Utente
Buongiorno.

Ho 31 anni e sto cercando una gravidanza, il mio percorso di ricerca si è interrotto perché mi sono bloccata con la schiena e dalla risonanza magnetica risulta:

Rispetto esame del 17 si apprezza una modificazione dei reperti.

In particolare si apprezza franca formazione erniaria mediana e paramediana bilaterale con impronta sul sacco durale ed accenno alla migrazione inferiore del disco L3-4.

Evoluta in voluminosa formazione erniaria a sede mediana e paramediana bilaterale espulsa e migrata inferiormente il reperto discale segnalato in L4-5.

Il disco intersomatico L5-S1 presenta inoltre maggiore attuale impronta sul sacco durale a sede mediana con aspetti di fissurazione dell’anulus a configurare formazione erniaria.

Invariati tutti i restanti reperti in particolare la lieve anterolistesi con spondilolisi di L5 su S1.

Nei limiti il cono midollare e le radici della cauda equina.


Ho una visita con il neurochirurgo ad aprile ma ho sentito anche parlare di ozonoterapia.
La mia domanda è: come devo comportarmi?
Posso rimanere incinta in queste condizioni?
Come dovrei affrontare la mia gravidanza?
L’ozonoterapia mi permetterebbe di risolvere il problema e riprendere quanto prima la mia ricerca?
Oppure non è necessario intraprendere questo percorso con ozono e posso continuare L mia ricerca?
Quali prospettive di eventuali problemi avrò durante la gravidanza?

Grazie spero possiate darmi dei consigli medici da seguire, anche se consulterò il neurochirurgo non posso attendere aprile per chiarirmi le idee, avrei bisogno di un consulto sulla strada più consona da scegliere ma il neurochirurgo non risponde alle mie molte mail.
Grazie

[#1]  
Dr. Ettore Sannino

24% attività
8% attualità
12% socialità
CASERTA (CE)

Rank MI+ 44
Iscritto dal 2008
Buonasera. Dal tenore del referto della risonanza magnetica, questo esame è un controllo che viene raffrontato ad un'altra analoga indagine precedentemente eseguita. Il problema dell'ernia discale è strettamente dipendente dalla sintomatologia. Se lei ha fastidi o dolori ad una o entrambe le gambe, o addirittura sintomi neurologici, l'ernia assume una valenza clinica, differentemente è un dato esclusivamente diagnostico strumentale e non deve fare alcunché. Occorre sapere queste notizie prima di poterle dare un consiglio.
Dr. Ettore Sannino

[#2] dopo  
Utente
Grazie dottore della sua risposta, mi spiego meglio. Sono una decina di anni che soffro di mal di schiena, per questo tengo monitorata la situazione tramite risonanze magnetiche.
Pochi giorni prima di Natale mi sono bloccata dopo due anni e mezzo in cui sono stata bene con palestra ed Osteopata, ed ho fatto la risonanza perché il dolore era diverso dal solito ed ero preoccupata; anche in vista della mia ricerca di un figlio.
Ad oggi la muscolatura della zona lombare è libera dal dolore ma ho un forte dolore in qualsiasi posizione io stia alla sacra iliaca destra, arrivando fino al polpaccio. Non ho insensibilità o formicolio alla gamba destra ma solo dolore nel movimento che dura esattamente da un mese.