Utente 509XXX
Buonasera, sono in infortunio dal 21 di Agosto per una caduta sul posto di lavoro, l'INAIL mi ha pagato solo i primi 15 gg., oggi mi sono recata di mia spontanea volontà alla sede INAIL perché non è arrivata nessuna convocazione e soprattutto non è arrivato alcun stipendio o simile, a sorpresa sono stata "visitata" dal medico legale , che mi ha informato che avrebbe interrotto l'infortunio in quanto a parer suo la mia ernia non è correlata alla caduta sul lavoro. Premesso che io sono stata visitata al PS in maniera grossolana , la mia dottoressa ha ritenuto opportuno farmi fare degli accertamenti per quanto riguarda la colonna così come poi il fisiatra che non ha potuto darmi la giusta fisioterapia perché non aveva dei riscontri radiografici ,mi ha prescritto RMN e a seguire un altro controllo per darmi la giusta fisioterapia . L'ortopedico mi ha dato altri 30 gg di riposo perché pensa anche lui che l'ernia non sia dovuta alla caduta ma il dolore che sento è sicuramente un fattore correlato alla caduta aggravato dall'ernia . Il medico legale mi ha detto che sarei passata in automatico da INAIL a INPS, ma non mi è stato detto da quando, non ho un certificato di come mi abbia "visitato"(perché non mi ha neanche fatto uno straccio di visita) mi sono state dette una serie di cose solo a voce e adesso sono un po' confusa perché non vorrei avere conseguenze sul posto di lavoro . Vorrei capire se il passaggio avviene in automatico se io comunque verrò pagata da un degli enti o se perdo lo stipendio , e poi vorrei sapere se il medico legale avrebbe dovuto almeno darmi una certificazione per dimostrare in passaggio da INAIL a INPS , perchè in teoria io ero in visita con il medico ma non ho niente che lo dimostri . Cosa posso fare? Volevo dire inoltre che il mio infortunio si è prolungato anche per i tempi infiniti di prenotazione cup.

[#1] dopo  
Dr. Nicola Mascotti

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
()

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2010
Spett.le Utente,

il caso che descrive è abbastanza complesso dal punto di vista procedurale, in quanto ricade nelle casistiche in cui vi è il dubbio se attribuire l'inabilità a causa lavorativa (INAIL) o malattia comune (INPS), per cui fra i due enti opera un'apposita convenzione.
Per chiarire gli aspetti che Le interessano (= da chi verrà pagata ed in che termini) Le suggerisco di rivolgersi ad un Ente di Patronato.

Disitinti Saluti.
Nicola Mascotti,M.D.

[Si prega di non richiedere valutazioni o stime del grado di invalidità]