Utente 413XXX
Salve dottori!innanzitutto volevo cogliere l'occasione per rinnovare i miei piu sentiti auguri di un felice natale e di un altrettanto buono anno nuovo;adesso ho effettuato tutto ciò che c'era da effettuare ma la mia situazione ormai a due mesi e mezzo dall'esordio è la stessa se non peggio; ho effettuato visita neurologica risultata negativa: riflessi osteo-tendinei nella norma, tono nella norma, e forza nella norma; dopodichè nel momento in cui ho ribadito le continue contrazioni che avvertoi in tutto il corpo specialmente alle mani e alle dita in estensione, nei movimenti fini, ma ormai anche a riposo, mi è stato prescritto un emg e delle analisi degli elettroliti nel sangue e nelle urine delle 24 ore e la VES; in aggiunta per mia curiosità ho fatto un emocromo, TSH, FT3, FT4, CPK; risultato? EMG nelle zone testate nella norma, ma al test della spasmofilia alla mano sinistra sono risultato positivo; a quel punto speravo di trovare una disfunzione elettrolitica e invece tutto nella norma a parte un valore leggermente sopra la norma del sodio urinario; tutto il resto delle analisi ematiche nella norma, a parte i soliti valori che indicano il fatto di essere portatore sano di anemia mediterranea e basofili e monociti di molto poco al di sopra della norma; le mie mani sembrano impazzire ormai, alcune volte mi sento debole altre volte un pò meno, adesso aspetto di portare le analisi al mio neurologo ma sinceramente nn so cosa mi aspetterà a questo punto; la cosa che mi lascia perplesso è il fatto di sentire un dolore al mignolo del piede sinistro sbattendo il piede per terra e semplicemente stringendolo con le dita della mano mi fa molto molto male e addirittura tirando verso l'alto le dita di entrambi i piedi e paragonando la forza dei due mignoli noto palesemente come contrapponendomi con la mano al mignolo sinistro verso l'alto sia molto piu semplice riportarlo a posizione normale rispetto al destro; p.s. navigando in svariati forum in particolar modo su quello delle fascicolazioni benigne noto che molti che soffrono dei miei stessi problemi(anche se nessuno sembra avere i miei problemi alle mani) sono positivi alle igg dell'esptein barr come me daltronde; può esserci una correlazione visto che ho riscontrato questo virus a giugno scorso? attendo risposte e vi ringrazio ancora una volta della cortese disponibilità ed attenzione, cordiali saluti e ancora auguri

[#1]  
Dr. Marco Trucco

24% attività
4% attualità
12% socialità
PIETRA LIGURE (SV)
IMPERIA (IM)
ALASSIO (SV)
LOANO (SV)

Rank MI+ 40
Iscritto dal 2007
Se il Suo test EMG per la spasmofilia (pseudo-tetania normocalcemica) è risultato positivo, la diagnosi dei Suoi disturbi è assai verosimile. In tal caso non c'è sempre da aspettarsi una disfunzione elettrolitica, in quanto questa affezione decorre in assenza di alterazioni in particolare del tasso di calcio. Per quanto riguarda la terapia può avvalersi di cicli di Magnesio per os a dosi medio-alte, naturalmente dopo rivalutazione neurologica. Esiste anche una terapia con Calcio gluconato per via endovenosa. Deve essere valutato anche sotto il profilo dello stato d'ansia e del tono dell'umore in quanto tali problemi si accompagnano sopesso a sintomi ansiosi (verosimilmente presenti anche nel Suo caso). La positività al virus EBV è presente anche in taluni casi di "sindrome cronica da affaticamento". Attenda quindi la rivalutazione neurologica che probabilmente sarà conclusiva.
Cordialmente
Dott. Marco Trucco
Specialista in Neurologia e Neurofisiologia Clinica
www.marcotrucco.it

