Meningioma

salve
avendo ogni tanto uno strano stordimento diffuso , collegato a delle macchie brillanti che mi comparivano nella orbita oculare (senza poter definire esattamente di quale occhio si trattasse), macchie che partivano da un piccolo puntino centrale frastagliato che poi mano mano si allargava fino a uscire dall'orbita in circa una decina di minuti ma durante i quali la mia vista era un poco difettata perchè vedevo dei lampeggii nell'occhio,
ho fatto una rmn di cui allego il referto:
Sono presenti a l c u n i millimetrici focolai di segnale alterato,
iperintensi nelle sequenze a TR lungo, nella sostanza bianca
sottocorticale di entrambi g l i emisferi cerebrali e nei centri
semiovali, cornpatibili con e s i t i gliotico-vascolari.
Forrnazione nodulare solida di 1 cm, extra-assiale, adesa a1 versante
posteriore dx del seno sagittale superiore, in regione parietale, il
cui aspetto orienta per meningioma.
S t r u t t u r e mediane in asse.
Normale ampiezza del sistema ventricolare.

ringrazio anticipatamente x la vs cordiale risposta e x i vs consigli.
[#1]
Dr. Vincenzo Della Corte Neurochirurgo 5,9k 200 2
Non metterei i Suoi disturbi visivi in rapporto al meningioma segnalato.
Suppongo che Lei sia stato già visto da un Collega Oculista e che Questi abbia escluso ogni alterazione di propria competenza.
Può essere che questi microfocolai gliotici, presumibilmente effetto di disturbi della circolazione , abbiano un qualche ruolo, ma non mi sento molto sicuro nel confermarLe la predetta ipotesi che rimane tale.
Piuttosto, completerei la RMN encefalica anche con gadolinio ed, eventualmente, fare dei controlli seriati a distanza di tempo.
Se ha piacere dia pure notizia dell'esame con contrasto e confermi che l'Oculista non ha riscontrato alcunchè.
Cordialmente

Dr. Della Corte: vincenzodellacortemi@libero.it
Case di Cura: "La Madonnina Milano-02/58395555
"Villa Mafalda" ROMA-06/86094294

[#2]
dopo
Utente
Utente
ringrazio x la risposta.
l'oculista non mi ha riscontrato nulla.
x quanto rigurda la rmn con gadolinio mi riservo di farla tra qualche mese, come prescrittomi da un neurochirurgo , x verificare la eventuale crescita del meningioma.

trattandosi,come sembra, di un meningioma "benigno", quello che mi preoccupa è la eventuale sua crescita con occlusione del seno venoso, che porterebbe all'intervento con tutti i rischi connessi alla sua asportazione.

gradirei un consiglio su cosa fare a livello diagnostico(oltre rmn con mdc), o terapeutico x ridurre la sua crescita, e se c'è una statistica sulla sua evoluzione.

ho letto che anche la vecchia aspirina sembra avere un effetto stabilizzante sul meningioma.......le risulta???

ringrazio con stima
[#3]
Dr. Vincenzo Della Corte Neurochirurgo 5,9k 200 2
No, non mi risulta.

E' importante sapere se è molto vascolarizzato, quindi si impregna molto col gadolinio e può avere una certa tendenza a crescere, o se è un tipico meningioma meningoteliomatoso (magari con calcificazioni interne) che ha scarse tendenze ad ingrandirsi.
Finchè è di queste dimensioni, specie se molto vascolarizzato, si può optare con la gamma-knife che dovrebbe bloccarlo senza che arrivi al seno venoso.
Cordialità
[#4]
dopo
Utente
Utente
salve

il meningioma purtroppo sembra che cresca all'interno del seno venoso, e anche senza contrasto sembra che abbia un contorno ben definito.

saluti
[#5]
Dr. Vincenzo Della Corte Neurochirurgo 5,9k 200 2
Va fatto il contrasto e va documentato (non sembra...) la pervietà ed integrità del seno venoso.
Viste le dimensioni ritengo che, in prima battuta, sia la gamma-knife da utilizzare (facendo gli accertamenti opportuni alacremente e, poi, riflettendo sulda farsi con tutti i dati in mano).
Dia pure ulteriori notizie.
Cordialità

Sondaggio su Vaccino anti-Covid (6 mesi dopo) Partecipa