Ischemia e protusioni cervicali

Irregolarità spondfilosche delle limitanti somatiche in esame, piu' evidenti nel tratto cervicale.Scomparsa fisiologica lordosi cervicale, nei limiti la cifosi dorsale e la lordosi lombare fisiologica. i disci intersomatici mostrano ridotto segnale in T2 per fenomeni di disidratazione, quelli del tratto cervicale appaiono assottigliati.
A livello dello spazio c3-c4 si osserva una protusione discoartrosica posteriore mediana e paramediana bilaterale, lievemente più estesa a destra, che impronta la banda subaracnoidea anteriore.A livello dello spazio intersomatico c6-c7 si osserva una modesta protusione discale posteriore mediana e paramediana bilaterale, lievemente piu' estesa a sinistra che impronta la banda subaracnoidea anteriore.
A livello dello spazio intersomatico l4-l5 si osserva una piccola ernia discale posteriore mediana e paramediana sinistra cghe impronta lievemente il sacco durale.A livello dello spazio intersomatico L5/S1 si ossrerva una modesta protusione discale posteriore.Non evidenti immagini da riferire a patogia dei restanti livelli: MIdollo regolare per volume e segnale.Cono midollare in sede, regolare per volume e segnale.CAnale vertebrale di ampiezza conservata.
Dopo fisioteraspia ( tecar e manovre osteopatiche nil disturbo non è migliorato e quindi ho eseguito altra RMN sia cervicale che cerebrale con il seguente risultato:
RMN CERVICALE del 23.11.2011.
segni di uncoartrosui somatica e interpofisaria con nirregorità della limitanti vertebrali.Ridotto appare segnale dei dischi intersomatici in esame, per fenomeni disidratativi. Normale ampiezza del canale vertebrale. Protusione discale posteriore mediana e paramediana bilaterale a livello dello spazio intersomatico c3-c4 compressione degli involucri meningei.Bulging Disk a livello dello spazio intersomatico c5-c6 con associata visisoibilità di becco ostefitosico in sede posteriore-laterale sinistra che determina parziale impeggo del forma di coniugazione omolaterale e segbi dfi conflitto sulla rispettiva radice spinale:Protusione disco artrosica posteriore mediana/paramediana bilaterale a livello dello spazio intersomatico c6-c7 con visibilità di becco ostefitosico in sedeextra-foraminale destra
. A volume e morfologia regolare l'immagine midollare nel tratto in esame.
RMN CRANIO
In corrispo9ndenza dell'emisfero destro si rileva la presenza di due aerre di alterato segnale iperintenso in FLAIR, da gliosi e piccolaarea ipointensa centrale come da focolaio malacico. L?altra area e' localizzarta in sede parieto-occipitale omolaterale mostante medesime carattewristiche di segnale con area ipointensa, di dimensioni maggiori. Dtte lesioni non mostrano segni da rtoiferire ad effetto di massa.I reperti segnalati msono suggestivi di prima ipotesi diagnostica di accidenti cerebro-vascolari, uitile spprofondimento.
Per lE Mie patologie crervicvali mi sonoa pèiu' medici i qasli hanno apprtofondfito l'esame della mia RMN cerebrasle encefalo e vasi con RMN encefalo con ...segue....
[#1]
Dr. Giovanni Migliaccio Neurochirurgo 13,7k 398 94
Egr. signore,
mi permetto di suggerirLe di rileggere ogni volta quando scrive una richiesta di consulto e correggere gli eventuali errori di stampa, al fine di farci comprendere meglio le notizie che fornisce.

Detto questo, da quanto si può leggere, la patologia cervicale sembra seria e per poter porre una indicazione terapeutica è necessaria la valutazione diretta sia dei sintomi che delle immagini radiologiche.
A tal proposito mi sento di suggerirLe di evitare manipolazioni e similari.

Per quel che riguarda quanto evidenziato alla RM encefalo, non sembrano quelle alterazioni potersi mettere in relazione con la patologia cervicale.
Esse sono la conseguenza di una verosimile vasculopatia dovuta a vari fattori quali per esempio l'ipertensione o pregressi fatti ischemici clinicamente muti, ma anche per questa patologia è necessaria la valutazione clinica diretta.

