Utente 499XXX
Buon Giorno

Vorrei chiedere una delucidazione, ho una piccola invalidità civile del 35 %, con 104 accettata. Mi è arrivata comunicazione proprio oggi, per una cardiopatia congenita.

Come primo controllo mi hanno riscontrato un forame ovale, con ecografo del 99. Dopo secondo controllo mi è stato diagnosticato invece un difetto inteatriale os di 2,2 cm , con transesofagea e ecografia con macchine di ultima generazione ; mi dovrò operare a breve. Adesso la mia domanda è le due tipologie cardiache sono sovrapponibili o sono due cose distinte? dato che sono stata riconosciuto per il forame ovale e non per il difetto inteatriale... Specifico che ho camere destre dilatate ad: 23 cmq, diametro traverso basale vd: 39 mm, normale contrattilità e funzione sistolica vd; settoinetariale con soluzione di continuità 17 - 22 mm, della fossa ovale con ampio shunt sx-dx visualizzabile al color doppler qp/qs :3. Vs normale per dimesione, cinetica e funzione sistolica, normale rilasciamento diastolico del vs; fine falda di veramento pericardico posteriore e lungo tetto dell'atrio destro. Conlusione: Dia os ampio shunt sx-dx.

in caso di errore della commissione, vorrei far ricorso.

Grazie

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
Sono due nomi per la stessa patologia.
Sposto il suo consulto nell'apposita sezione per cio ' ceh concerne la invalidita'

Arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#2] dopo  
Dr. Nicola Mascotti

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
()

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2010
Spett.le Utente,

la percentuale di invalidità civile riflette non tanto la patologia cardiaca, singola o multipla, quanto piuttosto lo stato di scompenso cardiaco conseguente che, eventualmente, sussista ( sulla base della classificazione N.Y.H.A.).

Prima di fare un ricorso giudiziale, si rivolga comunque ad un Ente di Patronato, che Le potrà fornire concreta assistenza.

Distinti Saluti.
Nicola Mascotti,M.D.

[Si prega di non richiedere valutazioni o stime del grado di invalidità]