Un consulto neurochirurgico poi vorrei

gentilissimo dottore dopo uno sforzo qui sono rimasta bloccata a livello lombare il mio medico mi ha fatto fare la risonanza magnetica cervicale,lombare dorsale qui le scrivo il referto.
A LIVELLO CERVICALE ALTERAZIONI DEGENERATIVE DISCOSOMATICHE DEL TRATTO DISTALE.
IN PARTICOLARE SONO PRESENTI FENOMENI DEGENERATIVI DEI DISCHI C5-C6 E C6-C7, ENTRAMBI MOSTRANO PICCOLE ERNIE POSTERIORI MEDIANE MOLLI CON FOCALE COMPRESSIONE DELLA FACCIA ANTERIORE DEL SACCO DURALE.IN C6-C7 SI ASSOCIA ANCHE PRESENZA DI ECCIPIENTI BARRE DISCO.OSTEOFITARIE CON MODERATO IMPEGNO FORAMINALE.

A LIVELLO DORSALE NON ALTERAZIONI MORFOSTRUTTURALI DISCOSOMATICHE A PARTE FENOMENI DEGENERATIVI NEL SOLO DISCO D3-D4 NON ERNIE O POTRUSIONI.

IN AMBITI LOMBARE MODESTA SPONDILOSI,I DISCHI MOSTRANO FENOMENI INVOLUTIVI CON RISPARMIO DI L1-L2,
DI MAGGIOR GRADO IN L2.L3 DOVE E PRESENTE ERNIA SCRSAMENTE SPORGENTE POSTERIORE MEDIANA-PAREMEDIANA SINISTRA.
IN L4-L5 PROTUSIONE POSTERIORE MEDIANA DI DISCRETA ENTITà.
IN L5-S1 ERNIA IN SEDE PARAMEDIANA SINISTRA COMPRIMENTE LA PORZIONE PROSSIMALE DELLA TASCA RADICOLARE S 1 DI QUESTO LATO.
REGOLARE AMPIEZZA DEL CANALE VERTEBRALE.
NON ALTERAZIONI DI SEGNALE DEL MIDOLLO, DEL CONO MIDOLLARE E DELLA CAUDA EQUINA.
IL MIO MEDICO MI HA DETTO CHE DEVO ANDARE DA UN OSTEOPATA PER ORDINARMI DELLA GINNASTICA E UN CONSULTO NEUROCHIRURGICO POI VORREI DA LEI SAPERE DATO CHE CON QUESTI TERMINI MEDICI NON LO è ,LA SPIEGAZIONE DI QUANTO è SCRITTO NEL REFERTO HO 45 ANNI ADESSO I DOLORI SONO PASSATI MRNO CHE A LIVELLO CERVICALE .
LA RINGRAZIO ANTICIPATAMNTE.
[#1]
Prof. Paolo Perrini Neurochirurgo 817 37
Gentile Sig.ra,

lo studio RM ha rilevato un'ernia discale L5-S1 sinistra. Se la sintomatologia dolorosa è completamente superata, un atteggiamento conservativo può essere una buona opzione.
Il tratto cervicale presenta iniziali alterazioni discoartrosiche specie a livello C5-C7, che verosimilmente, allo stato attuale, non necessitano di trattamento chirurgico.
Allo stato attuale una moderata attività fisica (come nuoto) ed eventualmente la ginnastica posturale possono esserle di aiuto.
In caso di ricomparsa della sintomatologia è consigliabile una valutazione neurochirurgica.
Cordiali saluti,

Dr Paolo Perrini
Neurochirurgia Universitaria,
Ospedale "Santa Chiara", Pisa.
perrinipaolo@hotmail.com
www.perrinipaolo.com

Quali argomenti vorresti approfondire su Medicitalia? Partecipa al sondaggio