Disponibile per eventuali ulteriori chiarimenti,La saluto con cordialità
[#2]
dopo
Attivo dal 2012 al 2012
Ex utente
proprio per aver fatto manipolaxioni cervicali credo che abbia provocato il fattore ischemico. Per quanto attiene alla mia cervicale incomincio ad avvertire anche acufeni alll'orrecchio sinistro forse da tensione nervosa o da cervicalgia? o dalle mia proutsione c3-c4 e nevralgie ai denti
GRazie
[#3]
dopo
Attivo dal 2012 al 2012
Ex utente
a tal proposito le chiedo escludendo eventuali ipotesi chirurgiche è possibile fare infiltrazioni alle vertebre cervicali C3-C4 quelle che mi dann maggiore fastidio e mi ha portato a devitalizzare un molare inutilmente 7°arcata sup dx
[#4]
Dr. Giovanni Migliaccio Neurochirurgo 13,7k 398 94
E' improbabile, almeno da quanto si può intuire dalla descrizione del referto RM, che le manipolazioni abbiano creato quelle particolari lesioni.
Non posso rispondere alle Sue domande senza valutare il caso obiettivamente.
Le ho già detto che intuisco soltanto (visto che non posso visitarLa) la necessità di un probabile intervento chirurgico che però Lei ritiene di escludere non so su quali basi e cognizioni specifiche.
[#5]
dopo
Attivo dal 2012 al 2012
Ex utente
intervento chirurgico ma su quale vertebre cervicali? c3-C4? al momento porto un collare considerata l'assenza della lordosi cervicale non so se possa essere utile-
[#6]
Dr. Giovanni Migliaccio Neurochirurgo 13,7k 398 94
Non posso saperlo senza una valutazione clinica diretta.
In un rachide cervicale (come in altri suoi distretti) vi possono essere più "zone" apparentemente patologiche, ma eventualmente si operano quelle che procurano i sintomi relativi a quel livello vertebrale.
Tra l'altro Lei non accenna alla Sua sintomatologia,quindi non posso confermare la necessità di intervenire a livello di uno o più spazi, come sembrerebbe.

Cordialmente
[#7]
dopo
Attivo dal 2012 al 2012
Ex utente
non posso estendere la testa verso sinistra perchè avverto come una tensione nervo infiammato sulla c3-c4 inoltre soffro di disturbi d'ansia e panico proprio per tali motivi.
Che correlazioni ci sono tra ansia e disturbi cervicali? inoltre avverto parestesie al trigemino sx e disisisquilibrio nel camminare o volgermi di scatto e nevralgie nucali.
[#8]
dopo
Attivo dal 2012 al 2012
Ex utente
inoltre le segnalo che sto assumendo bentelan da 1 gr mi comporta una serie di disturbi, artralgie, agitazione psichica e insonnia. potrebbe essere tale farmaco a creare i problemi già esistenti?
La dose da 0,25di xanax mg non fa effetto,ho telefonato al mio psichiatara mi comunica che potrebbe essere l'effetto del farmaco. e di passare alla dose o,50 mg
Poichè sono un soggetto ansioso come potro' essere operato?per un intervento così delicato.
INoltre le segnalo che tutti i farmaci che oltrepassano la barriera emato encefalica mi provocano tali disturbi unitamente al rocefin.
[#9]
Dr. Giovanni Migliaccio Neurochirurgo 13,7k 398 94
Non posso che confermare quanto detto in precedenza.
[#10]
dopo
Attivo dal 2012 al 2012
Ex utente
QUINIDI DOTTORE DOVREI ESSRE RIFATTO DI NUOVO:
PROSTATA O STENOSI DELL'URETERE, ERNIA JATALE DA SCIVOLAMENTO CERVICALI , EMORROIDI O FISTOLA ANALE...NON C'E DA STARE ALLEGRI.
GRAZIE PER I CONSIGLI
[#11]
Dr. Giovanni Migliaccio Neurochirurgo 13,7k 398 94
L'ernia iatale non dipende da <scivolamenti cervicali>
[#12]
dopo
Attivo dal 2012 al 2012
Ex utente
vorrei anche sentire il parere di altri, non mi sembra che la soluzione chirurgica faccia al mio caso mi dicono che esistono terapie alternative laser ?
[#13]
Dr. Giovanni Migliaccio Neurochirurgo 13,7k 398 94
A quanto pare Lei è sicuro della diagnosi che si è fatta da solo. Perchè allora chiede un parere ai medici?
[#14]
dopo
Attivo dal 2012 al 2012
Ex utente
è solo ansia cronica che peggiora la patologia
[#15]
Dr. Giovanni Migliaccio Neurochirurgo 13,7k 398 94
mi sembra giusto! contento Lei.....
[#16]
dopo
Attivo dal 2012 al 2012
Ex utente
Egr Dott. in una recente visita ortopedica fatta da un celebre professore universitario mi faceva notare che muovo bene la testa e di evitare di fare movimenti che mettono in esercizio le protusioni cervicalic3-c4 e che gli interventi chirurgici hanno piu' creato piu'danni che benefici, per cui le chiedo ancora una volta se esistono terapie che possano agevolare il disturbo simile: laser, tecar ecc. e mi indicava di approfondire la mia RMN cerebrale inidirizzandomi da un suo collega neurologo che mi sottoponeva a RMN dell'encefalo con contrasto prescrivendomi un anti aggregante per prevenrie eventuali CTUS o TIA.
Comunque le posso assicuare che i mei disturbi sono accentuati da mio sistema nervoso(ansia cronica.......anche se la RMN cervicale ha messo in evidenza protusioni multiple con osteofiti.
In particolare il maggior disturbo me lo crea la prtuotusione c3-c4. con parestesie nucali e trigemino dx.
Se avro' bisogno di lei la interpellero' in futuro sentito il parere di altro istituto di neurochirurgia Neu......ed
. Grazie e con stima la saluto.
[#17]
Dr. Giovanni Migliaccio Neurochirurgo 13,7k 398 94
Se è vero che il professore universitario ha detto <che gli interventi chirurgici hanno creato piu'danni che benefici> vuol dire che o non ha mai operato oppure si riferiva agli interventi fatti da lui.

