Alterazione involutive dei dischi intersomatici

Buongiorno, a seguito di uno sforzo fisico, ho accusato un forte mal di schiena bloccandomi per molti giorni e non riuscivo a risolvere con antinfiammatori ecc.
I sintomi erano di un dolore pungente nella parte bassa laterale sx della schiena che interessa la gamba sx con rari formicolii.
Il mio dottore mi ha prescritto una Ris. Magn. Rachide lombo-sacrale con seguente esito:
SPONDILOARTROSI CON OSTEOFITOSI MARGINALE, RETTILINEIZZAZIONE DELLA LORDOSI, LOMBALGIE PERSISTENTI CON LIMITAZIONE FUNZIONALE.
MODICA RIDUZIONE DEI DIAMETRI DEL CANALE SPINALE NEL TRATTO MEDIO DISTALE PER BREVITA' CONGENITA DEI PEDUNCOLI.

ALTERAZIONI INVOLUTIVE DEI DISCHI INTERSOMATICI ESAMINATI.

IN L1-L2 PROTRUSIONE DISCALE FISSURATA PIU' AMPIA IN SEDE MEDIANA PREFORAMINALE DX CON IMPRONTA SUL SACCO DURALE.

IN L2-L3 BULGING DISCALE CON ERNIA CHE OCCUPA IL RECESSO INFERIORE DEL FORAME DI SINISTRA.

IN L3-L4 ERNIA FORAMINALE SX ESTESA IN SENSO POSTERO LATERALE CON VEROSIMILE CONFLITTO RADICOLARE. COESISTE RIDUZIONE DI AMPIEZZA SU BASE ARTROSICA DEI FORAMI DI CONGIUNZIONE.

IN L4-L5 ANALOGA RIDUZIONE DI AMPIEZZA DEI FORAMI SU BASE ARTROSICA, CON BULGING DISCALE DIFFUSO CON IMPEGNO IN ENTRAMBI I RECESSI LATERALI E MATERIALI DI INTENSITA' DI SEGNALE SIMIL DISCALE ROTONDEGGIANTE DI CIRCA 10MM DI MAGGIOR DIAMETRO, IN SEDE POSTERO LATERALE SINISTRA COMPATIBILE IN PRIMA IPOTESI CON FRAMMENTO DISCALE ESPULSO. UTILE CONTROLLO EVOLUTIVO IN BASE ALLA SINTOMATOLOGIA CLINICA.

IN L5-S1 BULGING DISCALE DIFFUSO PIU' AMPIO E CON SEGNI DI FISSURAZIONE NEL RECESSO LATERALE DI SINISTRA.

Alla luce di ciò, chiedo gentilmente un vostro parere specialistico spiegandomi possibilmente in sintesi cosa significa e come posso curare al meglio la mia schiena dandomi qualche consiglio su cosa fare e procedere ed a chi rivolgermi.

Vi ringrazio anticipatamente e buona giornata.
[#1]
Attivo dal 2012 al 2013
Neurochirurgo
Gent.le Sig.re
nonostante la sua età, effettivamente le condizioni del rachide lombosacrale sono marcatamente sofferenti; questo può essere dovuto in parte all'attuale sovrappeso, ma probabilmente lavori ususranti o comunque sollevamento di pesi eventualmente effettuati in passato hanno lasciato il segno. Allo stato attuale sono in particolar modo due i dischi assai sofferenti: il primo giustificherebbe un dolore sul versante anteriore della coscia dx l'altro quello posteriore dell'arto controlaterale. Per ogni decisione terapeutica è necessario, sempre ed ancor più in questo caso, il consulto con uno specialista. cordialmente
[#2]
dopo
Utente
Utente
Grazie mille Dottore è stato molto celere e chiaro, sicuramente chiederò un consulto con uno specialista e ne approfitto per chiederle se a suo giudizio un caso come il mio, si può risolvere anche con una cura/terapia o probabilmente bisognerà intervenire chirurgicamente?

Grazie ancora e la saluto cordialmente
[#3]
Attivo dal 2012 al 2013
Neurochirurgo
é proprio questo il quesito che lo specialista dovrà risolvere; un'idea me la sono fatta, ma senza averla visitato e non avendo visionato l'esame (spesso purtroppo tra referto e realtà delle cose c'è differenza) sarebbe scorretto darle un parere. cordialmente

Sondaggio su Vaccino anti-Covid (6 mesi dopo) Partecipa