L'area di Medicina non Convenzionale è riservata ai soli perfezionati in tali discipline, quindi non sarà possibile ricevere risposte da altri specialisti. Teoria e pratica delle discipline di Medicina non Convenzionale ad oggi non sono ancora sostenute da sufficiente sperimentazione scientifica e sono disciplinate dal codice di deontologia medica (art. 15)

Utente 259XXX
Salve chiedo aiuto:soffro di colon irritabile da + di 2 anni il che mi porta a svolgere una vita nn al top!!nausea , pancia gonfia reflusso(maledetto)!...andando da un un gastroent.mi e' stato diagnosticato un mal assorbimento del fruttosio(azzzz)e lattosio;il che eliminando suddetti cibi8frutta,caramelle,cioccolata)la pancia gonfiA E' SPARITA MA IL REFLUSSO NO!!!quello rimane anche perche' e' dura trovare un'alimentazione corretta per i problemi che ho...nn funziona neanche il lucen 20 x il reflusso...ho bisogno di un vs aiuto che mi aiuti a vivere una vita piu' bella senza dover sempre stare male ogni volta ke mangio!!!chiedo cure alternative tenendo conto del mal assorbimento di lattosio e fruttosio che ho...grazie e saluti.nn sono tanto fortunato eh

[#1] dopo  
Dr. Massimo Ciampi

20% attività
0% attualità
12% socialità
FOGGIA (FG)

Rank MI+ 32
Iscritto dal 2006
IL suo non è un problema che si può risolvere senza una valutazione clinica completa. Le consiglio, pertanto, di rivolgersi ad un gastroenterologo esperto in omeopatia e/o omotossicologia ( nella sua zona sono tanti i medici esperti in medicine non convenzionali!...), il quale CERTAMENTE l'aiuterà a risolvere la sua patologia.
Distinti saluti.
Dr Massimo Ciampi
Massimo Ciampi

[#2] dopo  
10161

Cancellato nel 2009

Occorre sempre accertare le cause che conducono ai sintomi da lei descritti; la eliminazione di certi cibi, che “irritavano il colon” ha portato alla eliminazione della “pancia gonfia”, la ricerca della causa che “irrita” il colon, lo ha riportato ad un funzionamento regolare, così la ricerca delle cause del reflusso gastroesofageo, può condurre ad un suo riequilibrio. La presenza eventuale dell’Helicobacter Pylori, potrebbe spiegarne l’origine, la sua eliminazione può condurre lo stomaco ad un funzionamento fisiologico.
La spiegazione dei comportamenti di questo batterio, può condurre a chiarire la sua sintomatologia. La presenza nello stomaco, particolari zone dell’intestino e del colon, chiariscono la possibilità di produrre le intolleranze alimentari per la suaazione patologica; come il reflusso, ernia iatale, gastrite ed altre patologie che è in grado di determinare. La sua individuazione, non è molto facile, L'Helicobacter Pylori è un batterio, anche lui molto birichino, che in certe determinate occasioni, diventa di difficile riscontro; infatti lui è un batterio a forma elicoidale di bastoncino, sulla cui superficie ha diverse proteine, antigeni, che promuovono la risposta anticorpale, uno di questi, produce ureasi, su cui sono basati tutti gli esami che normalmente vengono eseguiti, breath test, anticorpi, feci, test durante la gastroscopia, successivi; ma in condizioni particolari, di vita, sua, si trasforma in cocco, perdendo la proteina ureasi; così viene cercata l'ureasi, e non è presente, un bastoncino ed invece è un cocco; in questi casi, potrebbero verificarsi falsi negativi, il batterio è presente, ma non viene individuato.
Importante è la determinazione delle altre proteine di superficie, con Western Blot, che si negativizza quando lui effettivamente è stato eliminato.
Ogni agente patogeno che è presente nella persona crea sintomi particolari e peculiari, che conducono alla scelta del farmaco adeguato, per cui è sempre fondamentale l’analisi dell’organismo della persona, la valutazione della presenza eventuale del batterio, come di altri agenti patogeni, per la loro eliminazione.
Saluti Alberto Moschini
alberto.moschini@fastwebnet.it
moschinialberto@medicitalia.it





