Ernie discali e anestesie

Salve,
Tra pochi giorni dovro sottopormi ad un intervento per l'asportazione di due ernie discali a livello L4-L5 e L5-S1, ieri ho fatto tutti gli esami per l'anestesia. Sono una persona ansiosa e mi è capitato a volte di avere delle palpitazioni, ed ho una paura tremenda di sottopormi ad un'anestesia generale, per questo quando l'anestesista mi ha proposto la generale durante l'appuntamento sono rimasto esterrefatto. Quando io gli ho parlato delle mie paure chiedendo se si poteva fare l' epidurale mi ha risposto indicandomi il rischio in caso io mi muovessi (non sono un esperto ma mi chiedo come uno possa muoversi se anestetizzato comunque) ed in ogni caso mi disse che ne avrebbe parlato col chirurgo. Dopo mi richiama e mi spiega che anche chirurgo dall'altra parte propone solo l'anestesia generale perchè possa vedere i nervi attivi mentre opera.
A questo punto, visto che non riesco a sopportare il dolore sono costretto ad accettare, firmare il fascicoletto dei rischi anestesiologici con l'anestesia generale , con un magone allo stomaco delle mie paure.
Veramente le osservasioni dell'anestesista e del chirurgo sono valide quale unica alternativa è l'anestesia generale? Quale è il senso delle anestesie spinali quando comunque al paziente come me viene offerta solo quella generale? Ci sono strutture ospedaliere in cui l'ernia discale viene operata in anestesia non toale?
Vi ringrazio per le vostre cortesi risposte.
[#1]
Attivo dal 2012 al 2013
Neurochirurgo
Gent.le Sig.re
l'intervento chirurgico di discectomia lombosacrale è oramai routinariamente effettuato in anestesia spinale con una modica sedazione endovenosa se il paziente, come nel suo caso, è particolarmente ansioso. Tuttavia è da sottolineare che il tipo di anestesia ottimale dipende anche e soprattutto dalle abitudini del chirurgo..."animale abitudinario" per eccellenza, quindi se il Collega si sente a proprio agio con il paziente in generale, questa è la scelta da seguire. cordialmente

Quali argomenti vorresti approfondire su Medicitalia? Partecipa al sondaggio