Per protrusione si intende la fuoriuscita parziale di un disco intervertebrale che quindi va a comprimere le strutture nervose presenti nel canale vertebrale.
Anche gli osteofiti (esuberanze ossee di una vertebra) hanno un effetto meccanico-compressivo sulle strutture nervose.

Se queste compressioni creano danni funzionali, la terapia è quella di rimuoverli chirurgicamente.

E' chiaro che se una persona è ansiosa o depressa, i sintomi dati da una qualsiasi patologia possono essere amplificati, ma non per questo essi guarirebbero se diminuisse l'ansia.

Consulti ovviamente chi crede, troverà certamente chi Le dirà quel che vuol sentirsi dire.
Io,mi dispiace, parlo con chiarezza spiegando rischi e benefici di una terapia, ma non assecondo mai il paziente se ciò può arrecargli danno.

Auguri
[#18]
dopo
Attivo dal 2012 al 2012
Ex utente
ok grazie dott.Migliaccio
dove opera?
in quale struttura?
pubblica o privata?
dove fa visita?
[#19]
Dr. Giovanni Migliaccio Neurochirurgo 13,7k 398 94
Queste informazioni le trova cliccando sul mio nome
[#20]
dopo
Attivo dal 2012 al 2012
Ex utente
OK le riassumo il tutto
la mia patologia cervicale è dovuta ad una vita di posture errate
infatti molti anni di macchina e una seduta a livello del pavimento pelvico (perineo) mi hannocausato le patolgie sopra descritta infatti oltre agli osteofiti ho anche a livello lombare una lieve ernia L4-L5 mediana e paramediana sinistra che impronta il sacco durale e a livello dello spazio intersomatico l5/S1si osserva una modesta protusione discale mediana che impronta il sacco durale.
Da dove pensa iniziare dalla cervicale o dalla lombare.?
[#21]
dopo
Attivo dal 2012 al 2012
Ex utente
non comprendo come non possano esistere alternative all chirurgia per giunta in un soggetto che ha già avuto una fatto ischemico.
[#22]
dopo
Attivo dal 2012 al 2012
Ex utente
OZONOTERAPIA in e3 C4 cosa ne pensa?
Grazie
[#23]
dopo
Attivo dal 2012 al 2012
Ex utente
??
[#24]
dopo
Attivo dal 2012 al 2012
Ex utente
Queste sindromi possono esordire in seguito ad un trauma con colpo di frusta. Per essere sicuri della diagnosi, prima di effettuare il trattamento con radiofrequenza si pratica un vero e proprio test con una piccola quantità di anestetico che deve essere in grado di togliere nell’immediato almeno il 50% del dolore del paziente.

