Utente 452XXX
In seguito a ricorso non mi è stato attribuito un punteggio di invalidità all'ipertensione arteriosa ,essendo certificata come essenziale. Adesso stiamo preparando tutta la certificazione medica che dimostra che è di tipo secondaria e con danno d'organo renale e cardiaco.Adesso verrà presa in considerazione?inoltre è causa di episodi di sincope lipotomica.

[#1] dopo  
Dr. Nicola Mascotti

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
()

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2010
Spett.le Utente,
l'ipertensione arteriosa, essenziale o secondaria, non è riportata nella tabella delle infemità cui è attribuito un valore percentuale fisso o variabile (allegato al D.M.5-2-1992); tuttavia, in ragione della natura
e gravità dell'ipertensione, è possibile valutarne il danno con criterio analogico rispetto alle infermità tabellate.
Tale criterio lascia indubbiamente un certo grado di discrezionalità alle Commissioni valutatrici.

Distinti Saluti.
Nicola Mascotti,M.D.

[Si prega di non richiedere valutazioni o stime del grado di invalidità]

[#2] dopo  
Utente 452XXX

In un soggetto come me ,affetto da rene policistico bilaterale e da lieve prolasso mitralico ,però non è stata considerata........anzi il medico legale ha pure specificato che la mia ipertensione non è causata dai danni renali .Teoria con la quale il neurologo non è per niente d'accordo .Il problema è che molto spesso, i medici legali non conoscono nemmeno cosa sia l'ADPKD

[#3] dopo  
Utente 452XXX

né il neurologo ,nè il cardiologo sono d'accordo con la teoria del medico legale che dice che la mia ipertensione non è dovuta ai reni policistici e al cuore.

[#4] dopo  
Utente 452XXX

tre nefrologi hanno già refertato in passato che dipende dai reni

[#5] dopo  
Dr. Nicola Mascotti

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
()

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2010
Spett.le Utente,
come ho sottolineato nella precedente risposta, il problema non è la causa dell'ipertensione, bensì la valutazione dell'infermità non tabellata per analogia ad altra infermità tabellata, criterio che lascia ampia discrezionalità ai valutatori.

Ancora Distinti Saluti.
Nicola Mascotti,M.D.

[Si prega di non richiedere valutazioni o stime del grado di invalidità]