Ernie del disco

salve sono un ragazzo di 28 anni e dal mese di agosto soffro di problemi alla schiena soprattutto nella zona dorsale. Ho effettuato la rm di data 01/09/2012 dall'esito:
- Agli spazi intersomatici d2-d3, d3-d4, e d4-d5: modesta protusione discale a sede posteriore mediana e paramediana bilaterale che riduce gli ostti foraminali improntando le relative radici d'ambo i lati con modesta impronta sullo spazio subaracnoideo anteriore.
- Presenza di ernia discale a sede posteriore mediana e paramediana destra dello spazio intersomatico d5-d6 che comprime marcatamente lo spazio subaracnoideo anteriore.
- Allo spazio intersomatico d6-d7: modica protusione discale a sede posteriore destra che impronta lo spazio subaracnoideo anteriore.
- Ernia discale posteriore mediana si osserva allo spazio intersomatico d7-d8 che comprime marcatamente lo spazio subaracnoideo anteriore.
- Allo spazio intersomatico l5-s1: ernia discale a sede posteriore mediana che impronat le radici s1.
Sono stato visitato il 10 settembre da un fisiatra molto stimato nella mia città il quale mi ha tranquillizzato dicendomi che erano ernie di lieve entità e mi ha consigliato di stare a riposo.
Nel mese di ottobre mi sono recato da un neurochirurgo molto conosciuto in italia e mi ha prescritto l'esame dei potenziali evocati che farò in questi giorni.
La mia condizione attuale è rigidità della schiena, pressione nella parte dorsale e spossatezza nella parte lombare. La mia situazione sta diventando insostenibilie, sono passati circa due mesi ma non vedo miglioramenti significativi tali da poter permettermi di fare sport nè di condurre una vita sessuale soddisfacente.
Da premettere che non ha mai avuti dolori invalidanti e che non ho mai fatto una cura antinfiammatoria continuativa.
Vorrei un vostro consulto a riguardo!
saluti
[#1]
Attivo dal 2012 al 2013
Neurochirurgo
Gent.le Sig. diciamo che utto sommato è raro ricontrare una compromissione generalizzata dael tratto dorsale senza grossolane alterazioni a livello lombare e/o cervicale; la sua sintomatologia è sostanzialmente a carico del tratto menzionato e seppure dalla descrizione sempra che tutto dipenda daquaesto sarebbe utile una preventiva visirta specialistica neurochirurgica che escluda rischi neurologici per una eventuale trattamento di tipo fiosioterapico. Riterrei utile anche una RX dinamica, ma comunque il tutto non puo prescindere da una valutazione neurochirurgica, unica visita che puo stadiare se esistono rischi di creare danni a crico della corda midollare nel tratto dorsale. cordialmente
[#2]
dopo
Utente
Utente
Gentile dottore la ringrazio per la celere risposta.
Come Le dicevo, già sono stato sottoposto a visita neuro-chirugica il quale ha escluso questo problema, tuttavia per frugare ogni ragionevole dubbio, mi ha prescritto i potenziali evocati somatosensoriali e motori per accertare che non ci siano anomalie del sistema nervoso. Mi ha inoltre consigliato riposo assoluto per almeno due mesi. Fatto sta che non vedo miglioramenti nella schiena. Sarebbe il caso di iniziare una terapia con antinfiammatori in maniera continuativa oppure no??
Vorrei inoltre sapere quali sono i tempi di recupero per la mia sintomatologia.
Cordiali saluti.

[#3]
Attivo dal 2012 al 2013
Neurochirurgo
Per potere dare una risposta ai tempi di recupero bisognerebbe inanzittutto fare una ipotesi.....con i limiti di un consulto online mi sembra che la posturale sia un'opzione verosimile

Sondaggio su Vaccino anti-Covid (6 mesi dopo) Partecipa