Alberto Moschini
alberto.moschini@fastwebnet.it


[#3] dopo  
Utente 259XXX

dr.alberto moschini nn ho capito bene cosa dovrei fare da quello che ha scritto ,mentre per il dr massimo ciampi vorrei che mi desse una mano a trovare un medico competente anke xke' oggi i soldi vorrei spenderli bene e nn buttarli e un gastroenterologo esperto in omeopatia e' difficile trovarlo ma un omeopatico nn gastroenterologo si.l'elicobatteris ho fatto un esame che mi diceva la sua nn presenza ma magari nn era un esame preciso nn so

[#4] dopo  
Dr. Alessandro Scuotto

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
16% attualità
20% socialità
COMO (CO)
SARONNO (VA)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2007
Gentile signore,
la sua richiesta "alternativa" non è subordinata al tipo di patologia (malassorbimento di lattosio...) bensì ad una scelta della modalità con la quale preferisce curarsi.
Per quel che riguarda l'aspetto del reflusso gastroesofageo, il solo farmaco inibitore di pompa che sta assumendo spesso non è sufficiente e può essere opportuno introdurre, in associazione, un farmaco procinetico (per esempio Domperidone in medicina convenzionale, ficus carica macerato glicerico in medicina non convenzionale).
Per un inquadramento completo in medicina non convenzionale, come per la medicina convenzionale, è necessario che sia visitato da un competente.
Cordiali saluti.
Alessandro Scuotto, MD, PhD.

[#5] dopo  
Utente 259XXX

conoscerli di medici competenti sarebbe di grosso aiuto io purtroppo nn ne conosco nella mia zona se abitasse vicino verrei da lei

[#6] dopo  
10161

Cancellato nel 2009

Infatti, le ho spiegato che vanno sempre ricercate le cause delle problematiche presentate, come per il gonfiore di pancia, lo ha risolto eliminando certi cibi, il refusso può essere provocato dall'Helicobacter Pylori, che in certe determinate occasioni, si trasforma in cocco, non produce più ureasi e quindi viene negata la sua presenza, mentre lui è ben attivo e produce patologia, come quella che lei presenta.
L'esame da eseguire lo ho indicato, Western Blot, si esegue sul sangue, indica esattamente tutte le proteine presenti sulla superficie del batterio, indicandone le caratteristiche. Si negativizza quando il batterio è stato veramente eliminato.
Gli inibitori di pompa sono solamente “sintomatici” ed antifisiologici, invertono la pompa fisiologica che immette molecole acide nello stomaco, ma molecole alcaline nel sangue, assumendo un farmaco che la inverte, immette molecole alcaline nello stomaco, ma acide nel sangue, costringendo l’organismo ad altri meccanismi di alcalinizzazione del sangie, perché diventerebbe troppo acido, quindi incompatibile con la vita delle cellule. In questo caso verrebbero utilizzati i fosfati e bifosfati dell’osso, con conseguente osteoporosi. Questo èil motivo per cui il Lucean non ha più avuto effetto.
Se presente, l’Helicobacter va cercato attentamente, eliminato con terapia omeopatica idonea, correlata con i suoi sintomi. Importante è sempre stabilire il motivo per cui si verificano certi sintomi, senza sopprimerli, ma conducendoli ed accompagnandoli verso la loro estinzione.
Saluti Alberto Moschini
alberto.moschini@fastwebnet.it
moschinialberto@medicitalia.it


Alberto Moschini
alberto.moschini@fastwebnet.it


[#7] dopo  
Utente 259XXX

grazie1000!!spero che il medico di famiglia possa prescrivermi il suddetto esame (western blot);essendo donatore di sangue me lo passa l'avis se glielo chiedo????in caso di valori positivi come mi devo comportare e al contrario?scusi la mia ignoranza

[#8] dopo  
10161

Cancellato nel 2009

Egregio, non dovrebbero esserci problemi nella prescrizione e nella esecuzione di questo esame.

Le metto una risposta, in cui proprio le proteine che indicano l’ureasi sono assenti, questa persona aveva il Breath test negativo, l’Helicobacter pylori era stato dichiarato assente, mentre l’esame Western Blot, ne indica la presenza.
Come vede, la diagnosi e la terapia possono cambiare, questo potrebbe spiegare la permanenza del reflusso.

proteina Cag A 136 kD presente
proteina Vac A 87 kD presente
proteina 66 kD assente
proteina 60 kD presente
proteina 55 kD presente
proteina 50 kD presente
proteina 30 kD (ureasi A) assente
proteina 26 kD (ureasi A) assente
proteina 24 kD assente
Esito suggerito: Sono stati riscontrati anticorpi anti-helicobacter
pylori di tipo I.

