Utente 337XXX
Gentili dottori, ho chiesto consulto al mio medico di base in merito alla mia anamnesi generale per sapere se potrei rientrare tra le categorie protette e non ha saputo darmi una risposta soddisfacente.
Ho 29 anni soffro di tiroidite di hashimoto in ipotirodismo, due noduli tiroidei di 10mm e 8mm, non ho trovato il giusto dosaggio di eutirox neancora e ho continue febbri ormonali, dolori muscolari e stanchezza generale.
Inoltre, soffro di asma da sforzo, allergie e intolleranze alimentari (no glutine).
Ernie in l4 l5 e l5 S1 INIZIALE FISSURAZIONE DELL'ANULUS FIBROSO L4 L5. Lordosi,coxa valga bilaterale, gl iacetaboli coprono incompletamente la testa femorale, ginocchio sx valgo con meniscectomia, ipostenia del tibiale sx non da fattore neurologico, atteggiamento sigmoidale delle vertebre cervicali con lordosi (incidente d'auto con distorsione del rachide), linfocitosi assoluta da accertare. Visita ortopedica da effettuare, in attesa da mesi.

[#1] dopo  
Dr. Nicola Mascotti

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
()

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2010
Spett.le Utente,
il Suo medico di medicina generale non può certamente darLe questo tipo di risposta, atteso che la valutazione dell'invalidità civile viene effettuata da una apposita Commissione, e quindi egli non può sostituirsi ad essa, tanto più che tutte le infermità che Lei riporta non sono specificamente tabellate nell'allegato al D.M. 5 febbraio 1992, che contiene i riferimenti valutativi percentuali, e pertanto la Commissione in argomento effettuerebbe una valutazione con criterio analogico rispetto a quelle tabellate, in ragione della loro natura e gravità: e tale criterio comporta un'innegabile discrezionalità da parte dei valutatori.
Lei può comunque presentare istanza di riconoscimento della condizione di "invalido civile", ottenendo preliminarmente una certificazione da parte del Suo medico di medicina generale, con le modalità attualmente previste:
http://www.handylex.org/schede/accertaic.shtml
In conclusione, ogni previsione relativamente al grado di invalidità che Le potrebbe essere riconosciuto, e quindi sulla possibilità di rientrare fra le cosiddette "categorie protette" con percentuale di invalidità civile pari o superiore al 46%, è del tutto aleatoria.

Distinti Saluti.
Nicola Mascotti,M.D.

[Si prega di non richiedere valutazioni o stime del grado di invalidità]