Utente 205XXX
buongiorno, io sono affetto da disturbo bipolare di tipo 1 , linps mi ha inviato il verbale con il codice 296.6 1204 80%, dopo una visita con il mio psichiatra al csm mi dice che io soffro di un disturbo schizoaffettivo cronico con necessità di terapia farmacologia continua, presenza di impulsività, ora la mia domanda è potrei avere con questo disturbo schizoaffettivo cronico il 100%, non riesco a trovare il codice sul inps per confrontare con il mio disturbo e sto impazzendo sto andando in forte paranoia, e come tenessi una fissazione, mi potete aiutare a decifrare il codice per il disturbo schizoaffettivo cronico e in più se posso avere il 100%, infine secondo lei il disturbo schizoaffettivo è più grave del disturbo bipolare perchè io ho anche sintomi della schizofrenia, grazie aspetto una vostra risposta aiutatemi io sto malissimo, sul sito del inps ci sono tre categorie di schizoffettivo: lieve , moderato e grave, il disturbo schizoaffettivo cronico dove si colloca fra le tre , premetto che io sento le voci e ho profondi deliri e fissazioni, aiutatemi la prego a capire, ora tengo legge 104 comma 1 art 3, posso ottenere il comma 3 art 3, invalidità posso ottenere da 80% il 100% con disturbo schizoaffettivo cronico, disicontrollo degli impulsi, disturbo della condotta con aspetti psicotici e infine lieve ritardo mentale che percentuale posso avere

[#1] dopo  
Dr. Nicola Mascotti

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
()

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2010
Spett.le Utente,

da quanto riferisce la "fissazione" di trovare un codice che Le garantisca il riconoscimento dell'invalidità civile al 100% è fuori luogo.
La valutazione, in ambito di invalidità civile, non è fatta da ragionieri, ma da medici, che tengono conto degli aspetti clinici delle patologie, e quindi delle menomazioni che ne sono conseguenti, attribuendo una valutazione equa indipendentemente dalla presenza o meno dell'infermità nelle tabelle e nei codici (cosa d'altronde prevista nel D.M. 5-2-1992, nella parte che riguarda la valutazione delle infermità non tabellate).
Piuttosto, segua le indicazioni dei Suoi medici curanti (medico di medicina generale e psichiatra) ed eventualmente presenti ricorso giudiziale, se ci sono i presupposti, sulla base di tali indicazioni.

Disitnit Saluti.
Nicola Mascotti,M.D.

[Si prega di non richiedere valutazioni o stime del grado di invalidità]