Utente 279XXX
Buona sera, in seguito ad una aggressione con tentativo di strangolamento e scossoni, ho conseguito a distanza di alcune ore problemi di mobilità del capo, contrazione del collo verso sinistra e forti mal di testa. Dal referto del P.S. risulta un trauma cranico con limitazione dei movimenti, dalla rx cervicale, una linearizzazione della lordosi cervicale . Dopo quasi un mese dal trauma, in totale riposo e con uso di cuscino cervicale, i sintomi si sono alleviati e sono tornato a lavoro.
Lunedì scorso dopo quasi tre mesi si ripresentano i sintomi con tutta l'intensità dei primi giorni.Il mio medico curante, ha escluso che il trauma da aggressione, possa aver causato la linearizzazione della cervicale.
E' questo il mio quesito, un aggressione come la mia può causare la suddetta linearizzazione? Posso dubitare del giudizio del mio medico curante, oppure credere che la patologia fosse preesistente e quindi che un trauma apparentemente ridotto, mi si riproponga a distanza di due mesi?
Il costo degli accertamenti è significativo e procedere verso la ricerca di cause più occulte, contro l'evidenza di una patologia più esplicita, dati i tempi che corrono, mi sembrerebbe uno spreco ingiustificato, se ci aggiungiamo che lo stesso medico mi ha confidato di essere scettico anche della possibilità di riscontrare altre cause.
Cosa potrebbe allora causare gli stessi sintomi in egual misura di quelli conseguenti all'aggressione?

[#1] dopo  
Dr. Nicola Mascotti

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
()

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2010
Spett.le Utente,

la rettilineizzazione del rachide cervicale, oltre che da un trauma distorsivo, può essere conseguenza di posture statiche scorrette prolungate, il che può verificarsi in soggetti che mantengono il rachide a lungo in posizione viziata (nel lavoro sedentario in ufficio, nel guardare la TV, oppure anche durante il riposo notturno).

Per quanto riguarda gli aspetti clinici dei traumi cervicali distorsivi, può consultare il seguente articolo Min Forma a cura del Prof. Caruso, Specialista in Ortopedia.
https://www.medicitalia.it/minforma/ortopedia/217-colpo-frusta-cervicale.html

Distinti Saluti.

Nicola Mascotti,M.D.

[Si prega di non richiedere valutazioni o stime del grado di invalidità]

[#2] dopo  
Utente 279XXX

La ringrazio per la sollecitudine e la semplicità con cui mi ha risposto.
Credo di poter comprendere che non è da escludere una preesistente patologia, ma neanche la più probabile causa del trauma da aggressione, prima del quale, non ho mai subito manifestazioni nevralgiche così intense e durature.
Cosa che invece il mio medico riteneva utopistica, a suo dire la forza per causare un simile trauma avrebbe dovuto causarmi la rottura del collo. Quindi invece di ritenermi fortunato, dovrei dispiacermi che il trauma non giustifichi gli effetti per mancanza di lesioni ossee.