Utente 386XXX
Buongiorno, a seguito di un tamponamento a fine febbraio con trauma distrattivo del rachide cervicale con comparsa di cervicobrachialgia dx e sindrome vertiginosa nell'aprile il neurochirurgo a cui mi sono appoggiata ha rilevato la presenza di due mini bulging c4 c5 e c5 c6 e ciò mi ha portata a stare ferma con collare per circa un mese e mezzo,con medicinali come cortosone con muscoril e voltaren, nicetile, decontral (anche per via di una contrattura nella parte desta). In più per un altro mese e mezzo per poter eseguire la fisioterapia tra tens e tecar per circa 10 giorni ma insufficienti, così mi sono appoggiata ad un dottore in pensione che fino ad una settimana fa mi ha continuato a praticare massaggi nella zona della contrattura. Sono stata fuori da lavoro tre mesi (di malattia) con conseguente disagio mio e del capo per cui lavoro. E nonostante questo continuo ad avere problemi legati al trauma come vertigini occasionali, dolori localizzati tra collo e spalla. Alla mia assicurazione posso mandare e se sono consoni i documenti relativi alle visite che ho avuto dopo essere rientrata a lavoro? ..ovviamente sempre per i malesseri soprariportati. Quanto è valutabile tutto ciò? Di soldi ne ho dovuti spendere parecchi con visite tutte a pagamento. Ringrazio anticipatamente

[#1] dopo  
Prof. Pietro Rinella

24% attività
8% attualità
12% socialità
CATANIA (CT)

Rank MI+ 44
Iscritto dal 2012
Problematica non risolvibile in questa sede anche perché vi è una legge che non permette il risarcimento per patologie non certamente obiettivabili.
Ha bisogno di consultare "de visu" un medico-legale
Prof. Pietro Rinella