Utente 392XXX
Buongiorno,
mio papà ha 73 anni e nel corso degli ultimi 10 anni ha subito diversi episodi infartistici.
Gli fu diagnosticata l'occlusione totale di una coronaria e parziale dell'altra.
Lo hanno sempre sconsigliato di operarsi e vive seguendo terapie farmacologiche.
Non abbiamo mai pensato di richiedere le tutele fornite dalla legge 104.
Recentemente sono stata trasferita di sede da Roma a Milano. Inizialmente non mi sono posta troppi problemi, ma dopo pochi mesi mi sono resa conto che sarebbe necessario che io stessi pù vicina a mio padre che ha frequentemente bisogno di assistenza.
Vorrei sapere se una simile patologia può dare a lui il diritto all'invalidità ed a me il diritto di chiedere alla mia azienda di poter tornare nella mia città, dove l'azienda ha diverse sedi.
Nel caso, vorrei, se possibile, qualche indicazione su come procedere
Vi ringrazio anticipatamente
Cordiali saluti

[#1] dopo  
Dr. Nicola Mascotti

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
()

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2010
Gentile Signora,

se per il Suo genitore intende presentare istanza di riconoscimento della condizione di "handicap" od "handicap con connotazione di gravità" è opportuno leggere quanto riportato ai seguenti links:

http://www.handylex.org/schede/defh.shtml

http://www.handylex.org/schede/accertah.shtml

Distinti Saluti.
Nicola Mascotti,M.D.

[Si prega di non richiedere valutazioni o stime del grado di invalidità]