[#2]  
52159

Cancellato nel 2008
Gentile utente,
In considerazione della giovane età e della negatività di tutti gli esami finora eseguiti compresa una valutazione neurologica negativa mi sentirei di consigliare una nuova valutazione neurologica per una sua tranquillità senza andare alla ricerca su vari forum di svariati sintomi. Ritengo che una eccessiva polarizzazione sui sintomi possa essere fonte di stress inutile e generare ansie immotivate.
Cordiali saluti.
Dr. Giuseppe Bonavina

[#3]  
Dr. Marco Trucco

24% attività
4% attualità
12% socialità
PIETRA LIGURE (SV)
IMPERIA (IM)
ALASSIO (SV)
LOANO (SV)

Rank MI+ 40
Iscritto dal 2007
Rispondo al Gentile Collega Bonavina:
l'utente, sicuramente molto ansioso e senz'altro polarizzato sui suoi sintomi, ha però effettuato recentemente il test Elettromiografico per la spasmofilia risultato positivo (9^ riga del messaggio di oggi h. 10.47). Tale positività non è assolutamente in contrasto con la presenza di sintomi ansiosi anche importanti, ma anzi configura una sindrome clinica di "pseudotetania normocalcemica", che come ho scritto va ovviamente confermata da una visita specialistica, ma che credo spieghi abbastanza bene i suoi disturbi e che è spesso se non quasi sempre associata a stato ansioso. L'ipereccitabilità delle cellule nervose e muscolari che la caratterizza è alla base dei sintomi da contrazioni muscolari involontarie così vivamente descritti dal paziente. Il trattamento comprende sali di Magnesio (che il paziente ha già assunto, ma forse a dosi insufficienti e per un breve periodo di tempo) ed eventualmente Ca-Gluconato. Il caso inoltre va inquadrato anche dal punto di vista psichico con colloqui che (evidentemente) non possono essere sostituiti dai messaggi online, valutando l'opportunità di una terapia farmacologica e/o psicoterapia.
Nel caso in esame, leggendo i messaggi precedenti, ho peraltro riscontrato che la positività degli anticorpi EBV è dovuta al fatto che ha contratto la mononucleosi, trattasi pertanto di un problema distinto.
Cordialmente
Dr. Marco Trucco

Dott. Marco Trucco
Specialista in Neurologia e Neurofisiologia Clinica
www.marcotrucco.it

[#4]  
52159

Cancellato nel 2008
Concordo con il collega Dr. Trucco sul quadro di pseudotetania normocalcemica pur considerando utile per il paziente una più approfondita valutazione psicoterapica ed eventualmente una terapia farmacologica appropriata.
Cordiali saluti
Dr. Giuseppe Bonavina

[#5] dopo  
Utente 413XXX

Salve dottori! Innanzitutto volevo ringraziarvi per l'imminente risposta e l'affabile disponibilità; leggendo le vostre accurate risposte mi è sorto un dubbio: come vi ho detto dagli esami ematici è risultato che ho gli elettroliti nella norma, però consigliate una terapia a base di magnesio e calcio: come mai se anche quei due sono nella norma? Ed ancora, mi consigliate una nuova visita neurologica quando l'ultima risale al massimo a 20 giorni fa; cosa può essere cambiato da allora?Ripeto la cosa che più mi preoccupa sono le mani al resto ormai sono abituato( fascicolazioni in tutto il corpo guance braccia piedi gambe, ecc ecc ; praticamente tremano le dita nei movimenti fini in particolar modo, poi sento dei "tic" come delle microscosse sul dorso in corrispondenza delle dita accentUATI IN MOVIMENTI PAERTICOLARI AD ESEMPIO QUANDO PARLO AL CELLULARE( QUINDI LA MANO CHE MANTIENE IL CELL ALL'ORECCHIO) e quindi quando è richiesta un'estensione delle dita; volevo aggiungere che non ho effettuato solo il test della spasmofilia ma anche l'emg alle gambe piedi e braccio sinistro( il destro non so perchè non mi è stato fatto anche se richiesto); le mie angosce sono SM ed SLA, spero di raggiungere la giusta diagnosi nel più breve tempo possibile; grazie e ancora e buona domenica,
cordiali saluti

