Una tac cranica, eseguita

Gentilissimi medici,
vi scrivo per conto della mia famiglia, in seguito al ritiro del referto di una tac cranica, eseguita da mia nonna (di età 71 anni) in seguito ad un trauma cranico, avvenuto qualche settimana fa. E' caduta su un autobus urtando la testa in zona posteriore, sopra la nuca.
Il referto riporta: "Sistema ventricolare in asse, asimmetrico per sinistra > destra. Minima falda simil ingromatosa in sede bi-parietale più evidente a destra. Non è stato possibile effettuare confronto con precedenti esami, non essendo forniti in visione"
Confidando in una vostra risposta porgo i miei più cordiali saluti.
[#1]
Dr. Vincenzo Della Corte Neurochirurgo 6.8k 241 2
Gent.le Utente,
ritengo che, in assenza di disturbi specifici, si possa aspettare ancora alcune settimane e quindi fare un altro esame tac (per confronto) e valutare se quella raccolta tende ad aumentare o meno.
Se viceversa dovessero insorgere altri tipi di disturbi tipo paresi, parestesie, bradicardia, vomito, alterazione della pressione arteriosa, singhiozzo, sopore..., allora sarà opportuno eseguire prima il controllo tac.
Se Sua nonna non segue terapia anti-coagulante -aggregante, presumibilmente tutto andrà per il meglio.
Faccia sapere e cordiali saluti.

Dr. Della Corte: vincenzodellacortemi@libero.it
Case di Cura: "La Madonnina Milano-02/58395555
"Villa Mafalda" ROMA-06/86094294

[#2]
dopo
Utente
Utente
Salve dottore, la ringrazio per la celere risposta, non appena avrò altre notizie, non esiterò a scrivere nuovamente su questo topic.

EDIT: Mi sono appena informato, mia nonna prende l'Eutirox e la pillola per la pressione, non so se queste informazioni possono in qualche modo essere utili
[#3]
Dr. Vincenzo Della Corte Neurochirurgo 6.8k 241 2
Non dovrebbero influire; stiamo in campana.

L'ipertensione è lo stato costante di pressione arteriosa superiore ai valori normali, che riduce l'aspettativa di vita e aumenta il rischio di altre patologie.

Leggi tutto