Utente 380XXX
Salve a tutti ... sono una ragazza di 33 anni con un gravissimo problema ai denti. Cercherò di riassumere un po! Fin da piccolina mi sono sempre recata dal dentista per carie ... e per fare terapie in quanto a causa del cortisone (avevo l asma) si sono indeboliti i miei denti. Ho messo anche l'apparecchio ma onestamente non so perché. Quando mi hanno tolto le placchette in ceramica i miei denti si scheggiavano. A 19 anni più o meno il mio dentista ha deciso visto che i miei genitori si fidavano e hanno chiesto consiglio a lui chiedendo di fare il miglior lavoro possibile senza badare a spese, ha deciso di devitalizzarmi tutti i denti limarli e mettermi delle cappette singole galbanizzate in oro e ceramica. Da quella volta sicuramente il mio sorriso era da star ma ogni tre quattro mesi vado perche mi cade qualche cappetta o qualche perno ... dopo tre anni dal lavoro ho avuto una grossissima retrazione gengivale. Nel 2009 ho fatto tre apicectomie nell arcata superiore. Calcolando che mi mancano in tutto 5 o 6 denti nei lati e la retrazione gengivale si vede molto ho chiesto un preventivo da lui per sistemarlo. Mi ha fatto il preventivo per cambiare le capsule e mettere dei ponti nei buchi. Siccome non navigo nell oro e non ci sono più mamma e papa ho provato a fare un po di preventivi in Italia e all estero! Be disastro. Due cliniche grandi non si prendono responsabilità. Qualche dentista mi ha liquidata dicendo ...provo a parlare con un mio collega e le faccio sapere e l ultima mi toglierebbe tutti i denti e metterebbe impianti senza vedere pero la tac. Situazione? Infiammazzione da granuloma su tutti i denti ...un dente che devitalizzazione perforata (se si dice cosi) sopra gli incisivi superiori c'è una grandissima cisti che arriva al palato. Chi ha visto la tac mi ha detto che e una situazione gravissima. Che se tolgo la ciste perdo i denti sotto e non ho osso per fare impianti. Ho chiesto se era possibile fare una rigenerazione ossea ma mi hanno detto che ci vuole almeno il 50 per cento del mio osso cosa che non ho. Quindi non si prendono l'impegno e mi hanno detto di recarmi alla maxillo facciale. Ora cosa devo fare? Io non voglio mettere la dentiera a 33 anni. E poi che responsabilità ha il mio dentista in tutto questo? Calcolando che si e preso più di 20000 euro tra una cosa e l altra e oltretutto solo dopo ho saputo che e un odontotecnico? Posso intraprendere qualche via legale? Grazie mille e scusate se sono stata lunga

[#1] dopo  
Dr. Nicola Mascotti

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
()

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2010
Spett.le Utente,

quanto riferisce relativamente a chi ha effettuato trattamenti odontoiatrici senza essere abilitato alla professione di odontoiatra è un reato punito dal Codice Penale (art. 348, esercizio abusivo di professione).
Se ha intenzione di rivalersi, si rivolga quanto prima ad un Legale per valutare le strategie d'azione da intraprendere.

Distinti Saluti.
Nicola Mascotti,M.D.

[Si prega di non richiedere valutazioni o stime del grado di invalidità]

[#2] dopo  
Utente 380XXX

Grazie dottore per la risposta. Sarà molto difficile dimostrare che lui mi ha fatto il lavoro anche perche lo fa da una vita e sicuramente sa come difendersi. Volevo pero chiederle se tutti i problemi che ho sono dovuti ad un lavoro fatto male o se può succedere a chiunque. Ese dopo 13 anni posso rivalermi su chi mi ha fatto il lavoro. Purtroppo io me ne sono accorta solo un mese fa di questa cisti e nella tac scrivono presunta perforazione dei seni nasali con nessun segno si sinusite. Penso che sia abbastanza grave la cosa e che sia nella mia bocca da tempo! Dal dentista ho fatto dei lavori nel 2010 e nel 2011 delle apicectomie nei denti vicini alla cisti. A dicembre ha visto la panoramica ma non mi ha mai detto niente. La ringrazio. Saluti

[#3] dopo  
Dr. Nicola Mascotti

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
()

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2010
Spett.le Utente,

forse non mi sono spiegato bene nella precedente risposta.
Il trattamento odontoiatrico effettuato con esercizio abusivo di professione è comunque reato, anche qualora vada a buon fine.
Per di più se chi è intervenuto per curarLe gli elementi dentari non è abilitato, non si tratta di "colpa medica", ma di lesioni personali con l'aggravante di aver contemporaneamente violato l'art.348 del Codice Penale.
E' importante, e vorrei che Lei lo capisse, che si definisce "dentista" soltanto chi è abilitato, mentre tutti gli altri sono figure abusive.
Pertanto ribadisco che, se è Sua intenzione agire contro il personaggio, dovrà quanto prima, onde evitare la decorrenza dei termini di prescrizione, sottoporre il caso ad un Legale, che valuterà il caso ai fini di una possibile azione giudiziale.

Ancora Distinti Saluti.
Nicola Mascotti,M.D.

[Si prega di non richiedere valutazioni o stime del grado di invalidità]