Utente 332XXX
cosa si puo' fare se zio zia che vivon insieme parnte strettissimo e nipotino coniuge usan dei piccoli o piu fatti in corso di 20anni anche un intervento o un postumo su persona giovane o di sotto i 60 sotto i 30 ,e fan finta non sapere e non capire e evadon volutamente da leggere per piu' anni certificati dopo un periodo di artralgia forte o esami risonanze angoscia o un 'operazione da fare che sia po' delicata?se evadon dal leggere con dolose arguzie per piu' anni con escamotage furbi dolosi e provocan e fan ritardare di 5 -7-8anni cure fattibili che peggioran e fan avvilire un familiare?se un padre ,zio nipote ,coniuge non vuoloe che figlio ,zio operi un dannio faccia o limitante o cura che costi parecchio?se san che crea grave fastifdio onnipresente e gente che non puo comprendere e invade?se provocan questo per esempio su operazioni cvolto ritatdando e non incoraggiando èper 5.10anni?

su cure denti o maxillofacciali molto dure come cranio mamndibola?su buchetto cicatrice gamba o brucuiatura?ho caso in famiglia moglie che ha due danni che usan famiglia per poter toglier una casa da molti anni e fingon non capire tanti disagi e limiti e paure d interventi e di akltre cose capitate a ragazzo giovane .non son riccchi ma ci son in casa dei benestanti e anche medici e altro solo che voglion dire al figlio e nipote che son matti e che non posson stare da soli ,e per coprire varie strumentalizzazuoni di molti anni su tre figli sotto ai 30 su alcuni postumi ,cercan privocare tante umiliazioni ,disagi ,di fare stancare dopo operazioni o su esiti dove questi cercan contrastare esiti ,fan viver in zone po' da anni 50,fan che gente pensi sian scemi e nullafacenti anche dopo che un figlio ha avuto operazione tibia perone e tre interventi in 5anni.gli dan casetta senza tanti agii ,pochi denari per due cibi ,ma fan viver tre figli uno di 28'25'18,dopo operazioni ,cadute ,incidente e su cure denti mamdibole e cicatrice buchino come se fosser novantenni e non dovesser aver intimita e vanita .che fan questi ragazzi se poi po' di cibo denaro casa pur se rimangon cicatrici buco gambina e uno has operazione mandibola e miopia forte?slia non guardan cerftificati e usan tutto per dire che son scenmi e non posson stare da soli,?

se un parente e' ortopedico ,un'altro medico ma han bisogno di prendersi tutto e dare colpe?se ometton di capire una giusta reazione di 3ragazzi quando han avuto una caduta o due mesi a letto'?o un anno di esami medici logoranti?come vivon po' piu' gioviaòli son colpevolizzati o gli si crea un limite o sforzo o non capito un dolore tipo buco su gamba.e0'ì giusto?si puo' fare su familiari su cose perche' costose o perche' non comprese da terzi ,mali o postumi da tener inytimi van sbandierati ?terzi non posson capire operazioni o traumi o mali piu' particolari o disagi ,non e' giusto dover dirli per privacy.c'e' colpa medico in ortopedico e medico e altro colto se mira a toglier gioventu e vanita a nipoti usando dei piccoli postumi?ce' colpa?

[#1] dopo  
Dr. Agnesina Pozzi

48% attività
0% attualità
20% socialità
()

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
è meglio scrivere nella propria lingua di origine; così lo scritto non è comprensibile, solo si intuisce

RUMENO
este mai bine să scrie în limba lor de origine; astfel script-ul nu este de înțeles, doar unul simțurile



ALBANESE
ajo është e mirë për të shkruar në gjuhën e tyre të origjinës; kështu script nuk është e kuptueshme, vetëm një shqisat

FILIPPINO
ito ay pinakamahusay na magsulat sa kanilang sariling wika ng pinagmulan; kaya ang script ay hindi nauunawaan ang, pandama lamang ng isang

Cordiali saluti
Dott.ssa Agnesina Pozzi

[#2] dopo  
Dr.ssa Franca Scapellato

Referente scientifico Referente Scientifico
44% attività
20% attualità
20% socialità
PARMA (PR)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2007
Non si capisce quello che vuol dire, si capisce solo che lei è molto sofferente e che non si fida di nessuno.
Purtroppo il non fidarsi alle volte è una malattia, e ci sono cure per questo.
Se continua a pensare al passato non guarisce.
Le consiglio di chiedere aiuto al servizio di salute mentale della sua Asl, sono gli unici che la possono aiutare.
Franca Scapellato