Craniofaringioma ipofisario

MIA MADRE NEL 1995 E STATA OPERATA DI CRANIOFARINGIOMA,PURTROPPO NON E'STATO POSSIBILE ASPORTARLO COMPLETAMENTE,POI HA FATTO RADIOTERAPIA E FINO AD OGGI PRENDE IL MINIRIN.DURANTE L'ULTIMO CONTROLLO ATTRAVERSO LA RM CON CONTRASTO E IL CAMPO VISIVO SI SONO ACCORTI CHE IL PICCOLO RESIDUO LASCIATO CRESCEVAZ ANCHE SE IN MANIERA LIEVE.ALLORCHE'VOLEVANO RIOPERARLA STAVOLTA DAL NASO MA SENZA ASSICURARGLI LA BUONA RIUSCITA DELL'INTERVENTO;LEI SI E' RIFIUTATA ADESSO SONO 3 GIORNI CHE LAMENTA FORTI DOLORI ALLA FRONTE,VERTIGINI EAVEVA VOMITI CHE GRAZIE AD 1 INIEZIONE DI PLASIL QUEST'ULTIMI GLI SONO SCOMPARSI.E' POSSIBILE CHE LA LESIONE STIA CRESCENDO?A CHE COSA VA INCONTRO SE NON SI OPERA? che consiglio mi puo' dare?
[#1]
Dr. Giovanni Migliaccio Neurochirurgo 13,7k 398 94
Credo che se i colleghi hanno posto l'indicazione all'intervento, questo debba essere fatto. Non abbbiamo elementi clinici, strumentali ecc. per eventualmente affermare cose differenti.

Cordialità
[#2]
dopo
Utente
Utente
grazie .oggi sta 1 pò meglio ,anche se si sente ancora stordita,stanca e assonnata,ma questi sintomi possono essere causati dalla lesione?distinti saluti

Quali argomenti vorresti approfondire su Medicitalia? Partecipa al sondaggio