Utente
Buonasera,

Ho subito 11 giorni fa un intervento di microdiscectomia L5-s1, per voluminosa ernia paramediana sx.

Dopo l'intervento da subito sparito il mal di schiena e ridotta fortemente l'irradiazione, che va via a via diminuendo.


Purtroppo 5 giorni dopo l'intervento, durante un movimento involontario di lievissima flessione del busto (davvero lieve!) ho sentito un irrigidimento e fitta alla schiena e una conseguente fitta all'arto sx.

Appena mi sono sdraiato fortunatamente tutto è passato all'istante, tanto che 1 minuto dopo mi sono alzato e tutto era normale.
Nonostante quell'episodio tutto sembrava andare bene, l'irradiazione si è molto ridotta e sono migliorato giornalmente per sei giorni.
Il mio neurochirurgo ha detto che probabilmente non si trattava di una recidiva in quanto l'evento non ha lasciato sintomatologia, e io sono continuato a migliorare riducendo anche fortemente l'irradiazione.


Da ieri invece sento che la zona è più sensibile, non saprei come descriverlo.
Questo senza nessun evento particolare scatenante.
Mi è capitato diverse volte tra ieri e oggi che al momento di alzarmi dal letto sentivo come un inizio di fitta e/o contrattura nella zona sacrale, quindi prima di scatenarla rinunciavo ad alzarmi e mi sdraiavo.
Poi magari dopo poco riprovavo e non succedeva nulla.
A riposo nulla, però sento in certi movimenti anche nel letto che quella zona è pronta ad "accendersi".

E' una cosa che può verificarsi?
come mai?

[#1]  
Prof. Massimo De Bellis

20% attività
8% attualità
8% socialità
NAPOLI (NA)

Rank MI+ 36
Iscritto dal 2001
Gentile utente se lei è stato operato circa 11 gg orsono, avrebbe deve osservare riposo prevalentemente a letto, dopo 10 gg prevalentemente in piedi ma in casa e, quindi, avrebbe iniziato
anche ad uscire senza portare pesi. Avrebbe dovuto portare una fascia elastica per 30gg.
Da ciò che leggo non ha fatto tutto questo!
Da oggi che pare stia meglio osservi quanto le ho consigliato.
Massimo de Bellis
Neurochirurgo

[#2] dopo  
Utente
Ho osservato le indicazioni del chirurgo che erano riposo domiciliare e aumentare progressivamente il cammino, dal secondo giorno. Porto anche il busto semirigido.
Vorrei sapere se è normale avere quei sintomi che descrivo, o se devo preoccuparmi.

[#3]  
Prof. Massimo De Bellis

20% attività
8% attualità
8% socialità
NAPOLI (NA)

Rank MI+ 36
Iscritto dal 2001
Ogni chirurgo la pensa come crede. Ma ci sono regole che per prudenza non vanno modificate come quella di un discreto riposo postchirurgico. I sintomi descritti sono normali e non ha
necessità di fare altro. Comunque dopo il primo periodo di riposo si rivolga a chi l'ha operata.
Massimo de Bellis
Neurochirurgo