rappresentato dall’insieme del danno morale, esistenziale ed inabilità temporanea parziale sulle quali l’INAIL non ha/avrebbe il diritto di surroga o rivalsa (il condizionale dipende dalla giurisprudenza e dalle diverse sentenze alcune volte contradditorie).

Cordiali Saluti
Dr.Carlo Paschina specialista in
Medicina Legale e delle Assicurazioni
-CAGLIARI-