Utente 302XXX
Salve
Il 09/09/2010 mi è stata riconosciuta dall'Inail la seguente malattia professionale : " S. canalicolare bilaterale da CTD, più spiccata a dx (tunnel carpale) con prevalente e distrettuale sintomatologia soggettiva in soggetto con probabile trait artritico/connettivitico da meglio inquadrare. Grado accertato : 003% grado complessivo.
Il mio quesito è questo: Nel caso avessi problemi o disturbi legati alla seguente malattia, il mio medico di famiglia può compilarmi il certificato di malattia professionale? Se si, questo certificato in che modo differisce dal classico certificato di malattia? Sono soggetto ad eventuali visite fiscali? Questi periodi di malattia non concorrono al calcolo del periodo di comporto? Qualsiasi medico di famiglia può compilare il certificato di malattia professionale?
Ringrazio in anticipo chiunque mi fornisca informazioni precise al riguardo.
Distinti saluti.

[#1] dopo  
Dr. Nicola Mascotti

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
()

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2010
Spett.le Utente,
rispondo ai quesiti da lei formulati sinteticamente ed in maniera articolare:
1.Si; il Medico di Medicina Generale può (anzi, deve) compilare l'apposito certificato in caso di recidiva o ricorrenza della malattia che cagioni inabilità temporanea.
2.Il certificato per inabilità da malattia professionale va compilato on-line su apposita modulistica INAIL; invece in caso di malattia comune la modulistica da utilizzare è quella prevista dall'INPS.
3.Le visite di controllo alle quali eventualmente verrà sottoposto vengono disposte dall'INAIL, e solitamente sono effettuate ambulatorialmente e previa convocazione dell'interessato.
4.I periodi di malattia non conteggiabili per il periodo di comporto sono stabiliti dal CCNL di categoria, e pertanto vi sono differenze anche notevoli fra comparto e comparto.
5.Il certificato di Malattia Professionale, avente pure valore di denuncia ai sensi dell'art.139 del DPR 1124/65, può (ed anzi, deve) essere compilato dal medico chirurgo che effettua una diagnosi, anche sospetta, di malattia professionale.

Distinti Saluti.
Nicola Mascotti,M.D.

[Si prega di non richiedere valutazioni o stime del grado di invalidità]