La valutazione clinica va fatta sempre in presenza della persona, soprattutto in omeopatia.
Saluti Alberto Moschini
alberto.moschini@fastwebnet.it
moschinialberto@medicitalia.it
Alberto Moschini
alberto.moschini@fastwebnet.it


[#9] dopo  
Utente 259XXX

domani mattina faccio la gastroscopia se siete interessati(e lo spero)vi faccio sapere

[#10] dopo  
10161

Cancellato nel 2009
Certamente, ci tenga informati, non è riuscito ad eseguire Western Blot su Helicobacter?
Alberto Moschini
alberto.moschini@fastwebnet.it


[#11] dopo  
Utente 259XXX

salve ecco il responso:il dottore mi ha diagnosticato ernia iatale gastrite;mi ha dato come cura una pastiglia da prendere x 300gg a 20 mg e dimezzare la dose x altri 2 mesi.il nome del farmaco lo sapro' domani quando andro' a farmelo prescrivere dal medico di famiglia anke xke' le scritture mediche si fanno fatica a leggere oltre a cio' penso che abbiano fatto un prelievo per verificare la presenza dell'helicobacter il cui responso lo sapro' fra 10 gg.per il western blot mi hanno detto che nn e' attendibile troppi pareri discordanti uffa!!!comunque col prelievo da gastroscopia vedranno qualcosa spero.
intanto mi dia qualche consiglio su questa ernia iatale da reflusso.troppo gentile e disponibile se abitassimo vicini...grazie dotttore per l'interesse dimostrato.la terro' super aggiornato.ieri ho riprovato a mangiare verdure e frutta ma la pancia gonfia e il reflusso si e' ripresentato peccato senza vitamine nn si va avanti e sono triste x questo

[#12] dopo  
10161

Cancellato nel 2009
Western Blot viene indicato in letteratura internazionale, come l'esame che fornisce le migliori informazioni sulle caratteristiche del batterio, soprattutto la presenza delle proteine proteina Cag A 136 kD e proteina Vac A 87 kD, che sono predittive della infettività e pericolosità del batterio, inoltre come ha potuto notare, la mancanza delle proteina 30 kD (ureasi A) proteina 26 kD (ureasi A), non fa produrre ureasi al batterio, su cui è basato il Breath test ed altri esami rapidi che vengono eseguiti, anche la biopsia, potrebbe non aver colto il punto dove il batterio è presente. Occorre molta attenzione nella ricerca del batterio, perché causa di molte patologie gastriche ed è essenziale essere sicuri della sua eliminazione, per questo la letteratura internazionale lo indica come essenziale e a completezza degli esami eseguiti, non è il solo, ma insieme agli altri esami fornisce informazioni molto importanti. Il batterio vive, oltre che nello stomaco, anche in zone specifiche del colon e dell’intestino, creando proprio quei disturbi che lei lamenta.
Alberto Moschini
alberto.moschini@fastwebnet.it


[#13] dopo  
Utente 259XXX

ok dottore se la scienza medica fosse esatta x tutti noi pazienti avremmo meno confusione!!!ora aspetto quel referto ,in caso di contagio seguiro' la cura anke se antibiotica nn la farei....preferirei qualcosa d+ leggero;poi in caso di sua assenza(batterio)seguiro' la cura ke mi ha dato il gastro poi kiedero' al medico di base di eseguire quel esame anke se lui era contrario .che confusione...che pensa del ernia iatale?pensa che il reflusso possa essere dovuto da questa?che consigli mi da?grande alberto!!

[#14] dopo  
Utente 259XXX

comunque domani vado dal medico con quello che mi ha scritto sopra lei e me lo faccio prescrivere.pero' spero che lei mi segua quando le daro' il responso.magari la chiamo se mi lascia il numero di cell.oppure continuiamo su mediciitalia.costa molto l'esame se prescritto dal medico??

