Utente
Sono 4 mesi che vivo un'odissea.....ebbi a metà maggio un colpo della strega scendendo dall'auto, e da allora ho dolori in zona lombo-sacrale e sacro-iliaca , non a riposo, ma dopo un pò che cammino e sto in piedi.Il dolore si estende ai glutei e alle gambe, simil sciatica bilaterale.Terapie effettuate; Voltaren-muscoril, deltacortene, dicloreum 150, tachipirina, tens, laser, ginnastica posturale ( solo 4 sedute). La rmn rivela una lieve protrusione discale l4-l5 e l5-s1 senza coinvolgimenti dei nervi. La rmn bacino è negativa. Il reumatologo dopo analisi del sangue ( tutte negative per i valori infiammatori compreso l'esame Hla 27) ipotizza una claudicatio neurogena. Quindi mi fa rifare per l'ennesima volta la rmn con contrasto però, alla lombare e sacro iliaca anche per escludere definitivamente una spondilite.INoltre mi ha prescritto anche una emg arti inferiori ( quando ho dolore alla schiena sento anche formicolio alle gambe).
Chiedo a lei ...ma una rmn senza contrasto alla lombare non segnalerebbe già questa ipotetica claudicatio? Io dopo un pò che cammino, ho questo dolore bassa schiena glutei e gambe che mi blocca....e perchè mi passi mi devo sdraiare anche per poco...anche stare seduta per me è un problema.
Mi ha prescritto, per il momento, lyrica da 25 poi da aumentare gradualmente ( ma mi sta dando molti eff coll), e algix una al dì.
Da mesi passo da un medico all'altro, dall'ortopedico al fisioterapista, al reumatologo ......una odissea infinita....

[#1]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Utente,

la claudicatio neurogena non è una malattia che si visualizza alla RM, è un sintomo, per es., caratteristico della stenosi del canale vertebrale lombare.
Faccia quello che Le ha prescritto il reumatologo e l'EMG agli arti inferiori, poi, in base all'esito, si vedrà quale specialista sia maggiormente competente.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#2] dopo  
Utente
Gentile dottore,,ilLyrica al dosaggio di soli 25mg ( dovrei arrivare a 75 per 2) mi dà sonnolenza e vertigini, ho provato a prenderlo per 3 giorni (mattina e sera) ma non mi reggo in piedi. Nell'ipotesi che il mio dolore alle gambe fosse di tipo neuropatico, non ho nessuna alternativa a questo farmaco? I preparati a base di vitamina B o integratori come iL normast non mi potrebbero aiutare? Gli esami li ho nell'ultima settimana di agosto, spero con quelli di arrivare a una diagnosi, perchè i dolori sono continui ( glutei e gambe...).
Mi scusi, e grazie.

[#3]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

se il lyrica non è tollerato deve rivolgersi al medico che l'ha prescritto, quest'ultimo provvederà a sostituirlo sia con molecole simili sia con molecole diverse che vengono considerate come integratori ma che, scientificamente, sono farmaci a tutti gli effetti.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro

[#4] dopo  
Utente
l'emg arti inferiori rileva:
sofferenza assonale dello SPE destro;
segni di sofferenza neurogena subacuto cronico nel territorio radicolare L5 s1 a sinistra.
La rmn lombare aveva rivelato due protrusioni discali una a livello L4-L5 , l'altra L5 s1. Attualmente i dolori alle gambe vanno e vengono e partono dai glutei.
Un risultato cosi dell'emg può indicare anche problemi tipo la sclerosi multipla? cosa significa sofferenza assonale e neurogena?

[#5]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

nessun problema di sclerosi multipla, diagnosi questa che non si avvale dell'EMG.
E' stata riscontrata una sofferenza neurogena compatibile con il reperto della RM che evidenziava le due protrusioni discali lombari.
Faccia vedere l'esame al medico che La segue.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro