Utente 349XXX
Buongiorno, a motivo di una contesa giudiziaria, la querelante durante il processo si avvarrà di un certificato redatto da un ginecologo che attesta uno status ansioso correlato ad un fatto ingiusto che viene a me contestato avvenuto durante la sua gravidanza. Ora mi chiedo: se consideriamo che uno status ansioso effettivo richiede un'appropriata analisi psicologica del paziente da parte di una persona competente circa questa tematica, ovvero uno psicologo o psichiatra, come può un ginecologo redarre un certificato attendibile ??

[#1] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile utente,

Uno "stato ansioso" di per sé non corrisponde ad alcuna diagnosi medica, e quindi può non corrispondere ad alcun danno.
In assenza di una diagnosi, potrebbe quindi non sussistere il fatto (la provocazione di uno stato ansioso potrebbe corrispondere ad una comune interazione tra due persone, a cui chiunque è preparato a reagire e ad adattarsi).

Non è specificato niente altro oltre che "stato" (status è espressione oscura) ansioso" ?
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it