Utente 103XXX
circa un anno fa ho avuto un incidente, riporto di seguito quello che mi è stato riscontrato per sapere quanti punti potrebbero darmi.
Tumefazione caviglia e collo del piede, ridotta la volta plantare rispetto al piede controlaterale.Vivo dolore alla palpazione a livello del seno del tarso.Nei limiti la motilità della tibio-tarsica.limitata di 1/2 e dolente la supinazione del piede.notevole difficolta alla stazione monopodalica sinistra.la sintomatologia soggettiva è caratterizzata da dolore e limitazione funzionali a carico del piede sinistro esacerbati dalla prolungata stazione eretta e dalla deambulazione protratta.difficoltasa risulta la deambulazione su superfici irregolari e la salita e discesa delle scale.impossibile la corsa.dalla RMN si evidenzio una lesione inserzionale a tutto spessore del capo prossimale del legamento peroneo-astralgico anteriore,una distrazione del peroneo-calcaneare ed un'osteocondrosi dissecante del versante articolare antero-mediale dell'astragalo.
Vi ringrazio anticipatamente per le vostre risposte.

[#1] dopo  
Dr. Mario Corcelli

52% attività
12% attualità
20% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2009
Gentile Utente,

Il punteggio di invalidità è l'equivalente della diagnosi e terapia in ambito clinico e non sarebbe deontologico formulare una diagnosi e prescrivere una terapia senza la visita diretta.

Io posso solo darle alcuni riferimenti tabellari dei punteggi relativi alla caviglia, desunti dalla Guida alla Valutazione Medico-Legale di Luvoni-Bernardi Mangili V edizione Giuffrè, in ambito di danno biologico:

anchilosi tibiotarsica ad angolo retto 12%
tibiotarsica ridotta globalmente di un quarto 2%
tibiotarsica ridotta globalmente di un terzo 4%
tibiotarsica ridotta globalmente della metà 8%
tibiotarsica ridotta globalmente di due terzi 10%

Ne caso che abbia l'esigenza di confrontare la valutazione fatta dal suo consulente che le ha raccolto l'obiettività clinica da lei descritta, può rivolgersi ad altro specialista medico-legale, il quale, con una visita diretta, potrà fare una valutazione sul campo.
Deve però sapere che è normale che una valutazione del danno possa differire, anche se generalmente non di molto, tra un medico e l'altro.

Cordiali saluti.
Mario Corcelli, MD
Milano - specialista Medicina Legale e Igiene-Tecnica Ospedaliera
http://www.medico-legale.it