Utente
Salve dottore chiedo il consulto per mio cugino di 26 anni maschio ,ha effettuato rm encefalo e rachide per dolori diffusi al rachide conquesto referto :
Sistema ventricolare sopra e sottotentoriale in sede e regolare,
Normali gli spazi subaracnoidei pericerebrali,
Appen ampia la cisterna magna,
Ptosi delle cisterne soprasellari nel cavo sellare,
Rm cervicale e dorsale:
Ridotta lordosi accentuazione della cifosi dorsale conservata l’ampiezza del canale
Vertebrale,
Lieve profusione a livello c3-c4 in corrispondenza del foro di coniugazione dx che impronta lo spazio subaracnoideo anteriorr,
Riduzione del canale di ampiezza per fenomeni di disidratativi dei dischi intersomatici d5-d9
D6-d7 profusione disco artrosica para mediana destra che comprime lo spazio subaracnoideo anteriore
D7-d8 ernia discale posteriore mediana che comprime il midollo
D8-d9 ernia discale para mediana sinistra che comprime lo spazio subaracnoideo antrriore
Piccoli noduli di Shmrol alle limitanti somatiche d11-d12
Regolare il volume e segnale del midollo esaminato
Assenza di ernie e protrusioni lombari .
Ha dolori alle gambe con pesantezza e dolori al torace per le ernie e il caso di intervenire ?
Invece all’encefalo cosa significa la ptosi delle cisterne bisogna fare qualche altro esame o valutazione ? Grazie

[#1]  
Dr. Mauro Colangelo

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
FRATTAMAGGIORE (NA)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Utente,
il reperto segnalato alla RM dell'encefalo potrebbe essere consecutivo ad una condizione di "empty sella" ossia relativo all'ipofisi, ma questo implica - nel caso coesista una corrispondente fenomenologia clinica - di dover procedere a valutazioni di carattere endocrinologico. Il quadro evidenziato invece dalla Risonanza della colonna è di stretta competenza del Neurochirurgo. In caso di una sindrome deficitaria (che si può evidenziare solo con l'esame clinico), eventualmente anche suffragata da indagini funzionali (quali EMG e PESS) non vi è altra alternativa che il ricorso alla terapia chirurgica.
Cordialmente
Dott. Mauro Colangelo, Neurochirurgo/Neurologo
maurocolang@gmail.com
www.colangeloneurologo.it