Utente 424XXX
Buongiorno dottore, a mio marito è stata diagnosticata una encefalite limbica autoimmune. Al momento le risonanze e L'elettroencefalogramma danno segni di miglioramento, ma per quanto riguarda la memoria ha parecchi problemi a ricordare cose dette o fatte da poco. Attualmente è in cura con tolep 600 X 3. C'è possibilità di velocizzare il miglioramento o c'è qualcosa che si può fare per migliorare la memoria?? Grazie. Saluti

[#1] dopo  
Dr. Stefano Vollaro

24% attività
4% attualità
12% socialità
PIACENZA (PC)

Rank MI+ 40
Iscritto dal 2014
Prenota una visita specialistica
Buonasera,
Sono stati individuati degli anticorpi specifici nel liquor e nel siero? Bisogna soprattutto cercare di capire se possa essere una forma ad andamento monofocale (ad esempio post-infettiva) oppure recidivante-remittente (appunto da produzione continua di auto-anticorpi). Il Tolep è una terapia sintomatica per il controllo delle crisi epilettiche, mentre il controllo della patologia si ottiene con l'immunosoppressione: corticosteroidi, plasmaferesi o immunoglobuline per via endovenosa.
Per i danni già causati dalla patologia bisogna attendere e vedere come il cervello recupera. Il cortisone endovena potrebbe essere un aiuto per ridurre più rapidamente l'infiammazione, ma non ci sono ad oggi terapie efficaci nel promuovere la rigenerazione neruonale: bisogna attendere e insistere con la riabilitazione cognitiva. Nelle persone giovani le possibilità di recupero sono solitamente molto più accentuate.
Dr. Stefano Vollaro

[#2] dopo  
Utente 424XXX

Grazie per la veloce risposta. Nel liquor non sono stati trovati anticorpi specifici e ha già fatto due cicli di cortisone e anche immunoglobuline. Quanto saranno lunghi indicativamente i tempi di recupero? Mesi o anni? Grazie ancora

[#3] dopo  
Dr. Stefano Vollaro

24% attività
4% attualità
12% socialità
PIACENZA (PC)

Rank MI+ 40
Iscritto dal 2014
Purtroppo non si può dire in maniera univoca. Bisogna basarsi molto sulla presenza o meno di lesioni residue alla risonanza magnetica e sull'andamento clinico attuale. Ci sono casi che possono recuperare completamente anche in poche settimane una volta interrotto il processo infiammatorio e controllate le crisi epilettiche. L'importante è, appunto, capire se la malattia si è bloccata oppure no.
Dr. Stefano Vollaro

[#4] dopo  
Utente 424XXX

Buongiorno dottore, ad oggi i problemi di memoria sembrano leggermente migliorati. È stato aggiunto anche il Fycompa oltre al Tolep, come cura. È normale che questi problemi di memoria non siano costanti, cioè, di solito sta bene per un paio di settimane e poi per le altre due torna ad avere problemi. È possibile? Grazie!

[#5] dopo  
Dr. Stefano Vollaro

24% attività
4% attualità
12% socialità
PIACENZA (PC)

Rank MI+ 40
Iscritto dal 2014
Buonasera,
Conviene che ne parli con i suoi medici curanti. Le funzioni cognitive possono normalmente essere fluttuanti (anche nelle persone normali), a maggior ragione quando c'è una lesione. In alcuni tipi di patologie neurologiche del lobo frontale e temporale è caratteristica proprio la variabilità fluttuante dei sintomi.
Bisogna escludere che possa trattarsi ancora di crisi epilettiche (ad esempio se ha episodi simili ad assenze oppure rimane francamente confuso per minuti o qualche ora) e, come già detto, verificare che la mattia sia ormai ferma (con le risonanze magnetiche di controllo e le rivalutazioni cliniche). Forse potrebbe chiedere ai suoi medici se è il caso di provare qualche integratore neurotrofico (esistono tante molecole teoricamente efficaci o associazioni di vitamine).
Dr. Stefano Vollaro

[#6] dopo  
Utente 424XXX

Buongiorno dottore, purtroppo mio marito ha ancora gravi problemi. È stato ricoverato tre settimane. Hanno fatto Pet, prelievo del liquido spinale, biopsia midollare, flebo di cortisone e immunoglobuline come nel precedente ricovero. È stato bene 2 settimane e poi il problema si è ripresentato. Problemi di fissazione, non memorizza alcuna informazione nuova ed è molto stanco. Al momento sta prendendo 1800 mg di tolep e 12mg di Fycompa. I dottori dicono che c'è ancora l'encefalite e nel L'elettroencefalogramma non si registrano crisi epilettiche. Ma è normale che continui ad avere questi vuoti di memoria? tutti gli esami risultano negativi. Grazie per la risposta! Buona giornata

[#7] dopo  
Dr. Stefano Vollaro

24% attività
4% attualità
12% socialità
PIACENZA (PC)

Rank MI+ 40
Iscritto dal 2014
Buonasera,
Non ho capito se dagli accertamenti eseguiti risulta che questi siano gli esiti dell'encefalite (nel qual caso questi "vuoti" improvvisi potrebbero essere delle crisi epilettiche, eventualmente resistenti al trattamento attuale) oppure se dopo un periodo di benessere è di nuovo bruscamente peggiorato. In caso di crisi non è detto che l'elettroencefalogramma risulti alterato se non viene fatto nel momento della crisi epilettica (e a volte sono necessari degli elettrodi profondi per registrare bene il segnale di alcune aree del cervello). A questo punto bisognerebbe riflettere se sia utile cominciare una terapia immunosoppressiva/immunomodulante (es. Rituximab) per prevenire l'autoinfiammazione. Dei deficit di memoria permanenti potrebbero comunque rimanere nonostante la risoluzione della patologia.
Dr. Stefano Vollaro

[#8] dopo  
Utente 424XXX

Buonasera, si tratta di esiti di encefalite limbica. la memoria è sempre stata altalenante. È stato bene dopo i due cicli di cortisone e immunoglobuline e dopo circa un mese è tornato ad avere problemi di memoria. Lei sa dirmi un centro dove potrebbero seguirlo? Noi siamo di Mantova. Grazie!

[#9] dopo  
Dr. Stefano Vollaro

24% attività
4% attualità
12% socialità
PIACENZA (PC)

Rank MI+ 40
Iscritto dal 2014
Penso che da Mantova possa provare a chiedere un parere presso la neurologia B dell'ospedale di Verona Borgo Roma. Dovrebbero avere un ambulatorio specifico per le malattie del sistema nervoso a genesi immunitaria.
Dr. Stefano Vollaro