Paraparesi da ernia l2-l3

Buongiorno ho 35 anni e due anni fà sono stato colpito da paraparesi a causa di ernia espulsa L2-L3.Dopo RSM, che ha confermato stenosi marcata del canale lombare da L1 in giù e protusioni discali multiple, mi avevano consigliato palestra e dopo 6 settimane l' evento acuto che mi ha portato alla paraparesi. Sono stato operato dopo 25 gg perchè ai medici non era chiaro il problema, dal momento in cui non si vedeva l 'ernia ma solo le protusioni discali. Questo l' esito dell' intervento:Si certifica di aver ricoverato qui il 31/12/07 il sig. .... perchè affetto da stenosi marcata, protusioni discali multiple e sindrome della cauda.All' ingresso presso il rep il paziente presentava: parapresi marcata, ipoestesia da L2 in giù, areflessia OT, turbe sfinteriche. il 17.01.2008 il pazient è stato sottoposto ad intervento neurochirurgico di Erniectomia L2/L3, discectomia L4/L5 e Foraminotomia L2/L3, L3/L4,L4/L5 bilateralmente, emilaminectomia L4 e stabilizzazione L2/L5 con Universal Clamp in titanio. il decorso postoperatorio è stato regolare con regressione della sintomatologia algica e lieve miglioramento della sintomatologia neurologica.
Oggi dopo quasi 2 anni in cui ho effettuato e ancora oggi effettuo FKT sono dinuovo all' impiedi. Cammino dinuovo con l' aiuto di un bastone, guido l' auto ma mi rimangono problemi ai piedi, dove ho messo le molle di codvilla, e debolezza alla gamba dx,alla vescica neurologica e in molte zone delle gambe in cui non ho sensibilità così come l' anestesia a sella. Ho avuto molta fiducia nel medico che mi ha operato e ne ho tutt' ora ma ho bisogno di un' altro parere:
Dopo 20 mesi posso ancora sperare in un recupero che mi permetta di abbandonare del tutto il bastone? La vescica neurologica guarirà? La sensibilità tornerà? Grazie della vs attenzione.
[#1]
Dr. Giovanni Migliaccio Neurochirurgo 13,7k 398 94
Egr. signore,
sono domande alle quali è difficile rispondere.
Da quel che dice in questi mesi si sono osservati dei miglioramenti e questo può far ben sperare, ma è anche doveroso da parte nostra non elargire con disinvoltura delle speranze di guarigione completa, soprattutto per la sindrome della cauda.
Si affidi comunque ai Sanitari che La stanno curando egregiamente.

Vorrei però un chiarimento: non ho capito se la paraparesi è comparsa durante la fisioterapia o prima e quali siano stati i sintomi iniziali.

Cordialmente
[#2]
Dr. Vincenzo Della Corte Neurochirurgo 5,9k 200 2
Egregio Signore, ritengo che Lei abbia eseguito un nuovo accertamento neuroradiologico dopo l'intervento. Quale è il referto? Se non l'avesse eseguito direi che e' doveroso programmarlo al più presto se non altro per evidenziare la situazione attuale.
Utile anche un emg agli arti inf., i potenziali evocati somestesici ed una valutazione dell'Urologo accompagnata da indagini specialistiche mirate.
Mi faccia sapere.
Cordialità

Dr. Della Corte: vincenzodellacortemi@libero.it
Case di Cura: "La Madonnina Milano-02/58395555
"Villa Mafalda" ROMA-06/86094294

[#3]
dopo
Utente
Utente
Grazie per la Vs celere risposta.
Egr. Dr Migliaccio,
Lei rafforza ancora di più la fiducia che avevo dato e, che ho tutt' ora, nel medico che mi ha operato e che mi stà seguendo. Sono rimasto sulla sedia a rotelle per 4 mesi e poi piano piano, anche se con un precario equilibrio, sono arrivato oggi alla deambulazione senza bastone.
Mi rendo conto che la mia non sarà una guarigione completa ma mi chiedevo se almeno riuscirò a buttare il bastone e se ritornerà la sensibilità almeno in quelle zone dove funzionano i muscoli.
La paraparesi è arrivata mentre ero a casa. Stavo accendento lo stereo abbassato sulle gambe, appena mi sono rialzato un forte dolore mi ha bloccato. Dopo delle infiltrazioni il medico mi ha rimesso all' impiedi ma solo per 2 gg, un' altra lombosciatalgia appena alzatomi dal letto mi ha paralizzato. Non ho avuto altri sintomi.
Grazie ancora per il suo tempo.


Egr Dr. Della Corte
Ho fatto delle RX e delle EMG, secondo quanto disposto dal medico, la più recente è stata la RX a febbraio 09 di cui il referto:
-Asse lombare nei limiti
-Esiti da intervento di stabilizzazione al tratto lombare
-Iniziali segni di artosi
-Spazi discali rispettati

La EMG + recente è di giugno 08:
L' esame mostra un quadrodi sofferenza neurogena bilaterale sul territorio l4-l5-s1-s2, compatibile con i dati anamnestici pregressa poliradicolopatia; tale quadro mostra prevalenza dei segni di denervzione recente soprattutto su s1-s2; si segnalano, altresì, potenziali espressivi di reinnervazione collaterale sul territorio di l4-l5-s1.
Può essere utile eventuale successivo controllo secondo l'evoluzione del quadro clinico.
Per quanto riguarda l' urologo, forse non ho avuto fiducia.Abbiamo fatto esami di urodinamica in cui si evinceva la mancata funzionalità della vescica e dopo un' altro esame, non ricordo il nome, ha constatato che la stessa non si svuotava bene.
Di lì mi consigliava un taglio per allargare il collo della vescica e facilitare lo svotamento tramite torchio, utilizzare il catetere ad intermittenza o più avanti un pacemaker.
Dal momento in cui non ho problemi con il sesso, ho preferito aspettare e far passare ancora un pò di tempo. Cosa ne pensate?
[#4]
Dr. Vincenzo Della Corte Neurochirurgo 5,9k 200 2
Egregio Signore, quando ho parlato di esami neuroradiologici, mi riferivo a RMN senza e con mdc e/o una normale tac lombare.
Ritengo che, penso alla rmn anche con gadolinio, vada eseguita almeno quell'indagine neuroradiologica.
Ci risentiamo e grazie a Lei per la dovizia di particolari che ci comunica.
Cordialità
[#5]
dopo
Utente
Utente
Egr Dr prendo in considerazione il suo consiglio e farò al più presto una RMN o TAC.
Le farò sapere e grazie ancora
[#6]
dopo
Utente
Utente
Egr Dr, avrei un'altra domanda da porvi.
Ho sempre dei disturbi che descriverei come fitte e forti scosse agli arti inferiori. Non sono mai localizzati nello stesso punto ma si spostano in punti diversi e sono così fastidiosi da non farmi dormire la notte, l' unico rimedio è una bustina di Aulin.
Finiranno prima o poi?
[#7]
Dr. Giovanni Migliaccio Neurochirurgo 13,7k 398 94
Egr. signore,
ho riletto meglio il Suo primo post e mi sembra di capire che vi sarebbe stato un ritardo nella diagnosi.
Se così fosse, credo sia giusto stabilirne le responsabilità in modo che Lei possa avere un giusto ristoro economico.

Crdiali saluti

Sondaggio su Vaccino anti-Covid (6 mesi dopo) Partecipa