Utente 167XXX
Buongiorno ,mia madre di 82 anni era in una struttura privata per non autosufficienti con esiti di ictus e deambulazione solo con girello .Una mattina ha tentato di alzarsi dalla carrozzella (non aveva nessun tipo di contenimento (es tavolino) ed è caduta fratturandosi la testa del femore(frattura composta).In ospedale l'ortopedico visto il tipo di frattura e le condizioni della paziente ha detto di provare a tenerla nel letto per 10 giorni circa e poi un altro controllo da lui.Dopo 5 giorni un pomeriggio con me presente fuori dalla camera 2 operatrici sono intervenute per cambio lenzuolo,ho sentito urlare di dolore mia madre , dopo alcune ore continuava a lamentarsi e l'operatore ha notato il piede era in una posizione anomala.Di nuovo in ospedale dove questa volta si evidenziava che la frattura non era più contenuta e si deve procedere con l'intervento chirurgico con tutto quello che ne consegue,vorrei far notare che infermiera della struttura prima che andassimo in ospedale per la 2 volta ha detto che loro non sono in grado di gestire la paziente se non viene operata. (,in questa struttura e presente anche una fisioterapista)(Mi scuso se mi sono divulgato troppo ,vorrei sapere se la casa di riposo ha delle responsabilità e come mi devo comportare
Grazie
Distinti saluti

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Golia

28% attività
4% attualità
12% socialità
BRESCIA (BS)
SERIATE (BG)
CREMONA (CR)
PESCHIERA DEL GARDA (VR)

Rank MI+ 44
Iscritto dal 2007
Buongiorno,

ci potrebbero essere delle responsabilità, bisognerebbe esaminare la documentazione sanitaria (cartella clinica), La richieda e poi si rivolga ad un avvocato e ad un medico legale per una eventuale perizia.

Cordiali saluti
Dr. Maurizio Golia Specialista Medicina Legale e Medicina Preventiva Lavoratori tel. 339/7303091
Brescia - Cremona - Bergamo - Verona