La cervicalgia spesso è accompagnata da fenomeni accessori come le vertigini. Il territorio di distribuzione del dolore che deriva dalle faccette articolari cervicali è visibile nella figura.



Le faccette possono essere visualizzate da una radiografia, da una TAC o da una risonanza magnetica cervicale.



TRATTAMENTO
Il primo approccio a un dolore cervicale legato alle faccette è quello di prendere dei farmaci e praticare una riabilitazione fisioterapica accompagnata da eventuali terapie fisiche.

Se questa strategia conservativa non funzionasse allora è possibile praticare una radiofrequenza sulla branca mediale della faccetta stessa.



RADIOFREQUENZA DELLE FACCETTE CERVICALI
E’ un intervento che consiste nel trattare con una radiofrequenza ossia del calore un piccolo nervetto che controlla solo l’articolazione. Questa infiltrazione/intervento è facile e poco rischioso infatti tale nervo, chiamato branca mediale, è a solo 1-2 cm di profondità, in una zona relativamente lontana da strutture nervose e vascolari importanti.

Per poter raggiungere facilmente e con certezza assoluta quel punto si usano i raggi X.

Dopo aver posizionato il paziente sul fianco, si pratica la prima radiografia. Dopo l’anestesia della pelle, si entra con l’ago collegato al macchinario che produce la radiofrequenza. Si fanno quindi alcuni controlli radiografici muovendo l’ago molto lentamente per raggiungere la branca mediale.

Dopo aver messo l’ago nel punto giusto (manovra che impiega pochi minuti) si pratica una stimolazione sensitiva e motoria per essere ancora più certi della posizione già controllata radiograficamente. Infine si applica la radiofrequenza per circa un minuto per ognuno dei livelli trattati (di solito si trattano 3 livelli).

Per evitare le infezioni bisogna praticare l’intervento in sala operatoria. L’intervento con radiofrequenza puo’ durare più di un anno e deve essere comunque seguita da ulteriore fisioterapia, che verrà facilitata dalla riduzione del dolore.

Questo tipo di intervento non esclude altre possibilità terapeutiche mediche o chirurgiche.

COME VEDE LE SOLUZIONI CI SONO.
GRAZIE
[#25]
Dr. Giovanni Migliaccio Neurochirurgo 13,7k 398 94
Caro signore,
io Le ho già espresso abbondantemente e in modo molto chiaro quale è il mio punto di vista.
Non ho certo bisogno delle Sue fantasiose convinzioni dettate dall'assoluta incompetenza in materia.
Lei è liberissimo di farsi curare da chi ritiene più opportuno, anche da Vanna Marchi o dal mago Thelma, ma non si permetta più di presumere di darmi indicazioni su terapie che Lei non sa nemmeno cosa siano e a cosa servono.
La pregherei quindi di non insistere oltre.
Grazie!
[#26]
dopo
Attivo dal 2012 al 2012
Ex utente
non sta a me darle certamente delle indicazioni era solo per puntualizzare quello che altri suoi colleghi scrivono in rete:
Oltre a Vanna Narchi e al Mago Thelma esiste anxhe il sito di Maurizio Corona.. che con un byte pensa di risolvere il problema delle cervicali :
Le faccio notare che sono solo per il momento le veretebre cervicali C3-C4 mi creano fastidio. Comunque mi scusi per la testardagine.
[#27]
Dr. Giovanni Migliaccio Neurochirurgo 13,7k 398 94
Accetto le scuse, ma non si rivolga più a me!
[#28]
dopo
Attivo dal 2012 al 2012
Ex utente
no si rivolga a me? vedo che e' una personapoco empatica ed antipatica
[#29]
dopo
Attivo dal 2012 al 2012
Ex utente
se passa per Salerno si fermi che le voglio stringere la mano
[#30]
Gentile utente

il dr. Migliaccio, referente d'area specialistica inerente la sua patologia, ha risposto più volte alle sue domande che tra l'altro ci sembrano non pertinenti e tantomeno in linea con lo scopo del servizio che offriamo.
A tal proposito, prima di richiedere un nuovo consulto, le consigliamo di leggere attentamente la guida ai consulti (https://www.medicitalia.it/consulti/linee-guida-consulto-online/).
In caso contrario, sarà cancellato il suo account

