Utente
Gentili Dottori,

avrei cortesemente necessità di alcuni chiarimenti :

ho una ernia cervicale C5-C6 diagnosticata attraverso RMN, tuttora sto trattando attraverso Kolibri e tachipirina i sintomi dolorosi, da circa 1 mese.
Ho ancora dolore al raccio sx, non riesco a riposare la notte 5-6 ore al massimo.
Il Neurochirurgo, ovviamente è per l'intervento.Il Neuro anestesista e il Neurologo propensi al trattamento conservativo.
Il neurologo in particolare prescrive i medicinali sopra descritti , 45 minuti di trazione con 1,5 kg e collare per 20 giorni.

Vi sono giorni in cui va molto meglio, ma quando effettuo le trazioni e uso il collare rigido ho un forte riacutizzarsi del dolore braccio-spalla .
E' normale questo ? Qunato tempo dura in generale questo dolore per chi sta seguendo la terapia conservativa ?
Inoltre , perchè c'è questa discordanza di pareri medici, ho 37 anni quali complicanze ci sono che non vengono evidenziate ?
Dai post letti mi sembra che ciò sia molto frequente.

Per esperienza sul trattamento conservativo avuti sui vostri pazienti , è normale che durino così tanto questi dolori ?
E' possibile una regressione dell'ernia ? In quanto tempo ?

Vi aggiungo che già ho fatto cicli OKI) con Muscoril e DICLOREUM nei primi giorni di dolore poi si è passati al i Bentelan nella fase iniziale e vari FANS (Voltaren-OKI).
Ora quelli che sopra ho descritto.

Non so ,mi sto deprimendo anche a causa d questa incertezza sul trattamento che riscontro anche nel Vs. sito.


GRAZIE Dottori per l'impegno poso nella Vs. missione umana.
Saluti.

[#1]  
Prof. Paolo Perrini

Referente scientifico Referente Scientifico
28% attività
0% attualità
12% socialità
PISA (PI)
PISTOIA (PT)
MASSA (MS)
EMPOLI (FI)

Rank MI+ 40
Iscritto dal 2008
Gentile Utente,

in caso di ernia discale cervicale sintomatica (cervicobrachialgia) come nel suo caso, inizialmente è effettuato un trattamento conservativo con terapia medica antinfiammatoria. In caso di persistenza della sintomatologia dolorosa dopo 4 settimane o in caso di esacerbazione della sintomatologia durante il trattamento medico è fortemente indicato il trattamento chirurgico. Il trattamento chirurgico è invece da considerarsi come la prima opzione in presenza di un deficit di forza.
Nel suo caso il trattamento medico non sembra aver dato risultati apprezzabili per cui è indicato l'intervento. Il trattamento chirurgico offre ottimi risultati in termini di risoluzione della sintomatologia dolorosa a scapito di una bassa incidenza di complicanze.

Cordiali saluti,
Dr Paolo Perrini
Neurochirurgia Universitaria,
Ospedale "Santa Chiara", Pisa.
perrinipaolo@hotmail.com

[#2] dopo  
Utente
Vi ringrazio molto per la risposta, nel caso in cui non optassi per l'operazione (e su questa scelta vorrei per gentilezza delle critiche costruttive ) quale sarebbe l'alternativa ? C'è possibiilità di assorbimento dell'ernia ?La mia qualità della vita sarebbe la stessa ? Che rischio avrei e quali sarebbero le condizioni che generebbero una ricaduta?

Con la protesi che inserirebbe il Neurochirurgo avrei qualche limitazione ?Ha una durata oppure la terrò per tutta la vita ?

Grazie,scusate,ma sto avviandomi verso una scelta definitiva.

Grazie ancora per quello che fate....

[#3]  
Prof. Paolo Perrini

Referente scientifico Referente Scientifico
28% attività
0% attualità
12% socialità
PISA (PI)
PISTOIA (PT)
MASSA (MS)
EMPOLI (FI)

Rank MI+ 40
Iscritto dal 2008
Quando la compressione radicolare è determinata solo da materiale discale, è possibile, in alcuni casi, la risoluzione della sintomatologia nel corso di 4-6 settimane. Quando è presente anche una componente osteofitaria, ovvero una compressione da parte di un becco osteofitico questa evenienza non è possibile. Il rischio dell'attesa è legato alla possibilità della comparsa di un deficit neurologico sensitivo e/o motorio all'arto superiore.

Cordiali saluti,

Dr Paolo Perrini
Neurochirurgia Universitaria,
Ospedale "Santa Chiara", Pisa.
perrinipaolo@hotmail.com

[#4] dopo  
Utente
Grazie Dr. Perrini,

effettivamente devo dire che essendo alla sesta settimana , ora va molto meglio sto facendo trazioni per 45 minuti con 2 kg attraverso l'apposita device.
E' rimasto un dolore "sordo" al tricipite, ma non ho asssolutamente parestesie, riesco a sollevare peso di modesta entità con moderata attivazione muscolare per evitare stress.La mobilità del collo è quasi nella normalità.
Gli analgesici li ho spesi. Attendo effettivo test neurologico tra una decina di giorni.

Quale attività sportiva è utile ,se lo è , in questi casi ?

In ULTIMO ,cortesemente ,indicazioni sulla durata di una eventuale protesi e se crea problemi sulla stabilità o limitazioni nell'attività quotidiana.....nel caso di urgenza chirurgica.

Grazie infinite.