Utente 489XXX
Buongiorno a tutti mi sono fatto male sul lavoro utilizzando il carrello elevatore colpito dalla caduta di un banco lavoro di ferro.. Volevo conoscere piu o meno i punti che possono essermi riconosciuti sia di invalidità che del danno in sé
Tutto e successo il 12.12.2017 e ancora oggi prosegue cn il carico fino al 50%fino al 30 aprile sottoposto a intervento chirurgico con placca e 8 viti e due fili k al malleolo..
Descrizione intervento:
Frattura scomposta pluriframmentaria del pilone tibiale, dal terzo distale tibiale e frattura del malleolo mediale della tibio-tarsica con interessamento articolare e distacco dell'apice del malleolo peroneale a sinistra.
Paziente in decubito supino, laccio emostatico alla radice dell'arto, accesso antero-laterale, si perviene alla frattura riscontrando che la fascia della loggia antero-laterale si presenta lacerata e distasata in piu punti a livello della frattura.
Si isolano i monconi di frattura, si esegue riduzione osteosintesi con 8 vite interframmentaria, si esegue poi sintesi con due fili di k,del malleolo mediale. Si posiziona staffa anatomica laterale a stabilita angolare.

Quindi parliamo di un danno permanente rimarranno placche e viti con i lacci metallici al malleolo e rimarrà una limitazione nel movimento articolare cha varia da 20/30gradi con una cicatrice di 20 cm e 45 punti di sutura..
La terapia continua da ormai quasi 5 mesi con valva per i primi 40 giorni e 60 con tutore 130 punture di eparina e un caric
o fino al 50 % al 30 aprile 2018..
Spero di essere stato più preciso possibile.. Grazie in anticipo

[#1] dopo  
Dr. Simone Lo Baido

20% attività
4% attualità
0% socialità
BOLOGNA (BO)

Rank MI+ 24
Iscritto dal 2017
Gent.mo Utente,
per la valutazione del suo caso bisognerà attendere almeno 6 medi dalla data dell'incidente o dall'ultimo intervento da Lei subito per poter valutare gli esiti e le menomazioni ancora presenti.
La valutazione deve essere corredata da un esame obiettivo e uno studio della documentazione per poter essere realistica.
Distinti saluti,
Dr. Simone Lo Baido