Ernia al disco e lombosciatalgia persistente

Salve,sono una ragazza di 25 anni,il 14 giugno sono stata operata di ernia all'ombelico in anestesia spinale..l'intervento è andato a buon fine. Dopo circa 20 giorni di convalescenza ho ripreso a lavorare sono un O.s.a. Dopo soli 2 giorni di lavoro accusso un fortissimo mal di schiena.Consulto l'anestesista perché il dolore inizialmente era nel punto di incisone della puntura fatta al 3 tentativo perché il primo punto non riusciva dicendo che c'era "qualcosa che ostruiva"faccio una settimana di cura di cortisone e targin..e sembra passare. Sotto consiglio dellanestesista faccio una RMN Rachide lombare fatta il 21/07/2017che riscontra:Riduzione della fiosiologica lombare in condizioni di scarico funzionale.Segni minimi di spondilosi dei somi vertebrali.Il calibro dello speco vertebrale risulta nei limiti.I dischi intersomatici sono di regolare altezza ed intensità di segnale.In l4-l5 protrusione circonferenziale in lieve appoggio sul sacco durale e che impiega il terzo caudale dei neuroforami.Minima quota di versamento INTERAPOFISARIO BILATERALE. In l5-S1 piccola ernia mediana in lieve appoggio sul sacco durale.Non aree di ALTERATO SEGNALE di epicono e cauda. Dopo la scoperta di quest'altro problema. Circa una settimana che ero rientrata a lavoro rimango bloccata con un dolore che mi travolge la schiena e la gamba destra. Vedo un ortopedico che mi prescrive una cura di 5 fiale di bentelan 4mg+Strialisin 1 la mattina..a seguire dato che avevo ancora dolori uno scatolo di 10 compresse di deflan 30mg 1 al giorno più degli integratori alanervon+nicetile per due mesi. Da premettere che il dolore acuto era quasi sparito.. ma a mio malincuore ritornato con sciatalgia persistente dopo aver finito il deflan circa una settimana fa. Indosso un bustino ortopedico quando sto in piedi da quando faccio questa cura cioè il 07/08. Sono di nuovo in malattia un mese non faccio sforzi.. e mi chiedevo perché dopo tutti questi farmaci dopo aver seguito attentamente i consigli dell'ortopedico io ho dolori a giorni alterni più o meno forti è normale?Sta passando piu di un mese e non vedo risultati convincenti.Il dolore è sempre in agguato alcuni giorni mi costringe a stare a letto con dolori più o meno forti dalla schiena alla gamba destra e sopra il piede,accompagnato con formicolio scosse.. avvolte è silente ma ce..avvolte coinvolge anche se per poco pure la gamba sinistra..Circa 3 giorni fa non convinto della persistenza della lombosciatalgia il mio ortopedico mi fece eseguire un elettromiografia che evidenzia la lombosciatalgia ancora in fase acuta. In L5-S1.Fino a ieri ho rivisto il mio ortopedico e zoppicavo di nuovo come la prima volta che mi ha visitata cioè giorno 7..incredulo..mi ha prescritto in "ultimatum" un antinfiammatorio puro(Exinef 60mg)2 compr per 10 giorni . Dopo di ciò dovrò fare una consulenza con un neurochirurgo che a suo avviso dice che non sarebbe neanche il caso perché a suo parere lernia è molto piccola.. sono nel panico.. non sapendo cosa sia la reale causa della lombosciatalgia persistente nonostante il riposo,il busto e il "bombardamento" di farmaci. Scusate se mi sono dilungata così tanto attendo qualche consiglio sperando che non debba pensare che sia qualcosa di più grave di quello che sembra.. il tutto è nato 20 giorni dopo quelloperazione e a mio avviso dalla puntura. Perché non avevo MAI accusato mal di schiena o sciatalgia prima di operarmi.Tra laltro quando é stata fatta la spinale non sapevo neppure di avere ernia+protrusione..non vorrei è stata "toccata con l'ago" o è stato toccato qualcosa.A questo punto mi preoccupo perché non so quale sia la reale causa di questo continua persistente lombosciatalgia . Cordiali saluti e grazie in anticipo
[#1]
Dr. Giovanni Migliaccio Neurochirurgo 13,7k 398 94
Gentile signora,
quanto ha riportato del referto della RM potrebbe essere responsabile dei Suoi sintomi, poiché anche una piccola ernia ne può essere la causa e non solo ernie voluminose.
Senza un esame clinico diretto e senza visionare le immagini non è possibile esprimere un giudizio diagnostico né terapeutico.
Sarà utile consultare il neurochirurgo che eventualmente potrà indirizzarLa al Fisiatra se non riscontra elementi che possano indicare l'intervento chirurgico.

