Utente 508XXX
buongiorno
ho subito un intervento a settembre 2018 per stenosi midollare L4, L5
i sintomi non sono migliorati anzi direi leggermente peggiorati e si evidenzia anche una anterolistesi l5, S1, da una nuova rmn effettuata pochi giorni fa, risulta che: DEGENERAZIONI SPONDILOARTROSICHE l3, s1. con degenerazioni dei dischi intersomatici. atteggiamento scoliotico destro convesso con fulcro in L2 e accenno a controcurva del rachide dorso lombare. L3, l4 BULGIN ASIMMETRICO CON FOCALITA IN SEDE POSTEROLATERALE SINISTRA DETERMINANTE IMPRONTA SUL SACCO DURALE ED IMPEGNO DEI CANALI FORAMIDALI IN STRETTA PROSSIMITA CON LA RADICE NERVOSA CON CONFLITTO.
l4, l5 PROTUSIONE DISCALE AD AMPIO RAGGIO IN ASSOCIAZIONE AD IPERTROFIA DEI LEGAMENTI GIALLI, DETERMINA NETTA IMPRONTA SUL SACCO DURALE ED IMPEGNO DEI CANALI FORAMIDALI BILATERALMENTE CON POSSIBILE CONFLITTO.
L5, S1: NETTA DEGENERAZIONE DEL DISCO INTERSOMATICO CHE DETERMINA STENOSI SIGNIFICATIVE DEI CANALI FORAMIDALI BILATERALMENTE, IN PARTICOLARE A DX OVE IL DISCO DETERMINA STENOSI INTRAFORAMIDALE E CONFLITTO CON LA RADICE NERVOSA A TALE LIVELLO.
NON ALTERAZIONI DEL CONTENUTO ENDOSPECALE
CONSERVATO IL TROFISMO DELLA MUSCOLATURA PARAVERTEBRALE.
il quadro pare che non sia modificato dall'intervento se non peggiorato.
ce chi mi propone intervento e chi manipolazione
secondo voi gentili dottori che consiglio mi dareste.

[#1]  
Dr. Giovanni Migliaccio

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
MESSINA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Egr. signore,
dsl referto che Lei trascrive non sembra sia stato effettuato alcun intervento chirurgico.
E' probabile che sia necessario eseguire un adeguato intervento chirurgico, ma a distanza non posso confermarlo.

Disponibile per eventuali ulteriori chiarimenti, invio cordiali saluti
Giovanni Migliaccio, M.D., Neurochirurgo; Consulente medico legale
studio@giovannimigliaccio.it -- www.giovannimigliaccio.it
sede principale: Milano

[#2] dopo  
Utente 508XXX

La ringrazio, in effetti da profano qualche dubbio mi era sorto. Comunque l'intervento da me subito in data 20 settembre 2018 è formino recessectomia l4, L5, ricalibraggio del canale e lisi di aderenze. Mi era stato detto che non si era potuta stabilizzare la colonna per problemi di scoliosi. Ora però vedo che altre vertebre sono interessate da questo problema e in una normale radiografia della colonna in toto, di poche settimane fa, mi è stata constatata anche un'anterolistesi l5, s1 e una frattura non recente muro posteriore d8. Insomma, qualche problemino ce.
Ora, sicuramente la cosa devo chiarirà meglio e capire se dovrò rifare intervento.

[#3] dopo  
Utente 508XXX

Dopo visita, vista la mia età 62 anni mi è stato proposto intervento di stabilizzazione a più livelli, l3, S1, decompressione della stenosi del canale midollare estesa e in caso dovesse presentarsi l'esigenza l'asportazione di L5 e sostituzione con protesi. devo dire che faccio fatica ad accettare questo intervento che non mi pare proprio una banalità dopo un solo anno dal precedente risultato vano e vorrei essere più sicuro se non esistono altre indicazioni circa almeno la conservazione dello stato di fatto con magari un lieve miglioramento.

[#4]  
Dr. Giovanni Migliaccio

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
MESSINA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Se l'intervento è necessario, si dovrà fare, ma io a distanza senza una valutazione clinica diretta, non posso consigliare nulla.
Giovanni Migliaccio, M.D., Neurochirurgo; Consulente medico legale
studio@giovannimigliaccio.it -- www.giovannimigliaccio.it
sede principale: Milano

[#5] dopo  
Utente 508XXX

Ennesima visita e altra diagnosi. Devo dire molto stringata e con, nonostante miei solleciti pochissime informazioni. TLIF L4/L5 e probabile L5/S1. Io capisco che ci siano giornate ostiche ma..... Vabe, potete dirmi qualcosa voi dottori? Grazie.

[#6]  
Dr. Giovanni Migliaccio

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
MESSINA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Io personalmente non so che dirLe a distanza. Sono disponibile però a valutare il Suo caso direttamente.

Una buona Giornata.
Giovanni Migliaccio, M.D., Neurochirurgo; Consulente medico legale
studio@giovannimigliaccio.it -- www.giovannimigliaccio.it
sede principale: Milano

[#7] dopo  
Utente 508XXX

Mi sono espresso male e chiedo scusa. Non volevo la diagnosi a distanza che non credo sia serio chiedere. La mia era solo una richiesta di capire cosa fosse il tlif e quali complicazioni potrebbe comportare visto che a mia domanda al medico la risposta è stata molto evasiva.

[#8]  
Dr. Giovanni Migliaccio

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
MESSINA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Mi sembra strano che il medico (presumo quello che dovrebbe operarLa) non Le abbia spiegato la tecnica chirurgica che intenderebbe adottare.
Comunque:
TLIF è l'acronimo per definire la procedura chirurgica consistente in una fusione intersomatica lombare ovvero applicando un innesto osseo e applicando delle viti interpeduncolari (strutture che "collegano quelle posteriori della colonna vertebrale , ossia le lamine, con quelle anteriori, ossia i corpi vertebrali) e fissando queste con delle barre.
Ora non so dirLe, senza quanto meno visionare la RM e un radiogramma della colonna lombare nelle proiezioni dinamiche, se tale intervento è inevitabile oppure può essere attuato uno meno invasivo.
Il medico che propone una terapia ha l'obbligo di informare il paziente sulla tecnica da adottare, oltre ai rischi e benefici o a terapie alternative, se possibili.

Una buona giornata
Giovanni Migliaccio, M.D., Neurochirurgo; Consulente medico legale
studio@giovannimigliaccio.it -- www.giovannimigliaccio.it
sede principale: Milano

[#9] dopo  
Utente 508XXX

Gentile dott. Migliaccio, le parrà strano ma è proprio così, dopo aver visionato la rmn, il medico, di struttura che lei conosce bene, mi ha detto "essi, qui va fatto un tlif forse a due livelli", mi ha solo parlato di degenza 5/6 giorni e recupero post intervento 3/4 mesi e solo a mie domande, mi ha risposto che era un'intervento di stabilizzazione e null'altro, il tutto si è risolto in meno di 5/6 minuti . Ribadisco, le giornate no le abbiamo tutti lo capisco e comprendo specie in quella professione. Ora lei mi ha chiarito e la ringrazio. Credo, valuterò bene la situazione se farlo o no. La ringrazio comunque per il tempo dedicatomi.