Utente 349XXX
Salve,vorrei sottoporre alla vs.attenzione la situazione di mio figlio di 30 mesi. All' eta' di 6 mesi scopriamo che ha un infezione alle vie urinarie dovuta alla presenza di batterio escherichia copia.da li in poi iniziano una serie di accertamenti, ecografia,scintigrafia, visita dal nefrologo pediatrico.l' unica cosa che emerge è una dilatazione valico pielica bilaterale a DX di 14 mm e a SN di 4 mm. Nessun reflusso vescico uureterale, nessuna strozzatura delle vie urinarie. La situazione ad oggi e' la seguente,riporto testualmente referto ecografico di due GG fa'. Reni in sede regolari per forma e dimensioni. Il destro misura 6,8 cm e sinistro 6 cm. Conservata differenziazione cortico_midollare. Assenza di significative dilatazioni delle cavità escretrici di sinistra a destra si rileva dilatazione valico pielica con Dap di 12,7 mm(vs 10 mm del 11.4.2014). Non evidenza di calcoli.
sospetto vaso anomalo a destra ,utile eventu
ali approfondimenti previa consulenza specialistica, vescica mediana a contenuto transonico omogeneo. A buona capacità simmetriche e regolari nei profili le pareti.
La mia domanda è questa: che importanza può assumere questo vaso anomalo e come è
opportuno intervenire? Il bambino oggi gode di buona salute e non ha disturbi, ma vorrei capire
il grado di pericolosità di questo vaso.grazie per la cortese attenzioni

[#1] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
Gentile Signora,
la dilatazione non pare così spiccata, in assenza di sintomi e con urocoltura negativa, la presenza di codesto modesto difetto congenito rappresentato da un vaso renale "accessorio" ("anomalo" è una dizione comune ma scorretta) la situazione potrebbe essere tenuta semplicemente sotto controllo. D'ogni modo, è evidente che si tratti di una decisione delicata, da concordare direttamente con un nostro Collega specialsta in urologia con particolare competenza nella patologia pediatrica, cui le consigliamo di far riferimento.

Saluti
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing