Utente 228XXX
Salve ho 27 anni e ho già subito 5 interventi alla schiena, a febbraio 2011 ho subito una stabilizzazione l5-s1.dopo tale intervento non sono più stata bene sono arrivata al punto di non riuscire più a stare in piedi per più di 10 minuti ed e' insorta una forte infiammazione dell'articolazione sacroiliaca sinistra. Ogni settimana andavo dal mio neurochirurgo facendogli presente il problema e lui continuava a dire che non era niente. Alla fine di quell'anno dopo l'ennesimo ricovero in pronto soccorso a causa dei dolori sono stata ricoverata nel reparto di neurochirurgia del mio ospedale e dopo accertamenti mi e' stato detto che c'erano problemi con la protesi. Mi sono recata di nuovo dal neurochirurgo che mi aveva operata e mi ha liquidato dicendomi che non poteva più fare niente per me. Successivamente mi sono recata da un ortopedico specializzato in chirurgia vertebrale che mi ha detto che l'intervento non era stato fatto giusto e andava corretto. Quindi io ho fatto la correzione ma ho anche fatto denuncia all'ospedale. Ora mi dovrebbero dare notizie definitive fra qualche mese secondo lei ho qualcche possibilità di ottenere giustizia? Mi hanno rovinato e alcuni medici per non mettersi contro un collega dicono che l'errore non c'era ma due ospedali diversi hanno detto che l'errore c'era. Mi piacerebbe avere un suo parere. Grazie cordiali saluti e mi scusi se mi sono dilungata ma volevo illustrarle tutta la situazione. P.s in seguito ho anche riportato un danno al nervo sciatico che per ora non da cenno di migliorare

[#1] dopo  
Dr. Mario Corcelli

52% attività
12% attualità
20% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2009
Gentile Signora,

come faccio a dirle se ha qualche possibilità di risarcimento?
Lei mi chiede una risposta impossibile,
perchè bisognerebbe prima analizzare a fondo (di concerto con un neurochirurgo) tutta la vicenda clinica, la cartella clinica e tutte le iconografie (TAC, risonanze magnetiche, radiografie), per valutare se vi siano profili di colpa medica.

D'altra parte, quei medici che le hanno già detto che l'intervento è stato fatto in modo errato le hanno spiegato in che cosa è consistito l'errore chirurgico?
nella denuncia fatta all'ospedale ha allegato un parere dei medici che le hanno detto che vi è colpa o ha consultato un medico-legale prima di fare la denuncia?
Mario Corcelli, MD
Milano - specialista Medicina Legale e Igiene-Tecnica Ospedaliera
http://www.medico-legale.it

[#2] dopo  
Utente 228XXX

Mi sono rivolta ad un associazione che si occupa di queste cose e ho allegato tutte le cartelle cliniche esami clinici e la documentazione dei medici che ritengono che sia stato fatto l'errore perché l'intervento consiste nella stabilizzazione vera e propria con barre e viti e l'artrodesi cioè la fusione delle vertebre e il neurochirurgo che avrebbe sbagliato l'intervento non ha effettuato l'artrodesi e sembrerebbe anche che non abbia messo le vite proprio in modo corretto. Io vorrei solo ottenere giustizia ho solo 27 anni e mi sta rovinando gli anni migliori. Per la mia condizione fisica attuale sembro una 90enne e lui intanto continua a operare e potrebbe creare danni anche ad altre persone. Per colpa sua ho perso il lavoro e ho dovuto subire altri due interventi non voglio che rovini qualcunaltro. La ringrazio per la cortese risposta a presto

[#3] dopo  
Dr. Mario Corcelli

52% attività
12% attualità
20% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2009
posso capire la sua voglia di giustizia, ma non posso condividere la sua condanna "globale" nei confronti di quel medico, soprattutto quando afferma "lui intanto continua ad operare e potrebbe creare ad altre persone"

infatti, un medico che sbaglia non è necessariamente un cattivo medico;
un medico può sbagliare una volta o anche più volte, ma non è detto che debba sempre sbagliare.

Inoltre, vi è un altro aspetto che non mi è chiaro della sua vicenda.
Lei scrive "successivamente mi sono recata da un ortopedico specializzato in chirurgia vertebrale che mi ha detto che l'intervento non era stato fatto giusto e andava corretto. Quindi io ho fatto la correzione…".
Perciò, se lei è stata rioperata e se è stato poi corretto l'errore con altro intervento chirurgico, i suoi disturbi attuali dipendono proprio tutti da quell'errore?
Mario Corcelli, MD
Milano - specialista Medicina Legale e Igiene-Tecnica Ospedaliera
http://www.medico-legale.it

[#4] dopo  
Utente 228XXX

I miei problemi attuali sono soprattutto alla gamba perché per un anno quel neurochirurgo mi ha detto che tutto era a posto ed io continuavo a peggiorare e quindi non ho ripreso la piena funzionalità del bervo sciatico e della muscolatura della gamba e poi ho dovuto subire un intervento di bloccaggio dell'articolazione sacro- iliaca perché a causa dell'eccessivo tempo in cui ho mantenuto una postura errata in seguito a quell'intervento mi si e' rovinata anche l'articolazione. Secondo il mio ortopedico e un altro neurochirurgo se non fosse stato sbagliato quell'intervento io adesso sarei in condizioni nettamente migliori. Non voglio crocifiggere quel dottore sono convinta che tutti possono sbagliare ma devono ammettere e cercare di riparare ai propri errori invece io mi sono sentita dire di andare da qualcun altro perché lui aveva fatto tutto bene e non voleva saperne più niente. Grazie a presto