Lesione localizzata all' interno del seno sfenoidale sinistro

referto TAC massiccio facciale + TAC cranio senza MDC: presenza di lesione espansiva 24 per 19 millimetri con depositi calcifici nel contesto che occupa il seno sfenoidale sinistra prevalentemente la regione posteo inferiore.tale lesione determina usura interruzione sia del clivus che in minor misura del pavimento sellare; essa inoltre si affaccia a livello della cisterna 3 Pontina introvabile rapporto di continuità con l' arteria basilare il referto necessità di valutazione specialistica e di approfondimento diagnostico RMN.
referto RM ENCEFALO CON MDC: l'esame conferma la presenza della lesione localizzata all'interno del seno sfenoidale e che sembra determinare un assottigliamento della lamina quadrilatera del clivus.
la lesione appare irregolarmente ipontensa nella sequenza T 1 pesata e iperintensa nella sequenza T2 dipendente. al suo interno dopo somministrazione di mdc paramagnetico si apprezza solo una sfumata ed irregolare impregnazione contrastografica. il reperto non è ulteriormente caratterzzabile dal punto di vista RM e merita una valutazione bioptica.
L'otorino che mi ha in cura mi ha indirizzato all'ospedale Niguarda di Milano dove intendono operarmi subito.
Non ho alcun sintomo vorrei sapere se l'intervento è urgente e se posso farlo a Torino. Si sospetta un adenoma ipofisario. Ringrazio anticipatamente per la risposta
[#1]
Dr. Giovanni Migliaccio Neurochirurgo 13,7k 398 94
Gentile signora,
non ho modo di esprimere una ipotesi diagnostica a distanza.
Posso solo intuire, dalla descrizione dle referto, che è una lesione da operare.
Non credo ci sia la necessità di eseguire l'intervento a Milano in quanto Torino vanta anch'essa un'ottimo reparto di Neurochirurgia.

Le faccio i migliori auguri e, se lo ritiene, mi faccia sapere.

Sondaggio su Vaccino anti-Covid (6 mesi dopo) Partecipa