Utente
Ho eseguito una rmn per ripetute lomboscialtagie ricorrenti. Questo è il referto:

A livello L2-L3 si documenta minimo bulging discale. Sempre apprezzabile riduzione dell'intensità del segnale nelle scansioni a TR lungo come da disidratazione del nucleo polposo del disco in L3-L4 che presenta bulging asimmetrico con discreta compressione sul sacco durale e con maggiore focalità paramediana destra. Coesiste a tale livello ipertrofia dei massicci articolari ed ispessimento dei legamenti gialli con conseguente modica riduzione del canale spinale. In L5-S1 protrusione paramediana- intraforaminale destra con obliterazione dei piani adiposi periradicolari.

Cosa posso fare per migliorare la situazione. Grazie mille

[#1]  
Dr. Giovanni Migliaccio

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
12% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
MESSINA (ME)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile signora,

Secondo il referto si è evidenziata una patologia discoartrosica che produce restringimento del canale lombare e ad L5-S1 un'ernia discale in netto conflitto con la radice nel forame corrispondente che può dar ragione dei sintomi che Lei descrive solo genericamente.
Tale situazione può essere risolvibile con trattamento medico o, in caso di insuccesso, con trattamento chirurgico, ma è
solo a seguito di una accurata visita medica che si può indicare una soluzione terapeutica.

Cordialmente
Giovanni Migliaccio, M.D., Neurochirurgo; Consulente medico legale
studio@giovannimigliaccio.it -- www.giovannimigliaccio.it
sede principale: Milano

[#2] dopo  
Utente
La ringrazio per la risposta. Purtroppo nel ultimo anno mi trovo che ciclicamente ogni 20/30 giorni mi blocco la schiena con forti dolori . Tanto da non riuscire nemmeno a camminare. Molte volte solo per essermi alzata da una sedia in modo veloce. Assumo cortisone e antinfiammatori da troppo tempo. Nel ultimo mese inizio a sentire formicolio al piede destro. Grazie infinite

[#3]  
Dr. Giovanni Migliaccio

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
12% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
MESSINA (ME)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2006
Bisogna trovare una soluzione. Assumere cortisone e antinfiammatori per lungo tempo è più rischioso di un intervento. Il formicolio al piede destro è indice di iniziale compressione della radice S1.
Consulti direttamente un neurochirurgo.
Giovanni Migliaccio, M.D., Neurochirurgo; Consulente medico legale
studio@giovannimigliaccio.it -- www.giovannimigliaccio.it
sede principale: Milano