Utente 400XXX
buon giorno,vorrei avere un parere sul referto della risonanza dorsale e cervicale eseguita un anno dopo il sinistro stradale, causa forti dolori mai passati.
l'rnmè stata eseguita con sequenze TSE,T1,TSET2 pesate e STIR secondo piano sagittale e sequenziale B-FFE eT2 sul piano assiale

reperti.Nelle condizioni d'esecuzione dell'esame decubito supino la lordosi cervicale è rettilinizzata ,conservata la cifosi dorsale
muri somatici posteriori normoallineati

A carico degli spigoli somatici anteriori contrapposti di D5-D6,D6-D7,D7-D8,D8-D9,D9-D10 si apprezza area di alterato segnale che appare ipointenso inT1 ed iperintensa nelle sequenze a lungo TR compatibile con alterazione degenerativa di tipo Modic 1
Il disco intersomatico compreso tra C5-C6 presenta ipointensita' di segnale in T2 in rapporto fenomeni disidratativi degenerativi del nucleo polposo a tale livello si apprezza minimo debordo discale posteriore con lieve impegno dello spazio perimidollare anteriore.
A livello di D8-D9 si apprezza alterazioni di segnale in T2 compatibile con protrusione discale anteriore.
I midollo spinale non presenta alterazione di segnale focali ne diffuse.
il diametro antero -posteriore del canale rachideo è nella norma.

Chiedo se puo' essere fisiologico ho l'esito del trauma.
premetto che non ho mai sofferto di mal di schiena e che ero una gran sportiva.

[#1] dopo  
Dr. Nicola Mascotti

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
()

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2010
Spett.le Utente,

come può ben capire, il referto di una RM costituisce soltanto uno degli elementi che concorrono a stabilire se i dolori che lamenta sono riconducibili a postumi dell'evento lesivo, ma per valutare la sussistenza o meno di nesso di causalità fra il trauma e le lesioni è indispensabile la sussistenza di altre condizioni.

Tuttavia, per quanto si legge nella descrizione dell'esame, è possibile ipotizzare che la protrusione discale anteriore D8-D9 e il debordo del disco C5-C6 siano correlabili ad un trauma, se non come causa esclusiva, almeno con ruolo di concausalità.

Distinti Saluti.
Nicola Mascotti,M.D.

[Si prega di non richiedere valutazioni o stime del grado di invalidità]

[#2] dopo  
Utente 400XXX

Grazie per aver risposto, la questione è stata molto complessa,la persona che mi è venuta addosso ha perso il controllo del suo mezzo e ha effettuato la curva dritta e mi ha preso sulla cerniera della portiera anteriore lato guida.
La botta mi ha spinto sul sedile passeggero sollevandomi e la cintura mi ha spinto in dietro e sono caduta sul bracciolo della portiera con il gluteo sinitro e mi sono trovata con la faccia a un 1 cm circa dalla plancia centrale del cruscotto ho stirato e ruotato bacino schiena e collo, sentendo una fitta al centro della schiena.
Al pronto soccorso mi è stata data una prognosi di 10 g. con collare per una settimana. Il giorno dopo faticavo a respirare e mi sembrava di avere qualcosa che mi schiacciava il diaframma,sensazione mai passata.ma non mi sono preoccupata perché al ps mi avevano avvisato che nei giorni successivi sarei stata peggio.
Dopo 18 g.sono rientrata al ps. perché invece di migliorare peggioravo, non riuscivo più a stare in piedi avevo una lateropulsione destra nistagmo e ipermetria destra con fortissima cefalea nausea e vomito al movimento e astenia braccio destro e forti dolori addominali,
mi hanno riscontrato un otite acuta traumatica destra e possibile lesione temporomandibolare dx.
dopo 3 mesi dal sinistro e nessun miglioramento ho esegiuto esame vestibolare con referto areflessia labirintica bilaterale e oscillazioni del capo latero laterale,
putroppo condizione che ho tenuto per 7 mesi .

ho eseguito rmn encefalo nella norma,e rmn atm dove l' inercuspidazione del condilo destro appare lievemente decentrato posteriormente.

In quei 7 mesi avevo un autonomia nello stare in piedi di max 15 minuti ,quando cercavo di alzarmi avevo tutto il corpo che si irrigidiva con la sensazione che cominciasse a schiacciarmi, come se la mia muscolatura cominciasse a spingere verso il basso e la cefalea pulsante diventava insopportabile ma mi sforzavo nello stare in piedi anche per cercare di avere un compenso vestibolare.

Esausta e senza forze alla fine mi sono messa a letto 20g. mi sono imbottita di nicetile e ibuprofene , il risultato è che sono riuscita a sfiammare la testa e ad alleviare tutta quella rigidida' e felicissima l'areflessia labirintica bilaterale si è risolta,ho rifatto l'esame vest.e non ce ne più traccia.
Ora continuo ad essere rigida ma non più come prima vado a giorni ma non passa mai , Ogni volta che faccio qualcosa con il braccio destro mi sembra di prendere bastonate sulle costole e di strapparmi la muscolatura destra del collo e continuo a sentire l'orecchio che brucia.
La cosa che mi lascia perplessa e che non ho mai sofferto di nessun tipo di dolore.
A distanza di due anni dal sinistro ancora non riesco a riprendere con il tennis , l'alpinismo , e moto da strada che mi sa dovro' vendere visto che ancora oggi prendere un dosso in macchina mi manda in fiamme la colonna.
Mi chiedo come con tutto quello che ho passato e i dolori ancora presenti l'assicurazione mi liquida con un 3.

Grazie per l'attenzione