[#6]  
Dr. Pierpaolo Romani

32% attività
0% attualità
16% socialità
LAVAGNA (GE)

Rank MI+ 48
Iscritto dal 2007
L'unico test attendibile in caso i spasmofilia probabile è il dosaggio del calcio intracellulare (è la regola che in una sindrome da ipereccitabilità neuromuscolare come la sua tutti gli elettroliti siano nella norma. Il dosaggio del calcio intracellulare viene eseguito in pochi laboratori.
Le consiglio di fare anche una visita gastroenterologica perchè basta un lieve malassorbimento per provocare fascicolazioni benigne, il gastroenterologo deciderà se farle solo gli esami di primo livello (test pe morbo celiaco, autoanticorpi, ecc.) o procedere con un esame di secondo livello (coloscopia, ecc.)
Il consiglio che le è stato dato dai miei colleghi di fare una visita di controllo neurologica è giustissimo e non è certo una nota di sfiducia verso il primo neurologo (dalle nostre parti si usa dire che il neurologo più bravo è quello che vede il paziente per ultimo, cioè quando la patologia si è resa più chiara).
Lei però sull'elettromiografia è stato molto vago. Io sono un Neurologo elettromiografista e faccio con la mia macchina 35 esami diversi. Scriva che cosa è stato fatto (es. elettroneurografia sensitiva, elettromiografia con ago e di quali muscoli) e ricopi esattamente le parole del refero e sarà più facile capire se c'è altro da indagare.
Dott. Pierpaolo Romani - Dirigente Neurologia, Ospedale di Lavagna.
Dott. Pierpaolo Romani Dirigente Neurologia Ospedale di Lavagna

[#7] dopo  
Utente 413XXX

Salve dotto Romani; grazie innanzitutto per la sua collaborazione e disponibilità; adesso le scrivo ciò che è riportato sul referto:" I reperti dell'esame ENG non mostrano dati patologici per i nervi esplorati. L'esame EMG (a riposo ed in corso di contrazione attiva) risulta nella norma per i muscoli esaminati. In corrispondenza del m. ABP di sinistra, dopo ischemia ed in corso di iperpnea, si rileva la presenza di attività elettrica spontanea compatibile con il sospetto clinico di spasmofilia". Questo è quanto anche se il dottore ha omesso di riportare le specifiche zone in cui ha effettuato l'emg, che io ricordo: piede sinistro , destro crociato sinistro e destro e avambraccio sinistro, pollice sinistro e mignolo e anulare sinistro; avevo richiesto anche la velocità di conduzione nervosa ma non leggo dei riferimenti ad essa: è stata inclusa nell'EMG? Volevo giusto aggiungere che ieri sera con gli amici ho combinato un disastro a causa di un bicchiere d'acqua cadutomi dalla mano destra; inizio a preoccuparmi tanto più che avverto questo debolezza generalizzata agli arti e alle mani che misteriosamente alle volte è più accentuata e alle volte in minore intensità ma ciò che persite e che soprattutto due mesi fa nn era così evidente sono questi tremolii e "scossette" alle dita delle mani; p.s. nessuno, probabilmente perchè non ritenuto importante per la diagnosi, ha tenuto in considerazione il fatto dei mignoli dei piedi? (ultimi dieci righi del primo messaggio); vi ringrazio infinitamente per il vostro lavoro,
cordiali saluti

[#8] dopo  
Utente 413XXX

Salve dotttor Romani spero di ricevere al più presto una sua risposta! ieri sono riandato dal mio neurologo per presentargli i risultati delle mie analisi e vedendole ha detto "come sospettavo: spasmofilia"; al che mi ha detto di prendere del magnesio per 3-4 settimane e nel caso in cui la sintomatologia persisteva di ritornare per un'altra visita: risultato???? anora più perplesso di prima.Perchè dovrei ritornare se lui è certo della mia diagnoi di spasmofilia? perchè nessuno da ascolto a ciò che mi sento alle mani e braccia? e perchè soprattutto dovrei prendere del magnesio quando in realtà negli elettroliti è perfetto? e soprattutto lei mi parlò del calcio intracellulare per accertare quella diagnosi, il mio neurologo non me lo ha enache nominato. Attendo al più presto una sua cordiale risposta e all'occorrenza, se vuole, potrei inviarle la mia elettromiografia completa; ancora grazie a tutti voi per l'affabile disponibilità ed attenzione,
cordiali saluti

