Discopatia

Salve,
da nove anni soffro di mal di schiena perenne. Da risonanza emerge quanto segue: I metameri vertebrali sono allineati, senza significative alterazioni della morfologia o del segnale.
Il canale spinale è di regolare ampiezza.
Si rilevano, a carico del tratto L4-S1, modificazioni artrosiche con aree degenerative della spongiosa sub-condrale, deformità esofitarie margino- somatiche e fenomeni disidratativi a carico dei dischi che presentano una riduzione del segnale della sequenza T2 dip.
A livello di L4-L5 presenza di ernia discale posteriore mediana che comprime la superficie del sacco durale.
Una piccola protrusione discale posteriore mediana si nota allo spazio L5-S1, senza significativi effetti compressivi sacco-radicolari.
Non si osservano immagini patologiche di tipo protrusivo o francamente estrusivo-erniario agli altri spazi. Il cono midollare è in sede, di volume e segnale regolare.

Ho provato con una terapia di manipolazione miotensiva,una quindicina di sedute, ma la situazione sembrerebbe peggiorata,almeno dal punto di vista del dolore. A seguito di RM ho avuto il seguente referto dal neurochirurgo:
Il paziente lamenta da circa otto anni dolore lombare senza irradiazione agli arti inferiori.
L'esame neurologico evidenzia Lasègue ai gradi estremi, assenza di wassermann, riflessi rotulei ed achillei simmetrici, assenza di deficit della flessione plantare e dorsale dei piedi bilateralmente.
Si è sottoposto a RM lombosacrale che ha mostrato severa discopatia a L4-L5 ed L5-S1.
Allo stato, non vi è indicazione al trattamento chirurgico.
Si consiglia:
fisiochinesiterapia: massoterapia, manipolazioni, mobilizzazione, rieducazione motoria e posturale colonna vertebrale in toto; tre cicli da dieci sedute.
Sblocco articolazioni sacroiliache.
Per favore, avete qualche consiglio da darmi su terapie o, a limite, interventi chirurgici? Non riesco piu ad avere una vita normale, anche nelle aspetti piu semplici della vita quotidiana. Grazie per la possibilità che mi date. Buon lavoro, Moreno.
[#1]
Dr. Giovanni Migliaccio Neurochirurgo 13,7k 398 94
Egr. signor Moreno,
se i Suoi sintomi durano da tempo senza beneficio alcuno dalla terapia medica,se sono state escluse altre cause,quanto si evidenzierebbe alla RM potrebbe essere suscettibile di correzione chirurgica.
Non è possibile però affermarlo con certezza, poichè è necessario vedere le immagini, valutare l'opportunità di procedere con approfondimenti diagnostici e tutto questo va valutato visitandoLa.
L'assenza di segni da compressione/irritazione delle radici nervose per gli arti inferiori non è una condizione assoluta per escludere una indicazione chirurgica.
Disponibile per eventuali ulteriori chiarimenti,La saluto con cordialità
[#2]
dopo
Utente
Utente
Gentilissimo dr. Migliaccio, non so proprio come ringraziarla per la sua celere risposta.
Non vorrei sembrarle troppo invadente nel mandare, al suo indirizzo mail, alcune foto della risonanza magnetica.
Spero potrà dargli uno sguardo ma se non può la ringrazio ugualmente per la sua gentilezza.

Cordiali saluti
[#3]
dopo
Utente
Utente
Gentile Dottor Migliaccio,
grazie per il tempo che mi ha dedicato e per la sua rapidissima risposta.
Solo un'ultima domanda: quando parla di correzione chirurgica a che tipo di intervento si riferisce? E che conseguenze può avere nel tempo?
Le sono davvero riconoscente, grazie infinite.

Quali argomenti vorresti approfondire su Medicitalia? Partecipa al sondaggio