Frattura l2 convalescenza

Salve in data 14 luglio 2012 a seguito di incidente con quoad sono caduta di schiena su una roccia e al pronto soccorso la diagnosi dopo rx e tac è stata quella di frattura instabile e scomposta alla vertebra l2...potendo muovere le gambe, mi è stato detto che necessitavo un intervento per mettere in sicurezza la colonna e che sarei dovuta restare immobile fino all'intervento. Trovandomi in vacanza in egitto, sono tornata in Italia tramite aereoambulanza e giunta in Italia il giorno 18 luglio sono stata operata il giorno 23 tramite stabilizzazione percutanea con l'introduzione di viti nelle vertebre l1 ed l3 e placca di titanio.Il giorno dopo l'intervento mi è stata fatta una tac e pare che sia andato tutto bene...dopo 3 giorni mi hanno messa in piedi con l'ausilio del busto c35 che dovrò portare per almeno 3 mesi e dopo una settimana dall'intervento sono stata dimessa e sono tornata a casa...mi è stato detto di tornare allo scadere dei 3 mesi in cui dovrò portare il busto con una risonanaza lombo dorsale per valutare come proseguire...premetto che ho 28 anni, sono di corporatura molto esile e ho perso chili a seguito della immobilizzazione a letto forzata prima dell'intervento, quindi all'inizio ero molto debole e non riuscivo a portare il busto per più di 10 minuti e in più sono molto ansiosa e ho paura di quello che potrebbe succedermi se compio movimenti sbagliati...in questi 3 mesi mi hanno detto di portare il busto per stare in piedi o seduta e che posso dormire senza in posizione supina o laterale, che posso camminare, ma evitare spostamenti in macchina, sforzi etc...ora essendo io molto spaventata anche dal fatto di avere viti e placche dentro di me, volevo sapere quali sono le cose da evitare assolutamente, anche durante il riposo notturno e se fare un controllo solo dopo 3 mesi non sia un pò rischioso (io inizialmente pensavo che sarei stata controllata dopo il primo mese)...inoltre ho problemi nel fare la doccia, nel dormire perchè ho paura di fare movimenti sbagliati...oggi è il 13 agosto, quindi sono all'inizio dei 3 mesi e non sento quasi più dolore, ma solo una sensazione quando sono supina, come se sentissi le viti o la placca e se mi giro sul fianco sento un pò come se mi tirasse la schiena e ho sempre tanta paura di tutto. Inoltre vorrei sapere se e quando potrò tornare come prima e come dovrebbe proseguire il mio recupero..
La ringrazio anticipatamente per il consulto
[#1]
Dr. Raffaele Scrofani Neurochirurgo 74 4
salve,

i fastidi che Lei descrive (sia di giorni che di notte) possono essere coerenti con il tipo di intervento eseguito (ovviamente dovrei visitarla per esserne certo). Non deve avere paura di compiere movimenti sbagliati; la sua colonna è stata stabilizzata, ed in più porta con un busto C35 in ortostatismo; se ha dei dubbi deve rivolgersi al Suo medico e chiarirli una volta per tutte. Non deve vivere con l ansia perchè non aiuta di certo al processo di guarigione. Per quanto concerne i controlli post chirurgici, personalmente consiglio sempre una radiografia a 30 giorni di distanza con successiva rivalutazione clinica, ma non esiste un protocollo uguale per tutti i centri.

Il mio consiglio è prenotare una visita con il Suo chirurgo e risolvere tutti i suoi dubbi.

Sperando di esserLe stato utile e augurandole una pronta guarigione, distinti saluti.

Dr. Raffaele Scrofani
www.neurochirurgiaitalia.it
raffaele.scrofani@neurochirurgiaitalia.it
WhatsApp: 370 3345607

[#2]
dopo
Utente
Utente
Salve sono passati tre mesi durante i quali ho sempre indossato il busto C 35 tranne che durante il riposo notturno e ho appena ritirato il referto della risonanza dorso lombare che mi era stata prescritta come controllo e desideravo avere qualche chiarimento. Ecco cosa dice il referto.

Esame eseguito con tecnica SE ed FSE secondo piani di scansione assiali e sagittali pesati in T1e T2.
Tratto dorsale:
Non si apprezzano significative protrusioni discali a livello dorsale. Per quanto visualizzabile, non sembrano essere presenti alterazioni dell'intensità di segnale nel contesto del midollo. Nella norma le dimensioni del canale spinale.
Tratto lombare:
Si conferma la presenza degli esiti del pregresso intervento chirurgico con posizionamento di viti e placche transpeduncolari tra L1 e L3. Si apprezza alterazione morfo-strutturale del soma L2, su base post-traumatica, caratterizzata da avvallamento della limitante somatica superiore e irregolarità del muro posteriore che aggetta nel canale vertebrale in assenza di significative compressioni del sacco durale. Si osserva nel suo contesto una sfumata iperintensità in T2 e T2-STIR ed ipointensità in T1 per residui fenomeni edematosi. Modesta protrusione discale concentrica si apprezza a livello L4-L5. Nella norma le dimensioni del canale spinale.
I miei dubbi riguardano anche questa protrusione a livello L4 L5 vertebre che non erano state intaccate durante il trauma a quanto pare e quindi volevo sapere quali potevano essere le cause di questa protusione e sapere in generale l' esito della risonanza, se dovrò indossare ancora il busto ortopedico e per quanto, se fare fisioterapia.
La ringrazio in anticipo per il consulto.

Sondaggio su Vaccino anti-Covid (6 mesi dopo) Partecipa