Gonfiore post rachicentesi

Gentili dottori,

A seguito di una neurite ottica con sospetto di SM, sono stata ricoverata per fare tutti gli esami del caso e tra questi, la rachicentesi.

E' passato quasi un mese da quando l'ho effettuata e devo dire che tutti i sintomi del post rachicentesi (cefalea, acufeni, dolore cervicale) sono quasi del tutto rientrati. L'unica cosa che noto è che ogni tanto avverto un po' di sofferenza (assolutamente tollerabile) nel punto in cui mi è stata fatta la puntura e un leggero gonfiore. Immediatamente dopo la puntura, mi si è formato un ematoma che è sparito già da qualche settimana. Però questo gonfiore c'è.

Dato che è passato quasi un mese dalla puntura, dovrei preoccuparmi per questi sintomi?
[#1]
Dr. Giovanni Migliaccio Neurochirurgo 13,7k 398 94
Gentile signora,

Se Lei dice di non avere alcun sintomo, quel "gonfiore" può essere dato dalla presenza di residui di coaguli ematici, visto che un ematoma si era formato.
Dovrebbe scomparire con il completo riassorbimento di tali residui.
In ogni caso è bene che il Suo medico Le dia un'occhiatina.

Cordialmente
[#2]
dopo
Attivo dal 2015 al 2018
Ex utente
Gentile Dottore,

La ringrazio per il pronto riscontro. Sì, solo stanotte mi sono resa conto di aver avvertito un leggero dolore in quel punto mentre mi giravo nel letto, ma durante il giorno non ho alcun sintomo.

Inoltre, a inizio settimana ho effettuato i PESS, e il dottore ha premuto un po' su quel punto per posizionare gli elettrodi. Ho avvertito solo un po' di dolore, come quando appunto si preme su un ematoma non riassorbito. Ma ripeto, tutto perfettamente tollerabile.

Quindi ritiene che siamo ancora in un arco di tempo "plausibile"?
[#3]
Dr. Giovanni Migliaccio Neurochirurgo 13,7k 398 94
Penso proprio di si, ma se vuol togliersi ogni dubbio può fare una ecografia della zona.
[#4]
dopo
Attivo dal 2015 al 2018
Ex utente
La ringrazio Dottore, è stato gentilissimo.
[#5]
dopo
Attivo dal 2015 al 2018
Ex utente
Gentile Dottor Migliaccio,

Mi scusi se ritorno sull'argomento, ma il fatto che inarcando leggermente la schiena avverta un dolore nella zona della puntura è preoccupante? Può essere dovuto al fatto che l'ematoma, pur non essendo più visibile, si stia ancora riassorbendo? Il gonfiore c'è ancora.

La ringrazio anticipatamente.
[#6]
Dr. Giovanni Migliaccio Neurochirurgo 13,7k 398 94
Io non posso vedere questo "gonfiore" quindi non saprei come interpretarlo.
Se aumenta di dimensioni potrebbe essere liquor. Una ecografia risolverebbe il dubbio.
Buona giornata
[#7]
dopo
Attivo dal 2015 al 2018
Ex utente
Gentile Dottore, la ringrazio per il pronto riscontro.

Ho fatto vedere a mia madre e mi dice che si vede come un leggerissimo alone più scuro, proprio come di un livido che si sta riassorbendo.
E' questo però quello che mi preoccupa...siamo ancora nei tempi o devo sospettare forme gravi come ematomi spinali? A parte questo gonfiore sto benissimo.

Questa ecografia posso effettuarla in qualsiasi centro radiologico o in ospedale dove mi hanno fatto la puntura?

La ringrazio anticipatamente.
[#8]
Dr. Giovanni Migliaccio Neurochirurgo 13,7k 398 94
Se per ematoma spinale intende una raccolta di sangue sul midollo che addirittura affiora in superficie, penso che sia alquanto poco probabile.
L'ecografia può effettuarla dove c'è un ecografo e un medico ecografista.
Cordiali slauti
[#9]
dopo
Attivo dal 2015 al 2018
Ex utente
Grazie mille Dottore.

Nell'ipotesi invece che fosse liquor, quale sarebbe il passo successivo?


[#10]
Dr. Giovanni Migliaccio Neurochirurgo 13,7k 398 94
Operare per chiudere la fistola.
[#11]
dopo
Attivo dal 2015 al 2018
Ex utente
Grazie mille dottore, vedo di fare l'ecografia quanto prima!
[#12]
Dr. Giovanni Migliaccio Neurochirurgo 13,7k 398 94
Ok. Mi faccia poi sapere!
[#13]
dopo
Attivo dal 2015 al 2018
Ex utente
Certamente, grazie mille!

Sondaggio su Vaccino anti-Covid (6 mesi dopo) Partecipa