L'area di Medicina non Convenzionale è riservata ai soli perfezionati in tali discipline, quindi non sarà possibile ricevere risposte da altri specialisti. Teoria e pratica delle discipline di Medicina non Convenzionale ad oggi non sono ancora sostenute da sufficiente sperimentazione scientifica e sono disciplinate dal codice di deontologia medica (art. 15)

Utente 146XXX
Carissimi dottori,
avrei bisogno di un consiglio, sono un ragazzo di 28 anni e soffro di tensione
addominale associata a meteorismo e flatulenza con conseguente cefalea.
La parte che ne risente di più è il colon, non ho particolari dolori, ma tutta
questa enorme tensione a livello addominale mi comporta diversi problemi.
Sicuramente l'alimentazione andrebbe corretta ed evitati alcuni cibi, ma la componente ansiosa è la principale causa credo di questo mio disturbo.
Al momento faccio cicli di lexil, ma vorrei provare qualche prodotto alle erbe.
Non mi sono mai avvicinato alla fitoterapia in passato, ma vorrei provare per vedere se ne traggo qualche beneficio.
Potete consigliarmi una cura a base di erbe che faccia al caso mio?
Vi ringrazio

[#1] dopo  
Dr. Alessandro Scuotto

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
16% attualità
20% socialità
COMO (CO)
SARONNO (VA)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile signore,
sul piano "sintomatico" può trarre beneficio dall'assunzione di infuso di semi di finocchio e/o di anice stellato per quel che riguarda il meteorismo. Per la scelta dei fitopreperati più adatti sulla componente ansiosa, anziché una indicazione generica, le consiglio di rivolgersi ad un collega esperto in fitoterapia che possa visitarla e valutare le opportunità terapeutiche individuali.
Cordiali saluti.
Alessandro Scuotto, MD, PhD.

[#2] dopo  
Utente 146XXX

Caro Dottore,

tempo fa un conoscente esperto in materia mi consigliò di utilizzare il Ficus Carica Gemmoderivato associato a Coligas Fast Capsule, per agire sul gonfiore e sulla tensione addominale, con un'azione rilassante specifica sulla somatizzazione dell'ansia sul colon e qualora fosse stata necessaria un'ulteriore azione calmante dell'ansia, avrei potuto assumere Serenil Calmansia Opercoli, in alternativa al farmaco Lexil.
Le pare una cura adeguata? Se dovessi parlare di questa alternativa al mio medico di famiglia pensa che sarebbe in grado di capire se è una soluzione appropriata pur non essendo specialista in medicine non convenzionali?
Cordialmente

[#3] dopo  
Dr. Alessandro Scuotto

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
16% attualità
20% socialità
COMO (CO)
SARONNO (VA)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2007
Gentile signore,
mi preme fare una precisazione che non ha valore di rimprovero nei suoi confronti, bensì di chiarimento per altri utenti che possono leggerci:
se il conoscente di cui riferisce non è medico, non è un esperto in materia; potrà essere un curioso, un appassionato, una persona che ha letto e si è documentata sull'argomento..., ma non è un esperto. L'esperto è colui che, oltre a studiare, applica nel concreto le conoscenze apprese e le tramuta, appunto, in "esperienza".
Ora, per poter "applicare" su pazienti, è necessario fare il medico.

Tornando alla sua richiesta, il Ficus ha un'azione prevalentemente procinetica e non si accorda con la sintomatologia esposta; il "Coligas" è un'associazione di Finocchio con altri fitoderivati (Zenzero, Cumino, Coriandolo) che hanno azione carminativa e facilitante la digestione.
"Serenil Calmansia" è un'associazione di Biancospino, Passiflora, Giuggiolo e Luppolo, fitoderivati che hanno azione prevalente sui sintomi (tachicardia, insonnia...) collegati all'ansia.
In conclusione, l'uso limitato nel tempo di questi preparati di associazione preformulata può essere di giovamento sintomatico; che rappresentino una "cura" adeguata è difficile se non sono prescritti dopo visita medica. Suppongo che possa parlarne con il suo medico curante che, se non è esperto di fitoterapia, la inviterà a consultare un collega come farebbe per qualsiasi altra competenza specialistica.
Cordiali saluti.
Alessandro Scuotto, MD, PhD.