Utente
buongiorno gentilissimi Dottori, sono un ragazzo di 30 anni è sto per eseguire un intervento di microdiscectomia per un'ernia L5 S1 (senza spaziatore vertebrale almeno di complicanze intraoperatorie) dopo il fallimento della terapia conservativa ed una sintomtologia dolorosa e invalidante che non regredisce e permane da ormai quasi tre mesi.
il mio dubbio prima di sottopormi a tale procedura è: ma cosa mi aspetta nel post intervento o meglio nella vita quotidiana dopo l'intervento? ammettendo che non ci siano complicazioni, si segua una giusta procedura riabilitativa (di cui mi farebbe piacere avere da Voi delle linee guida) e la sintomatologia regredisca completamente, dopo quanto tempo si può tornare a fare la vita di prima? o meglio, si può tornare a fare tutto cio che si faceva prima? del tipo tornare a lavorare senza problemi, andare in moto, bici da corsa, giocare a calcetto, lunghe passeggiate in spiaggia, piccoli lavori in giardino....tutto queste attività potranno essere ancora svolte o ci si dovrà accontentare di fare una vita da 90enne per circa 50anni?
grazie in anicipo per la Vostra disponibilità

[#1]  
Attivo dal 2012 al 2013
Gent.le Sig.re
non si capisce se l'intervento che dovrà effettuare è per via percutanea o a cielo aperto, ossia in modo tradizionale, ma una volta asportata l'ernia discale se non vi sono altre patologie che la hanno causata, si ritorna alla vita normale. Piuttosto mi sembra che il fattore di rischio più importante anche prognosticamente sia il suo sovrappeso che deve assolutamente essere risolto.cordialmente

[#2] dopo  
Utente
Grazie Dottore per la cortese risposta, mi spiegho meglio, l'intervento sarà eseguito in maniera tradizionale con l'utilizzo del microscopio operatorio ed un taglio di pochi cm, per quanto riguarda il peso ha perfettamente ragione devo porre rimedio al più presto.....sentire da un esperto del settore che si può tornare ad una vita normale rinquora è mi da fiducia, contrasta positivamente con tutti quei luoghi comuni che ci si sente ripetere continuamente da amici e parenti ( SEI PAZZO NON TI OPERARE POI STARAI PEGGIO, IO CONOSCO UNO CHE .........., LASCIA PERDERE MAI OPERARE L'ERNIA POI RIMANI PARALIZZATO, ECC ECC ECC...)
è possibile secondo la sua esperienza ipotizzare un tempo per il ritorno alle attività quotidiane?
Grazie

[#3]  
Attivo dal 2012 al 2013
purtroppo uno dei tanti problemi di questo disgraziato Paese è che tutti possono parlare di qualsiasi cosa. E' molto probabile che in futuro potrà fare una vita assolutamente normale, soprattutto se si curerà la colonna quando qualche inevitabile dolore lombare (come a tutti) comparirà....nuoto ed esercizi di allungamento.cordialmente