Utente 163XXX
Buongiorno, sono disperata perche' il mio compagno si trova da quasi un mese ricoverato in terapia intensiva in un noto ospedale romano.Ha 48 anni e a fine Luglio nello stesso ospedale si e' sottoposto ad un intervento laparoscopico di sleeve gastrectomy per cui era in lista d'attesa da circa tre anni.Doveva essere una "passeggiata" a sentire lui, che pure e' una persona estremamente aggiornata su tutto. Un'operazione risolutiva della sua obesita' ,che gli avrebbe fatto intravedere un futuro migliore. Invece si e' rivelata un'autentica tragedia perche' dopo l'intervento lui non si e' mai ripreso, e' stato dimesso con sudorazioni abbondanti, astenia, colorito pallido ed alterazione dei globuli bianchi che i chirurghi pero' dicevano poterci stare dopo la sleeve. Il giorno dopo la dimissione, un emocromo ha evidenziato 38.ooo globuli bianchi e solo allora il medico ha consigliato di tornare al pronto soccorso.In breve, la tac ha riscontrato la presenza di una fistola gastrica ed e' stato necessario un nuovo intervento d'urgenza ,a distanza di una settimana dal precedente, per richiudere questa fistola.Fatto sta che da allora lui non e' piu' uscito dalla terapia intensiva perche' la peritonite, evidentemente gia' in stato avanzato, gli ha procurato danni a piu' organi. Emocolture ed antibiotici mirati ai vari focolai infettivi hanno permesso da una settimana a questa parte di far regredire l'infezione. Infatti lui e' sfebbrato ormai da una sett, ma la cosa grave e' che, oltre ad aver dovuto subire una tracheotomia,i reni non stanno ripartendo e lui si sta "imbibendo",come mi hanno detto i medici.Da qualche giorno sta con la dialisi in continuo nonche' con il Lasix a dosi massime anche perche' e' grosso di corporatura. Il nefrologo consultato ha detto che di piu' non si puo' fare per l'anuria che ha e che bisogna solo sperare che all'improvviso i reni ripartano da soli.Qualche volta mi hanno detto che e' successo. Vengo quindi alle mie domande:secondo la sua esperienza nel settore, e' davvero possibile che accada questo miracolo?I medici hanno detto che dovrebbe accadere in tempi molto brevi. Quanto potrebbe durare con tale ritenzione idrica, seppur giovane, come dicono loro?Sono davvero nell'angoscia sia per l'amore che ho per lui, sia perche' penso che la prima era un'operazione che poteva evitare. Si tratta di una persona sempre stata benissimo in salute e con nessuna patologia pregressa. Ringrazio tanto chi vorra' rispondermi e porgo i mei saluti.Non potete immaginare quello che sto vivendo vedendolo tra l'altro sempre sedato ed impossibilitato pure a sentirmi e in un luogo che non auguro a nessuno di dover mai visitare.

[#1] dopo  
Dr. Filippo Mangione

28% attività
4% attualità
16% socialità
PAVIA (PV)

Rank MI+ 48
Iscritto dal 2009
cara Signora,

innanzitutto mi permetta di farle un grande "in bocca al lupo" per il suo compagno.
E' evidente che l'insufficienza renale acuta si inquadra in una patologia multi-organo complessa, difficile da valutare nella sua specificità via internet.

Al momento i reni non funzionano, non depurano il sangue e non mantengono l'equilibrio dei liquidi corporei; questo viene vicariato dalla dialisi. Fin tanto che i reni non funzionano adeguatamente, la dialisi vicaria la loro funzione. Ciò può avvenire per un tempo indefinito.

Non è assolutamente escluso che i reni possano riprendere la loro funzione in linea teorica, soprattutto se, come lei dice, la situazione prima dell'intervento era scevra di patologie importanti. Solo il tempo, però potrà dircelo; un miglioramento complessivo sicuramente faciliterà la ripresa dei reni.

Un saluto, e ci tenga aggiornati se le va.
Dr. Filippo Mangione
Specialista in Nefrologia
Dirigente Medico - Fondaz. IRCCS Policlinico S. Matteo - Pavia

[#2] dopo  
Utente 163XXX

Gentile dott. Mangione,la ringrazio davvero tanto per la rapidita' con cui mi ha risposto e la cortesia con cui l'ha fatto, dandomi ancora qualche speranza in un periodo per me cosi' tragico,con la vita del mio compagno appesa ad un filo. La terro' di sicuro aggiornata sperando con tutto il cuore di poterle dare notizie migliori.Un saluto anche a lei.