[#9]  
Dr. Pierpaolo Romani

32% attività
0% attualità
16% socialità
LAVAGNA (GE)

Rank MI+ 48
Iscritto dal 2007
Non è sbagliato quello che le è stato consigliato dal mio collega neurologo.
Lei non deve prendere il magnesio perchè ne ha meno nel sangue ma perchè il magnesio blocca la placca neuromuscolare e le riduce i crampi e le fascicolazioni.
Resta da chiarire la causa dei crampi e della tensione muscolare, che a quanto ho capito si accompagnano ad una dismetria (una cattiva coordinazione e finezza dei movimenti) tale da farle compiere errori nei movimenti fini.
Lei è stato da un gastroenterologo come le avevo consigliato?
Io posso darle qualche indicazione (la migliore è sicuramente quella di fare visite neurologiche periodiche,tipo 1 ogni 2 mesi), ma il limite delle consulenze on-line è che manca la materia prima fondamentale e cioè la presenza del paziente. Si stupirebbe se potesse sapere quante informazioni il neurologo può trarre dalla visita e dal colloquio con il malato.
Comunque se vuole mandarmi gli esami o le analisi resto a disposizione...prenda il magnesio!
Dott. Pierpaolo Romani - Dirigente Neurologia - Ospoedale di Lavagna.
Dott. Pierpaolo Romani Dirigente Neurologia Ospedale di Lavagna

[#10] dopo  
Utente 413XXX

Salve dottor Romani!ancora una volta devo ringrazialra per la celere risposta; volevo dirle e sottolineare ancora una volta che proprio i CRAMPI sono i sintomi che mi preoccupano meno in quanto sono davvero sporadici e localizzati SOLO sotto la pianta del piede sinistro e la maggior parte delle volte sono conseguenti a specifici movimenti tanto che sono in grado di prevedere poco prima se mi sta per venire o meno;volevo ancora sottolineare che non ho problemi di coordinazione nei movimenti fini ma come già detto prima nel momento in cui li compio avverto delle scossete sul dorso delle dita ed in piu dei piccoli movimenti delle dista stessa; quello che più mi preme mettere in evidenza è che la sintomatologia localizzata alle dita non compare solo uando compio quel tipo di movimento "fine2 ma anche , come già detto in precedenza, quando ho la testa appoggiata alla mano, oppure parlando al cellulare oppure tenendo le dita in estensione e alle volte anche con le mani rilassate, cosa che all'inizio di tutto non era così marcato ed evidente; ed inoltre le fascicolazione al collo, sulle tempie e sul viso, sono spiegabile con la spasmofilia? o essa attacca solo gli arti? Infine per quanto riguarda l'invio dei risultati della mia EMG può darmi un indirizzo di posta elettronica cosicchè possa inviarle i file scannerizzati? La ringrazio ancora una volta per la sua preziosa collaborazione,
cordiali saluti

[#11]  
Dr. Pierpaolo Romani

32% attività
0% attualità
16% socialità
LAVAGNA (GE)

Rank MI+ 48
Iscritto dal 2007
Il mio indirizzo di posta è:
promani@asl4.liguria.it
Il fatto che lei avverta movimenti fini anche sul collo e sul volto orienta molto su un disturbo d'ansia, che si associa (spesso ne è la causa)alla spasmofilia. Si ricordi che nessun paziente si può gestire da solo o usando come mezzo la posta elettronica. Lei deve trovare un medico di riferimento (di cui si fida) e come le ho già detto farsi seguire (è probabile anche con il supporto di una terapia ansiolitica)
Dott. Pierpaolo Romani
Dott. Pierpaolo Romani Dirigente Neurologia Ospedale di Lavagna