Cordialmente
[#2]
dopo
Utente
Utente
Egregio Dott. Migliaccio,innanzi tutto la ringrazio per aver risposto in poco tempo. A breve contatterò un neurochirurgo sperando di risolvere al più presto il problema perché è diventato molto stressante non avere la capacità di svolgere nemmeno le normali attività quotidiane da più di un mese ormai. Mi chiedevo come mai non è stata presa in considerazione la fisioterapia o la posturale,so che molte persone hanno tratto beneficio.. Il mio ortopedico me l'ha sconsigliato perché la lombosciatalgia è ancora in fase acuta. Altra cosa che vorrei chiederle esistono casi simili al mio che riportano la stessa simtomologia così persistente nel tempo? E se ci fosse stato qualcosa di più grave l'avrebbero riscontrato in risonanza o dovrei fare altri accertamenti,mi scusi per l'insistenza non avendo mai avuto certi dolori così forti e continui sono molto preoccupata. La ringrazio ancora per la sua disponibilità. Cordialità
[#3]
dopo
Utente
Utente
Gentile Dottor Migliaccio, la ricontatto dopo avere effettuato una visita ieri da un neurochirurgo che guardando le risonanze mi ha affermato che l'ernia che è stata trovata nella risonanza non ha niente a che fare con i miei sintomi persistenti oramai da mesi che sembrano sempre peggiorare..dopo varie visite tra cui ortopedico,neurologo,osteopata,anestesista e i vari continui dolori a livello lombare con positività nella manovra di lasegue..varie analisi del sangue di cui risultano nella norma e varie terapie farmacologiche antinfiammatori Fans e non sono arrivata al punto di farmi fare le infiltrazioni nel sito lombo sacrale perché i dolori mi piegano in due e non mi impediscono di muovermi,ho molta difficoltà a stare in piedi per più di mezz'ora perché compare un dolore lombare e adesso pure dorsale che mi tormenta. Questo chirurgo ha accennato ad una possibile radicolite avvenuta dopo la puntura lombare effettuata il 14 giugno al terzo tentativi di iniezione. Io sono disperata non sembrano trovare una buona soluzione al mio problema siamo giunti alle infiltrazioni talmente il dolore è invalidante. Tutto nacque 20 giorni dopo quella maledetta spinale non l'avessi mai fatta. Sono 4 mesi che cammino .mezza zoppa quando posso camminare e mi dispero dai pianti la paura è grande. Cordialmente attendo consiglio o risposta
[#4]
Dr. Giovanni Migliaccio Neurochirurgo 13,7k 398 94
Non posso dire molto a distanza. La puntura lombare forse ha un ruolo, ma se la radice non è stata danneggiata in modo irreparabile (in questo caso avrebbe anche disturbi dei movimenti agli arti inferiori) l'ipotesi è di ritenere la causa dei sintomi la patologia discale.
[#5]
dopo
Utente
Utente
Salve dottore, io ho disturbi agli arti inferiori tra cui scosse al gluteo destro e addormentamento dapprima alla fascia laterale della gamba che ora ha riacquistato sensibilità da poco..e adesso mi dorme il ginocchio,come le ho appena detto il neurpchirurgo ha valutato che lernia non corrisponde ai miei disturbi. Cmq in risonanza magnetica non ce un danno riscontrabile alle radici che danno questi disturbi l5-S1 ma nelletrromiografia e la sofferenza sciatica ce in queste radici che dicono sono di origine congiunta.
[#6]
Dr. Giovanni Migliaccio Neurochirurgo 13,7k 398 94
I sintomi sono suggestivamente indicativi di una sofferenza delle radici L5 ed S1.
La RM, se non con particolari tecniche che nel Suo caso non sono necessarie, non può documentare un danno (tipo sezione o altro) alle radici.
Mi sembra di capire che l' elettromiografia è positiva per sofferenza di tali radici che sono l'origine del nervo sciatico.