[#15] dopo  
10161

Cancellato nel 2009
Penso paga il Tiket.
E' di completamento alli esami eseguiti, per chiarire la diagnosi delle cause della gastrite e della ernia iatale.
Alberto Moschini
alberto.moschini@fastwebnet.it


[#16] dopo  
Utente 259XXX

allora il nome della pastiglia che sto prendendo si chiama:omeprazen 20mg;oggi o domani ho il referto per l'helicobacter p.
per il westrn blot aspetto anke perke' con la biopsia il medico di famiglia mi ha fatto piu' prelievi nelle zone in cui il batterio alloggia.la terro' aggiornato ora comincio la cura anke se sono piu' amante dell'omeopatia:-(.Saluti

[#17] dopo  
Utente 259XXX

responso biopsia:nn presente batterio h.batteris
Dottore dato che mi trovo molto in sintonia a parlare con lei vorrei e dato che nn amo prendere farmaci...vorrei chiederle una cura omeopatica contro il reflusso e svuotamento gastrico insomma qualcosa x repristinare il mio colon e intestino8magari granuli).una volta prendevo anche il causticom in granuli che mi faceva stare + sereno e rilassato ma poi spari l'effetto(dopo 4 gg).mi puo ' dire ANCHE LE DOSI E LE MODALITA' D'INPIEGO.FACCIO AFFIDAMENTO SU DI LEI.

[#18] dopo  
10161

Cancellato nel 2009
Come le dicevo precedentemente, il batterio è molto birichino e non si fa individuare molto facilmente, per questo motivo utilizzo esami strumentali di medicina convenzionale ed omeopatica, Western Blot, per individuarlo esattamente, poter applicare la terapia per la sua radicazione, che è priva di effetti collaterali e applicabile facilmente, ma la terapia deve essere attuata alla sua persona, non è valida per tutti, come nella medicina convenzionale.

Ogni agente patogeno, nel suo caso Helicobacter Pylori, genera sintomi particolari e peculiari che sono caratteristici della sua persona, derivano dalla analisi del suo organismo, sia con esami strumentali non invasivi, di medicna omeopatica ed omotossicologica, sia con il colloquio approfondito, conducono alla prescrizione del farmaco omeopatico esattamente studiato per lei.
Alberto Moschini
alberto.moschini@fastwebnet.it


[#19] dopo  
Utente 259XXX

insomma ma uno questo batterio lo deve avere perforza?vedo che insiste anche con altri iscritti con questo esame...mah

[#20] dopo  
10161

Cancellato nel 2009

Non lo deve avere per forza, ma considerando la sua sintomatologia, il fatto che non riesce a “ho problemi nel mangiare frutta e verdura(mi generano pancia gonfia nel giro di poco tempo e nausea)idem nel latte”, questo batterio ha la possibilità di creare le cosiddette “intoleranze alimentari”.
Se insisto vuol dire che è un batterio estremamente diffuso, crea moltissimi problemi patologici, quindi necessita molta attenzione, la sua individuazione ed eliminazione, la sicurezza che effettivamente è stato eliminato, deve costituire certezza, un esame che lo indaga nella sua completezza, in tutte le sue proteine, costituisce una notevole importanza; non posso affidarmi ad esami che poi, solo per la assenza delle due proteine, proteina 30 kD (ureasi A) proteina 26 kD (ureasi A) diventano inattendibili. Anche la presenza delle due proteine proteina Cag A 136 kD proteina Vac A 87 kD è importantissima, perché predittiva di patologie importanti, carcinoma dello stomaco, gastrite atrofica. Capisce bene che il solo Breath test, basato sull’ureasi, queste notizie, non le fornisce. Io devo ragionare sempre in termini preventivi, non aspettare che la malattia si verifichi, ma impedire che avvenga. I sintomi non devo sopprimerli, ma capirne la origine e la causa, per condurli alla loro progressiva rimozione, per condurre l’organismo alla sua funzione regolare e fisiologica.

Non lo deve avere per forza, ma almeno essere sicuro che non è presente.

Alberto Moschini
alberto.moschini@fastwebnet.it


[#21] dopo  
Utente 259XXX

il dottore nn me lo vuole prescrivere come devo fare?

[#22] dopo  
10161

Cancellato nel 2009
Quale è il motivo per cui non vuole prescriverlo?
E' un esame fondamentale per la diagnosi e per seguire la radicazione del batterio, più completo, in aggiunata agli altri, eventualmente sia presente.
Alberto Moschini
alberto.moschini@fastwebnet.it


[#23] dopo  
Utente 259XXX

scusi ma e' un esame che costa parecchio?

[#24] dopo  
10161

Cancellato nel 2009
Non lo so, paga il tiket.


Alberto Moschini
alberto.moschini@fastwebnet.it