Utente 190XXX
Salve vorrei gentilmente capire se ho la possibilità di ottenere a livello legale cioè INPS l inabilità totale al lavoro .Sieropositivo con viremia azzerata ma cd4 bassi e con certificazione di ritardo mentale con disturbo della condotta.Riguardo al ritardo mentale non è specificato se lieve o grave e uguale per il disturbo della condotta.Cioè il certificato è stato rilasciato da un dirigente medico della ASL della mia città del centro salute mentale che mi segue da tanto dove appunto c è scritto ritardo mentale con disturbo della condotta senza specificare il grado.Che possibilità ho per ottenere l inabilità totale cioè un punteggio al 100%?poi ho 43 anni e ho un processo penale.Con queste diagnosi potrei ottenere l incapacità di intendere e volere? Vi ringrazio

[#1] dopo  
Dr. Nicola Mascotti

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
()

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2010
Spett.le Utente,

mi pare di capire, anche leggendo i dati della storia clinica, che il quesito riguardi un'istanza per il riconoscimento di invalidità civile con benefici economici correlati (totale e permanente inabilità lavorativa 100%) in soggetto affetto da:

- sieropositività HIV (con riduzione linfociti CD4 < 500/mm cc)
- ritardo mentale (di grado non specificato)
- disturbo della condotta (di grado non specificato)

Con tali elementi è estremamente difficile che la Commissione riconosca la condizione in questione; è probabile che venga richiesta una ulteriore consulenza Psichiatrica per meglio valutare il ritardo mentale ed il disturbo della condotta.

L'incapacità di intendere e di volere è un concetto giuridico che discende dall'art.85 del Codice Penale, e che per poter essere invocata nell'ambito di un processo penale ha necessità di una perizia psichiatrica disposta dal Giudice. Per tale aspetto Le suggerisco di rivolgersi al Suo avvocato di fiducia, prima di intraprendere qualsiasi altra iniziativa.

Distinti Saluti.
Nicola Mascotti,M.D.

[Si prega di non richiedere valutazioni o stime del grado di invalidità]

[#2] dopo  
Utente 190XXX

La ringrazio.Ma essendo un medico del centro salute mentale è strano che non abbia specificato il grado.Poi il concetto per un adulto di disturbo della condotta dal suo punto di vista come va intrapeso?La ringrazio

[#3] dopo  
Dr. Nicola Mascotti

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
()

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2010
Spett.le Utente,

il cosiddetto "disturbo di condotta" secondo il DSM-5a edizione è una condizione che può riguardare, oltre che il bambino, anche l'età giovane-adulta e si caratterizza per episodi ripetitivi e persistenti di comportamenti antisociali, aggressivi o non aggressivi, di violazione delle regole e norme sociali appropriate all’età.
Per l'inquadramento del caso è opportuno fare riferimento agli Specialisti in Psichiatria.

Distinti Saluti.
Nicola Mascotti,M.D.

[Si prega di non richiedere valutazioni o stime del grado di invalidità]

[#4] dopo  
Utente 190XXX

La ringrazio.Come viene fata una nuova consulenza psichiatrica!cioè è la commissione che ti manda da uno specialista?Il disturbo della condotta in un adulto è considerata una pisiosi grave?A livello legale il disturbo della condotta può fare punteggio?cioè rientra in una patologia che ti può dare punteggio?la ringrazio

[#5] dopo  
Dr. Nicola Mascotti

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
()

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2010
Spett.le Utente,

se la Commissione per l'accertamento dell'invalidità civile dispone una consulenza specialistica, solitamente indica la struttura pubblica presso la quale deve essere effettuata.
La connotazione di "psicosi grave" non ha niente a che vedere con la diagnosi di "disturbo della condotta"; per tale aspetto comunque senta il parere degli specialisti Psichiatri.
Il punteggio, in invalidità civile, non viene calcolato da ragionieri contabili, ma da medici: la valutazione delle menomazioni è complessiva, e tiene conto delle limitazioni psico-fisiche della persona, che non possono essere riassunte in termini aritmetici.
Ritengo pertanto che esprimersi su ciò che "fa punteggio" non riguardi la criteriologia medico-legale per la valutazione di una condizione di invalidità.

Distinti Saluti.
Nicola Mascotti,M.D.

[Si prega di non richiedere valutazioni o stime del grado di invalidità]

[#6] dopo  
Utente 190XXX

Gentilissimo.Ma essendo già seguito in un centro di salute mentale dove infatti lo specialista cioè dirigente medico ASL gli ha rilasciato la diagnosi , dal suo punto di vista si potrebbe richiedere allo stesso specialista un qualcosa di più dettagliato?Cioè il suo collega ha rilasciato il certificato proprio per la commissione di accertamento ma stranamente ha messo ritardo mentale in commorbilita con disturbo della condotta senza mettere il grado.Poi il disturbo della condotta può influire per ottenere una inabilità totale insieme al ritardo mentale e la sieropositività?cioè il disturbo fella condotta grazie a lei ho capito i sintomi ma in che ramo si può inserire a livello psichiatrico? In un semplice disturbo o è una grave patologia che può essere basilare per ottenere l inabilità? Grazie

[#7] dopo  
Dr. Nicola Mascotti

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
()

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2010
Spett.le Utente:

1."Dal suo punto di vista si potrebbe richiedere allo stesso specialista un qualcosa di più dettagliato?" :
Si potrebbe anche richiedere, ma se nel dettaglio venisse poi indicato "lieve" taglierebbe la testa al toro.
E quindi la consulenza psichiatrica era stata già chiesta dalla Commissione ... (e questo particolare però non era stato precisato)

2." il disturbo della condotta può influire per ottenere una inabilità totale insieme al ritardo mentale e la sieropositività?":
Tutte le infermità sono valutate dalla Commissione, in maniera complessiva, al fine di stabilire il grado di invalidità

3." in che ramo si può inserire a livello psichiatrico? In un semplice disturbo o è una grave patologia che può essere basilare per ottenere l'inabilità?" : a mio parere il disturbo della condotta va valutato assieme a tutte le altre infermità, e non in astratto.

Con ciò penso che Le siano state fornite tutte le risposte necessarie, per cui per quanto mi riguarda questo quesito è da considerarsi concluso.

Distinti Saluti.
Nicola Mascotti,M.D.

[Si prega di non richiedere valutazioni o stime del grado di invalidità]

[#8] dopo  
Utente 190XXX

La ringrazio vivamente

[#9] dopo  
Utente 190XXX

La ringrazio vivamente.Perdoni l insistenza ma un ultima curiosità: in che senso se c è scritto lieve taglierebbe la testa al toro?solo questo .Per il testo non ho altre domande da porre in quanto è stato chiaro,gentile ed esauriente.

[#10] dopo  
Dr. Nicola Mascotti

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
()

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2010
Spett.le Utente,
nel senso che non sarebbe indicativo di stato di inabilità.
Passo e chiudo.
Nicola Mascotti,M.D.

[Si prega di non richiedere valutazioni o stime del grado di invalidità]