Inoltre una puntura lombare viene effettuata in una sede più alta del livello L5-S1
Se per "origine congiunta" si intende l'anomalia radicolare conosciuta con il termine inglese "conjoint root" e tale è l'origine delle radici L5 ed S1, dica al collega che tale anomalia può essere responsabile dei sintomi, anche senza un ruolo importante dell'ernia giudicata "piccola".
[#7]
dopo
Utente
Utente
Salve dottore si mi è stato detto già dallortopedico che tale "anomalia" può essere frutto della sofferenza ma dico io non ho mai avuto mal di schiena in tutta la mia vita se non dopo aver l'intervento di ernia ombelicale in anestesia spinale. Non le so dire se la puntura è stata fata in sito l5-S1 cmq sia è possibile risolvere chirurgicamente se cio diventa così invalidante nel tempo.?
[#8]
Dr. Giovanni Migliaccio Neurochirurgo 13,7k 398 94
Il fatto che i sintomi siano insorti dopo la puntura lombare può non aver alcun nesso. Se due radici congiunte sono situate nello stesso forame che ne può contenere solo una, è ovvio che tali radici siano sofferenti.
Che poi, visto che tali radici congiunte sono congenite e non ha mai avuto disturbi, non vuol dire nulla, in quanto l'attuale sofferenza può derivare dai normali processi artrosici che restringono il forame.

In tal caso si può intervenire chirurgicamente ampliando il forame ristretto.
[#9]
dopo
Utente
Utente
Gentile dottore ella mia situazione come dovrei agire? Non posso vivere una vita a letto a 25 anni perché se mi muovo ho brutto dolori bestiali che si irradiano pure fino al dorso. o si irradiano con violente scosse al gluteo addormentamento della gamba e delle dita dei piedi. Non penso essere l'unico caso al mondo con questo presunto "problema" insorto così dal nulla senza che mi avvertisse mai prima d'ora lavorando 4 ore al giorno come assistente e facendo palestra 1 ora e mezza 4 volte a settimana senza avere nessun tipo di sintomi. vorrei capire perché è insorto dopo l'operazione. Lei presume non ci sia un nesso con la spinale,beh questo mi tranquillizza un po perché ho paura dei danno che porta dato che ha avuto difficoltà nel compiere l'atto in sito.
[#10]
Dr. Giovanni Migliaccio Neurochirurgo 13,7k 398 94
Cosa vuol dire <ho paura dei danno che porta dato che ha avuto difficoltà nel compiere l'atto in sito.> ?

A distanza le mie sono considerazioni ipotetiche che non possono essere considerate concrete in quanto non scaturiscono da una valutazione clinica diretta.
[#11]
dopo
Utente
Utente
Non volevo intendere niente volevo soltanto evidenziare il fatto che dapprima non avevo avuto mai disturbi a livello neuropatico e alla schiena-gamba, cmq sia ho fatto credo di tutto per sapere cosa mi sta succedendo ma più dottori vedo e più cambiano opinioni. Ho esaurito i tipi di terapia di antinfiammatorio arrivando a fare le infiltrazioni che al terzo giorno sembra molto scarso il beneficio,tutto sta nel movimento meno mi muovo e meno soffro. Sono al punto di avere paura di scendere dal letto. Mi soffrono pure i muscoli della schiena che oramai sembra non essere più parte del mio corpo. Grazie per la sua informazione. Cordiali saluti
[#12]
Dr. Giovanni Migliaccio Neurochirurgo 13,7k 398 94
Lei ha scritto così ; ha avuto difficoltà nel compiere l'atto in sito. Cosa voleva dire?

Lei probabilmente dovrà essere operata, ma ripeto, a distanza non posso confermarlo.
[#13]
dopo
Utente
Utente
L'anestesista quando ha fatto la spinale ha avuto difficoltà nelleseguire la puntura fatta dapprima nella parte più sopra no riuscendo perché diceva che qualcosa "ostruiva"linserimento dell'ago questo nelle prime vertebre (penso)lombari facendomi un po male insistendo con due inserimenti e poi qualche vertebra più giù a primo tentativo fa lanestesia.
[#14]
dopo
Utente
Utente
Quello che mi chiedevo possono due radici congiunte riportare questo mal di schiena invalidante solo nel lato destro della schiena e gamba destra impedendo il movimento avendo delle contratture nella schiena che mi fanno un male enorme, e poi chiedevo perché il malessere è stato in maniera progressiva pur stando 3 mesi a riposo e assumendo farmaci di ogni genere. Questo coincide con la sofferenza radicolare o può anche essere altro? Cmq farò una risonanza al dorso pure con il mdc non so se servirà a molto.

Sondaggio su Vaccino anti-Covid (6 mesi dopo) Partecipa