Distinti saluti
staff@medicitalia.it


[#31]
dopo
Attivo dal 2012 al 2012
Ex utente
Giuramento di Ippocrate

Consapevole dell'importanza e della solennità dell'atto che compio e dell'impegno che assumo, giuro:

di esercitare la medicina in libertà e indipendenza di giudizio e di comportamento;
di perseguire come scopi esclusivi la difesa della vita, la tutela della salute fisica e psichica dell'Uomo e il sollievo della sofferenza, cui ispirerò con responsabilità e costante impegno scientifico, culturale e sociale, ogni mio atto professionale;
di non compiere mai atti idonei a provocare deliberatamente la morte di un paziente;
di attenermi nella mia attività ai principi etici della solidarietà umana, contro i quali, nel rispetto della vita e della persona, non utilizzerò mai le mie conoscenze;
di prestare la mia opera con diligenza, perizia e prudenza secondo scienza e coscienza e osservando le norme deontologiche che regolano l'esercizio della medicina e quelle giuridiche che non risultino in contrasto con gli scopi della mia professione;
di affidare la mia reputazione esclusivamente alla mia capacità professionale e alle mie doti morali;
di evitare, anche al di fuori dell'esercizio professionale, ogni atto e comportamento che possano ledere il prestigio e la dignità della categoria;
di rispettare i colleghi anche in caso di contrasto di opinioni;
di curare tutti i miei pazienti con eguale scrupolo e impegno indipendentemente dai sentimenti che essi mi ispirano e prescindendo da ogni differenza di razza, religione, nazionalità, condizione sociale e ideologia politica;
di prestare assistenza d'urgenza a qualsiasi infermo che ne abbisogni e di mettermi, in caso di pubblica calamità, a disposizione dell'Autorità competente;
di rispettare e facilitare in ogni caso il diritto del malato alla libera scelta del suo medico, tenuto conto che il rapporto tra medico e paziente è fondato sulla fiducia e in ogni caso sul reciproco rispetto;
di astenermi dall' "accanimento" diagnostico e terapeutico;
di osservare il segreto su tutto ciò che mi è confidato, che vedo o che ho veduto, inteso o intuito nell'esercizio della mia professione o in ragione del mio stato.
[#32]
dopo
Attivo dal 2012 al 2012
Ex utente
ok grazie dell'avvertimento
[#33]
Nelle linee guida del sito viene ben espresso il suo scopo, cioè quello di fornire consulti a chi ha problemi di salute, a chi ha bisogno realmente e a chi vuole ascoltare una seconda opinione con tutti i limiti, ovviamente, di un servizio online.

Con più precisione le linea guida, nella sezione 1. recita:

1. ricorda che questo servizio non può sostituire la visita reale presso un medico, che è l'unica metodica consentita per eseguire diagnosi e prescrivere un trattamento
2. lo scopo dei consulti è quello di valorizzare e mai di sostituire la visita medica, di offrire (quando possibile) orientamento alle problematiche, senza azzardare diagnosi o terapie per via telematica
3. non pretendere risposte o soluzioni che non possono giungere attraverso questo servizio, ma fai un uso coscienzioso dei suggerimenti ricevuti e riportali al tuo medico curante
4. sii educato e rispettoso nel dialogo coi medici poiché non hanno nessun obbligo di risposta ma partecipano al forum in modo volontario e gratuito compatibilmente al loro lavoro
5. non utilizzare il servizio per pigrizia nel rivolgerti al tuo medico di base: è sempre lui il primo referente da contattare per i tuoi problemi di salute

Nel suo caso specifico non ci sembra ravvisare tale situazione, domande come le sue sottrarrebbero evidentemente tempo alle richieste di chi, al contrario di lei, ha voglia di ascoltare, e in tal modo favorirebbero altre richieste su curiosità o convinzioni personali.

Il suo account è stato cancellato per trasgressione alle linee guida del sito

Cordiali saluti,
staff@medicitalia.it

Sondaggio su Vaccino anti-Covid (6 mesi dopo) Partecipa