[#12] dopo  
Utente 413XXX

Salve dottor Romani! ha ricevuto la mia email con emg in allegato? attendo cordialmente un suo prezioso parere sulla stessa; la ringrazio ancora anticipatamente,

cordiali saluti

[#13]  
Dr. Pierpaolo Romani

32% attività
0% attualità
16% socialità
LAVAGNA (GE)

Rank MI+ 48
Iscritto dal 2007
L'elettromiografia che lei mi ha spedito mi sembra ben eseguita ed effettivamente i risultati dimostrano un'assoluta normalita (ottime conduzioni nervose, muscolatura ben rappresentata, buona ampiezza delle risposte).
Le ribadisco quanto le ho già detto: identifichi un medico di fiducia e si faccia seguire nel tempo, eseguendo anche alcuni esami di approfondimento che le ho suggerito. Parli con il medico riguardo alla terapia ansiolitica.
Dott. Pierpaolo Romani
Dott. Pierpaolo Romani Dirigente Neurologia Ospedale di Lavagna

[#14] dopo  
Utente 413XXX

Salve dottore!non so davvero come ringraziarla per il suo contributo e la sua disponibilità!!!volevo chiederla se da quella elettromiografia è possibile rendersi conto se esiste qualcosa di demielinizzante in corso; senza mezzi termini e senza girarci incontro ho paura della SLA e della SM( visto che alcune volte mi capita quando sono in giro per strada di avere degli sbandamenti di testa come dei giramente che mi danno un senso di disorientamento); adesso sto assumendo il magnesio e potassio però ad essere sincero non noto miglioramenti; per essere sicuri della diagnosi di spasmofilia è necessario il calcio intracellulare? perchè il mio neurologo ha detto di no; cioè da quella emg è sicuro che quelle scosse elettriche rilevate sia solo attribuibili ad essa? grazie ancora per l'affabile attenzione,
cordiali saluti

[#15]  
Dr. Pierpaolo Romani

32% attività
0% attualità
16% socialità
LAVAGNA (GE)

Rank MI+ 48
Iscritto dal 2007
Si il suo neurologo ha ragione. Per la diagnosi di spasmofilia non è necessario trovare una diminuzione del calcio intracellulare, ma questa può essere una delle cause e se viene riscontrata la correzione dei livelli di calcio deve essere fatta con un ciclo più lungo e costante di terapia.
Dalle cose che lei mi ha riferito e dall'esame che ho visto non emerge alcun dato compatibile con la diagnosi di SLA. La SM non centra niente con i suoi disturbi perchè è una malattia del sistema nervoso centrale (cervello e midollo) con sintomi completamente diversi.
Non dimentichi di farsi seguire bene anche per il tono dell'umore e il lato emotivo. Tra le righe enmerge una personalità davvero ansiosa.
Cordiali saluti
Dott. Pierpaolo Romani Dirigente Neurologia Ospedale di Lavagna

[#16] dopo  
Utente 413XXX

Salve dottore! volevo ringraziarla ancora una volta per la sua preziosa collaborazione! e volevo porle un'ultima domanda: la spasmofilia è curabile? Sto assumendo magnesio da una settimana ma benefici non ne ho minimamente riscontrati; inoltre la spasmofilia presenta sintomatologia costante, oppure ( come nel mio caso) è un qualcosa in crescendo visto che tre mesi fa ( quando iniziò tutto) non era minimamente così accentuata ed ogni giorno mi sembra che aumentino le zone colpite?Adesso le fascicolazioni le ho ai due avambracci e da li partono gli impulsi che mi fanno muovere le dita...e le ho anche sulle spalle; ecco perchè le chiedo se sia curabile in qualche modo perchè è insopportabile, o perlmomeno se si possa attenuare un pò...grazie ancora per la sua disponibilità,
cordiali saluti