Macro adenoma ipofisario

Salve, scrivo un consulto per mio padre,62 enne a cui è stato diagnosticato un macro adenoma ipofisario non secernente delle dimensioni di 2,2 cm.i controlli sono iniziati parecchio tempo fa ma a causa di un abbassamento della vista nell'occhio sinistro,graduale ma imoortante.è da ottobre che fa controlli a livello oculistico e solo una decina di giorni fa è stato indirizzato a un neurologo.adesso è ricoverato per accertamenti neurologici,da qui è emersa la diagnosi.in pratica ha fatto EEG,TAC,RM senza mdc e questa mattina gli avrebbero eseguito quella con mdc per avere un quadro più preciso dell'adenoma.mostra lieve esoftalmo,lieve esoftalmo,lieve difficoltà a guardare verso l'alto ed è stato ricoverato con queste motivazioni in aggiunta a ipovisus occhio sinistro.ci hanno detto che è l'adenoma che molto grande ha dato problemi alla vista consigliandoci per la rimozione chirurgica di spostarci a roma verona o milano. Volevo sapere se possibile qualcosa in più su questo tumore dell'ipofisi che si definosce benigno.Una volta eliminato il problema sarà risolto?Che rischi ci sono per l'operazione?Mio padre due anni fa ha avuto IMA risolto con angioplastica,non è diabetico ne presenta altri problemi,anche le analisi eseguite durante il ricovero sono tutte perfette.Ho sentito parlare dell'istituto Carlo Besta a Milano,qualcuno sa indicarmi come funziona?Appena dimesso vorrei prenotare una visita specialistica,ho visto che ci sono 3 neurochirurgie..non conoscendo nessun medico avete qualche indicazione da darmi?un consiglio su un buon neurochirurgo specializzato in ipofisi?i tempi d'attesa sono lunghi per l'intervento?l'ipovisus importante può essere prioritario?Ringrazio in anticipo chi vorrà rispondermi nella speranza di aiutare mio padre ad affrontare questa situazione nel miglior modo possibile.
[#1]
Dr. Raffaele Scrofani Neurochirurgo 74 4
Salve,

l'adenoma ipofisario è un tumore benigno che spesso si sviluppa nell'adenoipifisi. Non essendo secernente, i disturbi clinici che può dare sono dovuto esclusivamente all'effetto massa. Quindi quando ci si accorge di averlo, il tumore ha raggiunto discrete dimensioni.
Se l'adenoma ipofisario dà dei disturbi clinici , come nel caso di tuo padre, allora è consigliata l'asportazione chirurgica, che dovrebbe essere radicale. Difficilmente l'adenoma ipofisario recidiva.
Per quanto concerne la chirurgia personalmente consiglio l'approccio chirurgico endonasale con l'ausilio dell'endoscopio. Non tutti in Italia l'utilizzano. I centri dove hanno maggior esperienza (almeno quelli che conosco io) sono : Bologna (Dr. Frank), Napoli (Dr. Cappabianca), e Varese.

Spero di esserti stato utile, e in caso di dubbi, chiedi pure.

Cordiali saluti

Dr. Raffaele Scrofani
www.neurochirurgiaitalia.it
raffaele.scrofani@neurochirurgiaitalia.it
WhatsApp: 370 3345607

Sondaggio su Vaccino anti-Covid (6 mesi dopo) Partecipa