Utente 171XXX
Salve avrei bisogno di un aiuto.

Il contrassegno invalidi puo' essere rilasciato ad un cieco ventesimista??

La ringrazio in anticipo

Saluti

[#1] dopo  
Dr. Nicola Mascotti

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
()

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2010
Spett.le Utente,

il quesito che Lei pone ha necessità di una risposta articolata.
In primo luogo, il contrassegno "arancione" previsto dall'art. 381 del DPR 16 dicembre 1992 n. 495 e successive modificazioni è stato riservato alle "persone invalide con capacità di deambulazione sensibilmente ridotta".
http://www.handylex.org/schede/contrassegno.shtml

In un secondo tempo, il DPR 503/1996 art. 12, comma 3, ha esteso la possibilità di ottentere tale contrassegno anche alle persone "non vedenti", senza peraltro definire ulteriormente tale categoria.

La classificazione delle minorazioni dell'apparato visivo è stata poi definita nella Legge 3 aprile 2001, n. 138, nella quale risultano 5 categorie:
ciechi totali, ciechi parziali (ventesimisti), ipovedenti gravi, ipovedenti medio-gravi ed ipovedenti lievi.

Il cieco parziale (ventesimista) a mio parere potrebbe rientrare nella categorie delle persone "non vedenti" in una interpretazione estensiva, mentre un criterio restrittivo ne limiterebbe l'appartenenza ai soli "ciechi totali".
A rigori, il cieco ventesimista ha un residuo visivo, anche se non superiore ad 1/20 in entrambi gli cchi e con correzione, e quindi potrebbe anche non essere considerato "non vedente", a differenza del cieco assoluto, in cui un residuo visivo è assente (mera percezione dell'ombra e della luce o del moto della mano in entrambi gli occhi o nell'occhio migliore, ovvero residuo perimetrico binoculare è inferiore al 3 per cento).

Tale interpretazione, e quindi l'applicazione in concreto del DPR 381/92 art.13, è tuttavia demandata all'Ufficio Medico-Legale dell'ASL competente, che rilascia le necessarie certificazioni ai "non vedenti".

Distinti Saluti.


Nicola Mascotti,M.D.

[Si prega di non richiedere valutazioni o stime del grado di invalidità]